Levano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Levano
Struttura di un generico levano
Struttura di un generico levano
Nomi alternativi
Polifruttosio
Caratteristiche generali
Aspettopolvere bianca
Numero CAS9013-95-0
Indicazioni di sicurezza
Frasi H--
Consigli P--

Il levano è un fruttano formato da unità D-fruttofuranosio unite da legami β-2,6. In relazione al numero di monomeri che concorrono a formare l'intera struttura molecolare, si passa dal levano più semplice, formato da tre catene di fruttosio e avente formula molecolare C18H32O16, a una serie di molecole via via più complesse.

Il levano, oltre ad essere utilizzato come additivo alimentare, ha anche dimostrato attività antineoplastica.[1]

Origine e struttura[modifica | modifica wikitesto]

Solitamente i levani sono fruttani di origine batterica che presentano ramificazioni e anche qualche legame β-2,1 con il fruttosio.[2] I batteri in grado di produrre il levano devono possedere l'enzima levansucrasi, che è in grado di catalizzare il trasferimento di residui D-fruttosidici.[3] Esempi di tali batteri sono Streptococcus salivarius, Streptococcus mutans, e batteri del genere Leuconostoc.[3]

Con il termine fleina si è soliti indicare i levani di origine vegetale, i quali presentano prevalentemente una struttura lineare.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Levan - Compound Summary, in PubChem. URL consultato il 17 maggio 2013.
  2. ^ a b P. M. Dey, J. B. Harborne, Plant Biochemistry, Academic Press, 1997, p. 170, ISBN 0-12-214674-3.
  3. ^ a b Esopolisaccardi (EPS) da batteri lattici (PDF), su users.unimi.it, Università degli Studi di Milano, p. 3. URL consultato il 17 maggio 2013.