Libertà va cercando, ch'è sì cara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gustave Doré: Catone
« Or ti piaccia gradir la sua venuta:
libertà va cercando, ch'è sì cara,
come sa chi per lei vita rifiuta
. »
(Purgatorio canto I vv. 70-72)

Libertà va cercando, ch'è sì cara è un verso di Dante (v. 71), del I canto del Purgatorio della Divina Commedia: sono le parole rivolte da Virgilio a Catone Uticense (custode dell'accesso al monte del Purgatorio) per presentargli Dante in quanto "cercatore di libertà"; le successive (come sa chi per lei vita rifiuta, v. 72), sono invece riferite al suicidio di Catone a Utica, all'approssimarsi della dittatura cesariana.

Il giudizio dantesco sul suicidio, esplicitamente condannato nel canto infernale di Pier della Vigna, è qui capovolto come eccezione, in virtù dello scopo eroico di libertà "politica" di quel gesto di Catone (come accennato nel De Monarchia, II 5, 15); la libertà ricercata da Dante è invece quella dal male, intrinseco nella condizione umana[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D. Alighieri, La Commedia, vol. II, a cura di Bianca Garavelli, Milano, Bompiani, 1993, p. 13.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura