Funivia dell'Etna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Funivia dell'Etna
Mount Etna - looking down upon Rifugio Sapienza and Nicolosi Nord.jpg
Vista della funivia dal lato superiore
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàEtna
Dati tecnici
Tipofunivia
Stato attualeIn uso
GestoreFunivia dell'Etna S.p.A.
Percorso
Stazione a valleRifugio Sapienza
Stazione a monte2.504 m
Lunghezza2000 m
Dislivello577 m
Interscambiobus navetta per sommità
Trasporto a fune

La funivia dell'Etna è un impianto di trasporto a fune sito sul fianco meridionale del vulcano eponimo.

Gli impianti in corso di ripristino nel 2004

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione della funivia venne intrapresa alla fine degli anni cinquanta da una società costituita dal conte Dino Lora Totino, ingegnere e progettista di funivie, già realizzatore della funivia dei Ghiacciai sul Monte Bianco. La società assunse il nome di Società Industrie Turistico Alberghiere Siciliane (S.I.T.A.S.)[1]. Come punto di partenza venne scelto il piazzale a quota 1.900 sul quale insisteva già il rifugio Sapienza e quivi venne costruita la stazione di partenza con annessi locali di servizio e biglietteria. L'inaugurazione avvenne nel 1966.

L'impianto collegava quota 1.927 m s.l.m. con quota 2.930 con una stazione intermedia a 2.500 m. Rimase in funzione fino al 1971 quando una violenta eruzione attaccò e distrusse la stazione sommitale e la sezione più alta[2]. L'eruzione del 1983 distrusse anche la stazione intermedia di quota 2.500.

Riattivata in tempi brevi (la sola sezione bassa di circa 2 km) con una nuova stazione terminale a 2.607 m venne nuovamente colpita dalla lava che nel 1985 ne distrusse la stazione sommitale.

Nel 1990 venne riaperta all'esercizio con una nuova stazione terminale a quota lievemente più bassa (2.495 m); vennero nel frattempo adeguate le caratteristiche tecniche con nuovi impianti. L'eruzione violenta del 2001 ne distrusse nuovamente il terminale alto e danneggiò buona parte del percorso[3] minacciando anche la stazione bassa di partenza. Nell'ottobre del 2002 la stazione alta venne demolita.

Dopo alcuni anni di inattività vennero ripresi i lavori di ricostruzione ex novo con nuovo tipo di cabine e di tecnologia portando alla sua riapertura nell'agosto del 2004[3] con nuova stazione di arrivo a quota 2.504 m.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il primo impianto era del tipo bifune ad ammorsamento fisso, con 24 cabine in linea da 6 posti di tipo similare a quello della funivia Aiguille du Midi - Punta Helbronner. Il percorso era costituito da due tratte rispettivamente di 2.067 m e di 2.110 m con partenza da quota 1.927 m, stazione intermedia a 2.500 m e stazione terminale a 2.930 m. Dopo la distruzione del 1971 il secondo tratto non è stato più ricostruito.

L'impianto attuale è del tipo cabinovia monofune con ammorsamento automatico. Le cabine, di design Pininfarina, sono 72. La lunghezza è di circa 2 km con 20 piloni intermedi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Erice, la funivia che c'era, in Altra Trapani.net, maggio 2008. URL consultato l'11 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  2. ^ Alberto Di Blasi, Geografia umana ed economica della Sicilia, pp. 11-12. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  3. ^ a b Touring Club Italiano, L'Italia dello sci, pp. 359-360. URL consultato il 6 dicembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]