Frate Gomita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Frate Gomita (XIII secoloSassari, XIII secolo) è stato un politico italiano, conosciuto principalmente come personaggio della Divina Commedia di Dante Alighieri, dov'è menzionato nel XXII canto dell'Inferno, nella quinta bolgia dell'ottavo cerchio, tra i barattieri.

Egli in realtà non viene incontrato direttamente, ma citato da un suo compagno di pena, Ciampolo da Navarra, che lo definisce vasel d'ogni froda: vicario di Nino Visconti che resse il giudicato di Gallura in Sardegna, commise abbondanti malversazioni fin quando non lasciò evadere dei prigionieri dietro riscatto, crimine per il quale venne impiccato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]