Funicolare di Saint-Vincent

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°45′00.17″N 7°39′07.3″E / 45.750047°N 7.652029°E45.750047; 7.652029

Funicolare di Saint-Vincent
Vettura n. 2 della dotazione d'origine quando era conservata presso l'ex Museo dei trasporti Ogliari
Vettura n. 2 della dotazione d'origine quando era conservata presso l'ex Museo dei trasporti Ogliari
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Saint-Vincent
Dati tecnici
Tipo funicolare
Stato attuale in uso
Apertura 1900
Gestore Comune di Saint-Vincent
Percorso
Stazione a valle Saint-Vincent
(570 m s.l.m.)
Stazione a monte Fons Salutis
(633 m s.l.m.)
Lunghezza 231 m
Dislivello 63 m
Pendenza max 27%
Trasporto a fune

La funicolare di Saint-Vincent è una breve funicolare che collega il centro abitato di Saint-Vincent (piazza 28 aprile) con lo stabilimento termale "Fons Salutis".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costruita e inizialmente gestita dall'ingegnere Diatto, la funicolare venne inaugurata il 15 luglio 1900.

Venne completamente ricostruita fra il 1969 e il 1971, sostituendo le vetture d'origine con altre più moderne. Una delle due vetture d'origine è conservata al Museo dei trasporti Ogliari a Ranco.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un impianto lungo 231 metri (in orizzontale) che supera un dislivello di 63 metri. A causa della brevità del percorso, la funicolare fu costruita interamente a doppio binario, e non, come d'uso comune, con un raddoppio a metà percorso.

I binari, a scartamento metrico, sono armati con rotaie Vignoles dal peso di 14,5 kg/m; l'originaria trazione a contrappeso d'acqua fu sostituita nel secondo dopoguerra dalla trazione elettrica.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Castiglioni, La funicolare di Saint-Vincent, in "I Treni" n. 208 (ottobre 1999), pp. 30–32.
  • Giovanni Cornolò e Francesco Ogliari, La funicolare Saint Vincent - Fons Salutis (1901 - 2003), in Si viaggia... anche all'insù. Le funicolari d'Italia. Volume secondo (1901-1945), Arcipelago Edizioni-Milano, 2006, pp. 435–446. ISBN 88-7695-325-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]