Joseph Blair

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joseph Blair
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Russia Russia
Altezza 210 cm
Peso 120 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Vice-allenatore (ex centro)
Squadra R.G.V. Vipers
Ritirato 2009 - giocatore
Carriera
Giovanili
C.E. King High School
1992-1996 Arizona Wildcats
Squadre di club
1996-1997 Pau-Orthez
1997-1998 Globetrotters
1998 Long Island Surf 1
1998-1999 Pall. Biella 31 (544)
1999-2000 V.L. Pesaro 32 (450)
2000 Globetrotters
2000-2001 P.A.O.K.
2001-2002 V.L. Pesaro 36 (433)
2002-2004 Ülkerspor
2004-2007 Olimpia Milano 112 (1296)
2007-2008 Spartak Primor'e
2008-2009 Sptk. S. Pietroburgo 6
Carriera da allenatore
2013-2015 Arizona Wildcats (vice)
2015- R.G.V. Vipers (vice)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 aprile 2016

Joseph Blair (Akron, 12 giugno 1974) è un ex cestista e allenatore di pallacanestro statunitense con cittadinanza russa, professionista in Europa.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha frequentato l'Arizona University dal 1992 al 1996, con 11 punti e 6,5 rimbalzi di media a partita. Viene scelto dalla squadra NBA dei Seattle SuperSonics col numero 35 del draft 1996 ma subito viene ingaggiato da una squadra europea: i francesi del Pau-Orthez.

Nel 1997-98 gioca con la spettacolare squadra degli Harlem Globetrotters, in cui torna poi nel 2000.

Arriva in Italia nel 1998, indossando la maglia della Pallacanestro Biella, in serie A2. L'anno successivo passa alla Scavolini Pesaro, dove tornerà poi anche nel 2001.

Ha giocato anche con Long Island Surf (1998), PAOK Salonicco (2000) e Ülker Istanbul (2002-04). Con questi ultimi ha vinto due Coppe di Turchia.

Nell'estate 2004 passa all'Olimpia Milano.

I suoi punti di forza sono la precisione al tiro, la grande capacità di trattare il pallone, la forza a rimbalzo ma soprattutto il suo carisma, sia in campo sia fuori, accostato alla spettacolarità nel gioco, con un filosofia assorbita nei suoi anni nei Globetrotters.

Il suo grande punto debole è invece l'imprecisione nei tiri liberi: in carriera ha una percentuale di poco superiore al 50%, e un suo 0/6 ai liberi nel corso di gara 4 della finale scudetto 2004-05, persa 65-67 contro la Fortitudo Bologna, è stato una delle cause della sconfitta della sua squadra.

È vegetariano e molto religioso; ha due figli, nati dall'unione con una ragazza italiana.

Nel 2007, dopo aver passato un'estate senza una squadra con cui giocare, i Chicago Bulls hanno chiamato Blair per il training camp di inizio stagione[1]. Blair dovrà lottare con altri giocatori come il playmaker Andre Barrett, l'ala piccola Justin Cage, la guardia Thomas Gardner ed il centro Jared Homan.

Il 10 ottobre è stato tagliato dalla squadra di Chicago. Dopo aver giocato nello Spartak Primor'e come naturalizzato russo, si trasferisce allo Spartak San Pietroburgo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Ülker: 2003, 2004

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2002-2003
Pesaro: 2001-2002

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Blair prova a Chicago - Eurosport

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]