Leopold König

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leopold König
ToB 2014 stage 8a - Leopold König 02 (cropped).jpg
König al Tour of Britain 2014
Nazionalità Rep. Ceca Rep. Ceca
Altezza 178[1] cm
Peso 62[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra Bora
Carriera
Squadre di club
2006-2010 PSK Whirlpool
2011-2014 NetApp
2015-2016 Sky
2017 Bora
Nazionale
2004- Rep. Ceca Rep. Ceca
Statistiche aggiornate al maggio 2015

Leopold König (Moravská Třebová, 15 novembre 1987) è un ciclista su strada ceco che corre per la Bora-Hansgrohe. Ha caratteristiche di scalatore[1], ed è professionista dal 2011.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nella carriera da dilettante ottiene diversi piazzementi di rilievo, specialmente nella stagione 2010. Nel 2011 debutta da professionista con la formazione tedesca NetApp. Durante l'anno si classifica secondo all'Österreich-Rundfahrt, terzo al Tour de l'Ain e nono al Tour of Britain, mentre nel 2012 si piazza terzo al Tour of Utah e ancora nono al Tour of Britain (vincendo anche la sesta tappa)[1]. Nel 2013 si classifica sesto alla Settimana Internazionale di Coppi e Bartali, e vince quindi la settima tappa del Tour of California e la classifica generale Czech Cycling Tour; nel finale di stagione chiude al nono posto la Vuelta a España, aggiudicandosi l'ottava tappa con arrivo in salita sull'Alto de Peñas Blancas[1][2].

Nel 2014 si piazza al settimo posto in classifica generale al Tour de France, andando anche a podio nella tappa alpina da Saint-Étienne a Chamrousse (terzo posto dietro a Vincenzo Nibali e Rafał Majka), e dimostrando grandi potenzialità per le corse a tappe[3]. Per il 2015 si trasferisce tra le file del team World Tour britannico Team Sky[1].

Nel 2016, dopo un inizio di stagione tribolato, si presenta al via della Vuelta a España in buona condizione, con il ruolo di seconda punta nel caso il capitano Chris Froome non dovessse essere al massimo. Si comporta benissimo fino alla 14ª tappa, tanto da accupare il quinto posto in classifica. Viene però sorpreso nelle retrovie dall'attacco di Alberto Contador e Nairo Quintana all'inizio della frazione successiva e non riesce a recupare terreno tanto che conclude nel gruppetto, penultimo, a 53'54" dal vincitore di giornata Gianluca Brambilla, precipitando così al 31º posto in classifica generale. Nonostante sia andato fuori tempo massimo la giuria consente a lui e a tutti gli altri ritardatari di prendere il via della 16ª tappa.[4] Nel corso della 17ª tappa va in fuga ma, prima dell'ultima salita, viene anticipato da Dario Cataldo e Mathias Frank. Nonostante la grande rimonta deve accontentarsi del 2º posto di giornata a 6" dal corridore svizzero.[5]

Per la stagione 2017 si accasa con la Bora. Designato come capitano per il Giro d'Italia è tuttavia costretto a saltare la corsa per problemi ad un ginocchio.[6]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

5ª tappa Corsa della Pace Juniores
  • 2006 (PSK Whirlpool-Hradec Kralove, una vittoria)
2ª tappa Vysočina
  • 2007 (PSK Whirlpool-Hradec Kralove, una vittoria)
Classifica generale Vysočina
  • 2010 (PSK Whirlpool-Author, otto vittorie)
Brno-Velka Bites-Brno
1ª tappa Oberösterreich Rundfahrt (Linz > Bad Leonfelden)
Classifica generale Oberösterreich Rundfahrt
1ª tappa Czech Cycling Tour (Olomouc > Prostějov)
Classifica generale Czech Cycling Tour
Prologo Vysočina
3ª tappa Vysočina
3ª tappa Tour of Bulgaria (Sofia > Kazanlăk)
  • 2012 (Team Netapp, una vittoria)
6ª tappa Tour of Britain (Welshpool > Caerphilly)
  • 2013 (Team Netapp-Endura, quattro vittoria)
7ª tappa Tour of California (Livermore > Mount Diablo)
3ª tappa Czech Cycling Tour (Zábřeh > Šternberk)
Classifica generale Czech Cycling Tour
8ª tappa Vuelta a España (Jerez de la Frontera > Estepona, Alto de Peñas Blancas)
Leopold König al Giro d'Italia 2015, alla partenza dell'ultima tappa

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 (Team NetApp)
2ª tappa, 2ª semitappa Settimana Internazionale di Coppi e Bartali (Gatteo, cronosquadre)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2014: 7º
2015: 70º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2014: 67º
2015: 27º
2016: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN310665920