Polizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Forze dell'ordine)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la forza di polizia italiana dipendente dal ministero dell'interno, vedi Polizia di Stato.

Il termine polizia è in genere usato per indicare il complesso delle attività istituzionali di gestione delle comunità umane organizzate. Il termine viene utilizzato indicare i corpi, i soggetti preposti a tale attività, e la natura stesse delle competenze esercitate.

Polizia locale a cavallo a Firenze.

I preposti e/o gli appartenenti a tale ruolo vengono comunemente identificati con il termine poliziotto o agente di polizia, ed operano in particolari organismi detti corpi di polizia (spesso genericamente identificate come forze dell'ordine) ovvero degli organismi di diritto pubblico precipuamente delegati a svolgere e a sovrintendere a determinate funzioni e/o competenze. Nei corpi possono essere presenti anche delle unità speciali con particolari compiti, come la polizia scientifica o dei reparti operativi speciali, comunemente detti teste di cuoio.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto deriva dallo sviluppo della polis della Grecia antica. In senso storico si tratta dunque di un concetto molto prossimo a quello di governo, inteso come potere esecutivo, gestore dell'autorità conferitagli dalla comunità di riferimento al fine dell'amministrazione della cosa pubblica e spesso in funzione del bene comune. Ed è concetto affine anche a quello della pubblica sicurezza, uno degli elementi costituzionali del contratto sociale e una delle tematiche che più direttamente legano il concetto originario di polizia con quello moderno.

La polizia britannica è stata una delle prime organizzazioni istituzionali di polizia in senso moderno, avendo introdotto un concetto di polizia metropolitana già nel XVI secolo. Nello stesso paese intorno al 1821, nacque "Scotland Yard" (che prese però tale nome solo nel 1829). Prima di tale data i compiti di polizia erano affidati a dei "retti cittadini" secondo il codice di Winchester del 1285.

Oggi quasi tutti gli ordinamenti giuridici degli stati moderni prevedono l'istituzione e l'impiego di corpi di polizia, con differenziazioni che tengono conto delle relative specificità culturali (ed eventualmente anche religiose - ad esempio in regimi di teocrazia) e giuridiche.

Il ruolo e la funzione[modifica | modifica wikitesto]

Agenti dello U.S. Customs and Border Protection in assetto antisommossa.
Poliziotto statunitense in tenuta da ordine pubblico.

Il termine invidua oggi un generico corpo istituzionale preposto alla tutela dell'ordine pubblico contro gli attentati che questo potrebbe patire dalla condotta illegale di alcuni individui o da eventi fortuiti, che minerebbero appunto la sicurezza pubblica. Tipicamente una polizia dedica una quota maggioritaria delle proprie attività alla prevenzione ed alla repressione del crimine, ma in genere vi è sempre anche una parallela funzione di pubblico soccorso per situazioni di emergenza.

La funzione di polizia, per come generalmente la si intende in sistemi di cultura occidentale dei tempi nostri, attiene eminentemente alla lotta al crimine, individuale od organizzato. Non è raro, anzi, vedere che del termine "polizia" si abbia anche normativamente un uso esclisivamente limitato alle funzioni di tutela del rispetto ordinamentale. La polizia - così individuata - opera di fatto principalmente perché l'ordinamento ottenga il rispetto della collettività interessata attraverso l'osservanza delle leggi preposte a regolamentarne la vita, rispetto che perciò si esplicita tanto nell'induzione ad una condotta rispettosa delle leggi che nella punizione dei comportamenti sanzionati dall'ordinamento giuridico. In questo applica il complesso delle sue potenzialità operative, al fine di prevenire la commissione e la perpetrazione di atti e fatti costituenti crimine (o comunque turbativa dell'ordine pubblico) ed allo scopo di perseguire gli esecutori di eventuali atti e fatti illeciti.

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

La polizia di prevenzione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Polizia di prossimità.

La prevenzione della consumazione di delitti o comunque di illeciti viene in genere svolta attraverso attività di prevenzione a vari livelli, che rendano l'eventuale crimine assai difficoltoso da perpetrare oppure scarsamente conveniente, come ad esempio il pedinamento dei soggetti indiziariamente ritenuti probabilmente propensi a delinquere e loro neutralizzazione possibilmente prima che l'illecito sia commesso o prima che esso possa produrre effetti nocivi, [1] o anche un più capillare e costante controllo del territorio, concetto alla base della cosiddetta polizia di prossimità.

Il ruolo di norme concepite allo scopo è uno dei supporti più efficaci, ma anche una delle condizioni necessarie, per l'azione di polizia preventiva; ad esempio, la discussa previsione (comune a molti ordinamenti) di una fattispecie delittuosa come l'associazione per delinquere, che a talune condizioni sancisce l'illiceità del mero progetto di crimine, senza necessariamente attendere che un reato sia commesso per aversi l'illegalità. È in genere una norma ritenuta di ausilio alle attività di prevenzione poiché consente di prevenire la commissione del reato attraverso la punibilità del suo mero progetto, ed è strumento che assume valore di utilità ordinamentale quando appunto si possa applicarla per impedire il reato attraverso la punizione dell'organizzazione delle fasi preparatorie pratiche dello stesso.

La polizia giudiziaria[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Polizia giudiziaria.

Diversamente da ruoli di prevenzione ed attività operativa sul territorio, I suoi compiti sono essenzialemente di investigazione, che informa ed agisce su impulso della magistratura.

La polizia giudiziaria, valendosi anch'essa di strumenti normativi e di tecniche ed accorgimenti pratici, opera per assicurare all'ordinamento la punizione dei soggetti ritenuti responsabili di illecito, non sottoponendoli a diretto giudizio, bensì acquisendo elememti utili alle indagini, in modo da comsentire all'autorità giudiziaria di svolgere il prorpio ruolo, ed eventualmente incriminare gli indagati e promuovere azione legale contro di loro.

Le polizie specifiche[modifica | modifica wikitesto]

Un poliziotto militare dell'Iraq recente (dopo la guerra del golfo) imbraccia una mitragliatrice PKM
Un reparto di Ordine pubblico della polizia della Danimarca

Sono istituite per svolgere funzioni dedicate alla tutela del rispetto ordinamentale per questioni di magari più pratica consistenza, di più minuziosa individuazione e solitamente di minore drammaticità sociale, ciò nonostante di più immediato contatto. Gli Stati federali possono inoltre costituire uno o più corpi - raggruppati sotto la definizione di polizia federale - con competenze delimitate ad un ambito geografico e/o in particolari materie.

Tra i vari esempi possiamo ricordare polizia amministrativa, che si occupa di regolamentare aspetti pratici della vita comune in genere incentrati sulla garanzia di rispetto di normazioni burocratiche, tecnologiche, commerciali, e genericamente pratiche, affinché tutta l'opera di regolamentazione legiferata per ordinare azioni più normalmente ascrivibili alla quotidianità possa godere di altrettanto efficace garanzia di correttezza. Altre funzioni di polizia a competenza speciale sono per esempio la polizia sanitaria, la polizia urbanistica, la polizia di frontiera, la polizia forestale e la polizia militare.

Nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Forze di polizia italiane.

Il termine può essere utilizzato per riferirsi alle varie forze di polizia italiane, essi sono definiti come agenti di pubblica sicurezza; per gli appartenenti alla Polizia di Stato la qualifica di ingresso è quella dell'agente.

Ci sono poi diversi altri corpi, quali il Corpo di Polizia Penitenziaria, la Guardia di Finanza, l' Arma dei Carabinieri Generalmente la legge prevede, ricorrendone le circostanze, che la polizia possa operare congiuntamente con le forze armate (come ad esempio in caso di guerra).

Il ruolo di polizia militare è svolto dall'Arma dei Carabinieri e dalla Guardia di Finanza (in tale ultimo caso solomall'internomdel corpo). La prima inoltre dispone di nuclei speciali deputati alla prevenzione o repressione di particolari crimini, come ad esempio il "Nucleo tutela patrimonio culturale" e il "Nucleo antisofisticazioni" (in sigla NAS) diretto alla verifica del rispetto delle normative in materia sanitaria e di conservazione, commercio o somministrazione di alimenti, ed i comando carabinieri per la tutela del lavoro, in materia di accertamento e repressione in tema di violazioni del diritto del lavoro in Italia.

Stati Uniti d'America[modifica | modifica wikitesto]

Nelle grandi metropoli, operano generalmente dei corpi di polizia metropolitane, mentre nelle contee ci sono invece le poliziae di contea - solitamente a capo vi è uno sceriffo - mentre i vari Stati degli Stati Uniti d'America hanno proprie polizie statali (state police). Infine, a livello federale, vi sono alcuni corpi di polizia, come ad esempio l'FBI.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un'opera storicamente importante su questo argomento è: Bartolommeo Fiani, Della polizia considerata come mezzo di preventiva difesa: trattato teorico-pratico, Tipografia Nazionale Italiana, Firenze 1853.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4046595-0
diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto