Lori Morning

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Morning
Universo Universo DC
Nome orig. Lori
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore DC Comics
1ª app. dicembre 1995
1ª app. in Legion of Super-Heroes n. 75
Sesso Femmina

Lori Morning è un personaggio dei fumetti della DC Comics, legato alla Legione dei Supereroi.

Prime apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Comparve per la prima volta come parte del crossover Underworld Unleashed, come la figlia di dieci anni di uno scagnozzo di Chronos; suo padre, Ron, comparve per la prima volta in un numero del 1989 di The Atom, sempre scritto da Tom Peyer. Chronos ottenne i suoi poteri di viaggio nel tempo da Neron, ma con l'effetto collaterale dell'invecchiamento accelerato. Trovò il modo di trasferire tale condizione negli altri, e capì che un bambino avrebbe potuto assorbire molta più energia temporale di un adulto prima di morire di vecchiaia. Dopo la sua sconfitta da parte della Legione, Lori rimase nel XXX secolo.

Bloccata nella sua età di diciassette anni (ma ancora mentalmente a dieci), e senza modo di ritornare al XX secolo, fu "adottata" dalla Legione. Ebbe istantaneamente una cotta per il ricercatore del viaggio nel tempo Rond Vidar.

Difese brevemente il quartier generale della Legione contro i mutaforma "Proteani" come "Future Girl", successivamente diventando amica di un essere che lei chiamò Proty.

La vita con la Legione dei Supereroi[modifica | modifica wikitesto]

Infine, con grande delusione di Lori, Rond Vidar trovò un modo per rimuovere l'eccessiva energia temporale dal suo corpo, cosa che la riportò alla sua età iniziale. Poco dopo ciò, ottenne l'accesso a Digitare H per Eroe, e cominciò ad assumere numerose identità da supereroina aiutando segretamente la Legione. Il numero di telefono le fu dato in realtà da Time Trapper, ma quando questi tentò di reclutarla, lei utilizzò il potere del numero telefonico per sconfiggerlo sotto lo pseudonimo di "Galaxy Girl".

Poco dopo, quando un tentativo da parte di Leland McCauley di utilizzare il potere di una misteriosa anomalia spaziale causò l'arresto del tempo, Lori si ritrovò come una dei pochi esseri a non essere stati colpiti. Tentò di utilizzare il potere del numero telefonico per aiutare, ma fu fermata da Time Trapper, che sentiva che la ragazza era troppo imprevedibile. Sebbene lei non vide il suo assalitore, i volti di entrambi erano ben visibili.

La Legione infine scoprì che Lori utilizzò il numero telefonico. Il loro dissenso sul fatto se lei fosse o no pronta ad essere un'eroina, fece sì che Lori lasciasse la Legione e si unisse alla Workforce di McCauley. Si scoprì che la Legione non ebbe mai la sua custodia legale, così l'assistente khundiana Amilia Crugg se ne occupò all'istante.

Dopo il Blight, McCauley annunciò che il rischiare le vite degli adolescenti era una cosa impensabile, e che la Workforce non consisteva di adulti. Questa fu una mossa anti-Legione che si rivoltò contro di lui, quando si scoprì, quando la nuova Workforce sconfisse Rift, che uno dei membri era Lori con il potere del numero telefonico H for Hero. Lori diede il numero a Brainiac 5.1 così che potesse utilizzarlo per sconfiggere Rift, che fu distrutto. Questo marcò la fine delle comparse del personaggio nelle storie della Legione; questa versione della Legione fu poi rinnovata.

A causa del suo nome, e al fatto che era una ragazza bionda di un'età incostante che sarebbe potuta essere il successivo Time Trapper, si speculò sul fatto che Lori fosse la versione post-rinnovamento di Glorith, una teoria confermata dalla squadra creativa della Legione durante un pannello di discussione all'Heroes Convention di Charlotte nel 1999.

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics