Polizia islandese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ríkislögreglan
Mostrina della Polizia islandese
Mostrina della Polizia islandese
Descrizione generale
Attiva 1778 - oggi
Nazione Islanda Islanda
Tipo polizia civile
Dimensione 805 unità circa (2011)
Motto Dalle leggi si costruirà un paese
Comandanti
Ministro dell'Interno Haraldur Jóhannessen
Commissario nazionale di polizia Haraldur Jóhannessen

[senza fonte]

Voci di forze di polizia presenti su Wikipedia

La Polizia islandese (Lögreglan á Íslandi in islandese) ebbe origine nel 1778, quando le industrie fecero la loro prima comparsa nel Paese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo capo della polizia fu Rasmus Frydensberg, sindaco di Reykjavík, che assunse due ex soldati, Biørn Ole e Vilhelm Nolte, primi poliziotti della città.

Dopo il 1891 anche nelle altre regioni islandesi si assunsero poliziotti.

Nel 1939 il Primo Ministro Hermann Jónasson assunse come capo della Polizia Agnar Kofoed-Hansen.

Il 2 dicembre 2013, la polizia uccise per la prima volta un uomo che sparava da un appartamento[1].

Organizzazione corrente[modifica | modifica wikitesto]

La Polizia islandese è sotto il comando supremo del Ministro della Giustizia e del commissario nazionale che amministra la polizia con l'autorizzazione del ministro.

Armi in dotazione[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene i poliziotti islandesi portino solo uno sfollagente ed il MK-4 OC-spray, mentre sono in servizio, essi sono addestrati anche nell'uso di armi da fuoco. Fa eccezione l'Aeroporto Internazionale di Keflavík, dove la Polizia ha in dotazione la Glock 17.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Redazione web, Islanda, polizia spara a uomo armato e lo uccide: non era mai accaduto, LaPresse, 2 dicembre 2013. URL consultato il 29 marzo 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Islanda Portale Islanda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islanda