Ipotensione ortostatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ipotensione ortostatica
Specialitàcardiologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM458.0
ICD-10I95.1
MeSHD007024
eMedicine902155

L'Ipotensione ortostatica, o ipotensione posturale, è una forma di ipotensione in cui la pressione del sangue di un individuo crolla rapidamente nel momento in cui si alza in piedi o compie uno sforzo analogo. Tra i sintomi derivanti cefalea, ipostenia, vertigini, acufeni, svenimenti e insonnia).[1] Il calo della pressione arteriosa può essere improvviso (ipotensione ortostatica vasovagale), entro 3 minuti (ipotensione ortostatica classica) o graduale (ipotensione ortostatica ritardata).[2] È definita come una caduta della pressione arteriosa sistolica di almeno 20 mm Hg o pressione diastolica di almeno 10 mm Hg quando una persona assume una posizione eretta. Si verifica principalmente per costrizione ritardata (o assente) dei vasi sanguigni inferiori, che è normalmente richiesta per mantenere una pressione sanguigna adeguata quando si cambia posizione in posizione eretta. Di conseguenza, i pool di sangue nei vasi sanguigni delle gambe per un periodo più lungo e meno viene restituito al cuore, portando così a una ridotta gittata cardiaca e un flusso di sangue inadeguato al cervello.

L'ipotensione ortostatica occasionale molto lieve è comune e può verificarsi brevemente in chiunque, sebbene sia prevalente in particolare tra gli anziani e quelli con bassa pressione sanguigna nota. Gravi abbassamenti della pressione sanguigna possono causare svenimenti, con possibilità di lesioni. Cadute moderate della pressione sanguigna possono causare confusione / disattenzione, delirio ed episodi di atassia. L'ipotensione ortostatica cronica è associata a ipoperfusione cerebrale che può accelerare la fisiopatologia della demenza. Non è chiaro se si tratti di un fattore causale nella demenza.[3]

Esistono numerose possibili cause di ipotensione ortostatica, come alcuni farmaci (ad es. alfa-bloccanti), neuropatia autonomica, riduzione del volume del sangue, atrofia multi-sistemica e rigidità dei vasi sanguigni correlata all'età.

Oltre ad affrontare la causa sottostante, l'ipotensione ortostatica può essere trattata con una raccomandazione per aumentare l'assunzione di sale e acqua (per aumentare il volume del sangue), indossare calze a compressione e talvolta farmaci (fludrocortisone, midodrina o altri). L'aumento dell'introito del sale ( l'effetto dell'aumento dell'assunzione di sale ) deve essere controllato da un medico, poiché ciò può causare gravi problemi neurologici se fatto in modo troppo aggressivo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Luisa Sambati, Giovanna Calandra-Buonaura e Roberto Poda, Orthostatic hypotension and cognitive impairment: a dangerous association?, in Neurological Sciences, vol. 35, n. 6, 1º giugno 2014, pp. 951–957, DOI:10.1007/s10072-014-1686-8. URL consultato il 25 aprile 2020.
  2. ^ Orthostatic Hypotension Information Page, su ninds.nih.gov.
  3. ^ (EN) Sambati L, Calandra-Buonaura G, Poda R, Guaraldi P, Cortelli P, Orthostatic Hypotension and Cognitive Impairment: A Dangerous Association?, su Neurological sciences : official journal of the Italian Neurological Society and of the Italian Society of Clinical Neurophysiology, 2014 Jun. URL consultato il 25 aprile 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina