Herpesvirus umano 6

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Herpesvirus umano 6
Hhv-6 (1).jpg
Classificazione dei virus
Dominio Acytota
Gruppo Gruppo I (Virus a dsDNA)
Ordine Herpesvirales
Famiglia Herpesviridae
Sottofamiglia Betaherpesvirinae
Genere Roseolovirus
Specie Human herpesvirus 6

L’Herpesvirus umano 6 (Human herpesvirus 6) o HHV-6 è un Betaherpesvirus della famiglia degli Herpesviridae. È stato scoperto nel 1986 in pazienti affetti da AIDS che presentavano una patologia linfoproliferativa. Sono conosciute due varianti virali (HHV-6A e HHV-6B), che sono considerate specie diverse (1), in quanto differiscono per tropismo cellulare, associazione con malattie, profilo immunologico, ecc.

HHV-6B è molto diffuso, tant'è che la prima infezione avviene generalmente entro i primi due anni di vita. Allora può presentarsi sotto la tipica forma della Roseola infantum, detta VI malattia. Anche HHV-6A infetta la popolazione umana, ma con frequenza minore, e non si conoscono con precisione la malattie associate all'infezione primaria.

Come tutti gli herpesvirus, entrambe le varianti possono rimanere latente e riattivarsi in seguito alla depressione del sistema immunitario (com'era nei pazienti AIDS in cui fu isolato).

Il virus ha un particolare tropismo i linfociti T, soprattutto i CD4+. Tuttavia infetta anche gli altri T, le cellule Natural Killer, astrociti e monociti. Il recettore per HHV-6A è la glicoproteina CD46, che è diffusa in moltissimi tipi cellulari umani, mentre il recettore per HHV-6B è la molecola CD134.

1) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24193951

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Microbiologia Portale Microbiologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di microbiologia