Joey Kramer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joey Kramer
Joeykramerwikipedia.JPG
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereHard rock
Blues rock
Heavy metal
Pop metal
Periodo di attività musicale1973 – in attività
StrumentoBatteria
Sito ufficiale

Joseph Micheal Kramer (New York, 21 giugno 1950) è un batterista statunitense, membro degli Aerosmith.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel Bronx, è il primogenito maschio di Mick Kramer, un soldato, e Doris Schwartz, un'infermiera e ha tre sorelle più piccole, Annabelle, Suzy e Amy. Nel corso della sua adolescenza ha frequentato la Thornton Donovan School.

La sua avventura musicale iniziò intorno ai 13 anni, quando ebbe un incidente in bici. La vendette e si comprò le prime parti di un set da batteria.

Formò una band, gli Strawberry Ripple e uno dei nomi scartati fu proprio Aerosmith. Alla Roosvelt High-School incontrò Steven Tyler e Ray Tabano. Entrò subito come batterista al posto di Tyler, che poté dedicarsi solo al canto.

È stato lui a dare il nome agli Aerosmith nel 1973. Il nome lo scrisse per la prima volta quando era ancora a scuola, sul suo taccuino. Quando la band dovette scegliere un nome, si ricordò dell'appunto e lo propose. In un'intervista gli si chiese il perché di quel nome e lui rispose: "Aerosmith è dedicato ad una mia compagna alla high-school. Quel nome lo scrissi praticamente su tutti i miei libri scolastici".

Ha suonato in tutti gli album della band. Uno dei suoi soprannomi è Kram-Dog.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Aerosmith[modifica | modifica wikitesto]

Album studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • È stato fidanzato con Patty Bourdon, madre di Rob Bourdon, batterista del gruppo rock dei Linkin Park. È stato lui a regalargli il primo pedale per la batteria, in occasione del suo compleanno.
  • Ha suonato nell'album "Il mondo che vorrei" di Vasco Rossi nelle tracce 6 e 10 (Cosa importa a me e Non Sopporto)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84960385 · ISNI (EN0000 0000 7886 9479 · LCCN (ENn2008082485 · GND (DE139589104