Indipendentismo catalano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera dell'Indipendentismo catalano.

L'indipendentismo catalano (in catalano independentisme català) è una corrente sociale, culturale e politica che propugna l'indipendenza della Catalogna e, più in generale, dei Paesi catalani, come stato sovrano all'interno dell'Unione europea.

Si basa sull'idea che i catalani formino una nazione, avendo una propria storia, una propria lingua ed una propria cultura.

Il simbolo del movimento è la bandiera chiamata Estelada.

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Via Catalana a Barcellona. Tratto 724 che attraversò il Camp Nou.

Il 10 luglio 2010 si svolse nella città di Barcellona una manifestazione per l'autonomia catalana, seguita da un'altra manifestazione svoltasi l'11 settembre 2012[1].

L'11 settembre 2013 diverse organizzazioni della società civile catalana organizzarono una catena umana lunga più di 400 km, chiamata Via Catalana, con una partecipazione stimata di 1,6 milioni di cittadini, attraverso 86 comuni catalani[2][3].

Referendum[modifica | modifica wikitesto]

Murales a Vilassar de Mar che recita: "Una nazione, i Paesi catalani! Una lingua, il catalano!"

Il referendum per l'autodeterminazione della Catalogna è stato un progetto di referendum con data ufficiale il 9 novembre 2014. Tuttavia il 25 marzo dello stesso anno il tribunale costituzionale spagnolo ne ha dichiarato l'illegittimità[4][5]; il governo catalano ha inizialmente comunicato che la consultazione si sarebbe tenuta ugualmente[6] ma, l'8 aprile, il parlamento spagnolo ha definitivamente rigettato la richiesta referendaria[7], nonostante il 23 aprile il presidente della Catalogna continuasse ad affermare che "probabilmente il referendum si terrà e il popolo catalano sarà chiamato alle urne il 9 novembre".[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]