Il tifoso, l'arbitro e il calciatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il tifoso, l'arbitro, il calciatore
Il tifoso, l'arbitro e il calciatore.png
Alvaro Vitali e Enzo Cannavale
Paese di produzione Italia
Anno 1983
Durata 93 min
Genere comico
Regia Pier Francesco Pingitore
Soggetto Pier Francesco Pingitore, Luciano Martino, Francesco Milizia, Michele Massimo Tarantini
Sceneggiatura Pier Francesco Pingitore, Luciano Martino, Marino Girolami e Francesco Milizia.
Produttore Nuova Dania, Medusa
Fotografia Federico Zanni
Montaggio Amedeo Moriani
Musiche Gianni Sposito e Dimitri Gribanowsky
Interpreti e personaggi
Primo episodio

Secondo episodio

Doppiatori italiani

Il tifoso, l'arbitro e il calciatore è un film del 1983 diretto da Pier Francesco Pingitore Con Alvaro Vitali e Pippo Franco.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'arbitro e il calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Alvaro Presutti, di professione usciere, è un arbitro noto per la propria inflessibilità e la rigidità con cui dirige gli incontri, incassando stoicamente gli insulti del pubblico e sedando le proteste dei calciatori con metodi violenti (testate). Ben diversa è la sua vita privata, dove viene continuamente vessato dal capo ufficio, dai colleghi e dalla suocera. Di ritorno da un incontro appena diretto, Presutti riceve un pacco anonimo che, tramite una videocassetta e una cartolina, sembra dimostrare l'esistenza di una relazione tra sua moglie e il centravanti della Juventus Walter Grass.

Per vendicarsi Presutti, sfruttando gli intrallazzi che il collega Sposito ha nella Federazione, si fa assegnare la direzione della partita tra i bianconeri e la Fiorentina, durante la quale si vendica del giocatore prendendo decisioni sfavorevoli nei suoi confronti (gli annulla quattro reti, non gli assegna un rigore e lo espelle per delle presunte percosse) e fingendo di essere stato aggredito al termine dell'incontro.

Ricoverato all'ospedale per un sospetto trauma cranico, Presutti riceve la visita di Grass che gli rivela di essere in realtà omosessuale: di lì Presutti arriva a scoprire che la cartolina e la videocassetta sono dei montaggi realizzati per aizzarne la gelosia e falsare il risultato di Fiorentina-Juventus. Discutendone con la moglie, la donna gli confessa che tutto ciò era stato architettato da Sposito per pilotare il risultato al fine di realizzare una vincita spropositata al Totonero (le scommesse sui singoli incontri essendo vietate all'epoca). Per vendicarsi del torto subito dall'amico Presutti, una volta discolpato Grass, attira Sposito in casa su invito della moglie e lo punisce facendolo sodomizzare dal partner del calciatore.

Il tifoso[modifica | modifica wikitesto]

Sor Memmo e Amedeo nella curva della Roma
Sor Memmo e Amedeo in una scena

Amedeo è un tifoso romanista, figlio del titolare del Bar Forza Lupi e fidanzato con Patrizia, la figlia del commendator Pecorazzi, proprietario dell'azienda in cui lavora. Per ingraziarsi il futuro suocero, acceso tifoso laziale (tanto da farsi negare al telefono con Giulio Andreotti e installare nei bagni della ditta della carta igienica di colore giallorosso), si finge tifoso biancoceleste.

Con qualche escamotage (fa credere al suocero di essere rimasto orfano di padre in seguito ad un risultato sfavorevole della Lazio o dice al padre di non poter venire a una trasferta della Roma perché preso da impegni di lavoro, consistenti poi nell'assistere agli incontri casalinghi della Lazio) Amedeo riesce sempre a non farsi scoprire dal padre cardiopatico (che potrebbe quindi morire se sapesse che il figlio fosse laziale) e dal suocero (che, scoprendolo romanista, lo licenzierebbe in tronco e gli negherebbe la mano della figlia, tra l'altro scopertasi incinta). Per sua fortuna la Lazio si trova in Serie B, e quindi con nessuna possibilità di giocare una stracittadina, fin quando non viene organizzato un derby per beneficenza.

Dopo aver tentato di declinare l'invito del suocero e del padre ad assistere alla partita, durante l'incontro Amedeo tenta di essere presente sia in curva nord, sia in curva sud fingendo di allontanarsi per dei problemi intestinali e, durante il tragitto tra i due settori, cambiandosi d'abito girando la giacca. A forza di percorrere di corsa lo spazio tra le due curve Amedeo si affatica e si confonde con il risultato che, in seguito ad un rigore segnato dalla Roma all'ultimo minuto, esulta nella curva sbagliata e viene inseguito dai laziali inferociti. Individuato dal gruppo di tifosi del padre, Amedeo viene picchiato anche da loro credendolo laziale e da lì si scatena una zuffa da cui lo salva la fidanzata. Durante la fuga, discutono sulla possibilità di battezzare il figlio romanista o laziale: la successiva nascita di due gemelli metterà tutti d'accordo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Filippo Gatti, Il tifoso, l'arbitro e il calciatore, in dossier Cinegoal! allegato a Nocturno N.71, Anno XIV, giugno 2008
  • Marco Giusti, Stracult - dizionario dei film italiani, Edizioni Frassinelli 2004

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]