Eando Binder

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Otto Binder)

Eando Binder è lo pseudonimo usato dai due fratelli Earl Andrew Binder (19041965) eOtto Oscar Binder (19111975) per i loro libri.

I due fratelli sono divenuti famosi per i loro racconti di fantascienza con protagonista il robot Adam Link. I racconti furono stampati nel 1965 in un'antologia dal titolo Adam Link - Robot, che si apre con il loro racconto più famoso: Io, Robot, titolo che verrà usato anche per l'antologia di racconti robotici di Isaac Asimov.

Earl ed Otto ("E and O") hanno assunto anche altri pseudonimi, come John Coleridge e Francis Turek. Va comunque precisato che dal 1940 in poi, dopo cioè la serie di Adam Link, Earl abbandona la narrativa, lasciando il solo Otto a scrivere con il nome di Eando Binder.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Lords of Creation (1949)
  • Secret of the Red Spot
  • Adam Link - Robot (1965) [antologia]
  • Anton York - Immortal (1965) [antologia]
  • Menace of the Saucers (1969)
  • Five Steps to Tomorrow
  • The Cancer Machine
  • Enslaved Brains
  • Night of the Saucers (1971)
  • Puzzle of the Space Pyramids (1971)
  • The Double Man
  • The Impossible World
  • The Mind from Outer Space
  • Get Off My World (1971)
  • The Three Eternals
  • Where Eternity Ends

Antologie[modifica | modifica wikitesto]

  • Storie di vampiri (2003)
    • racconto "In un cimitero"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN53719904 · ISNI: (EN0000 0000 3879 6180 · LCCN: (ENno93000146 · BNF: (FRcb16678701p (data)