Football Club Locarno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Football Club Locarno
Calcio Football pictogram.svg
FC Locarno.svg
Bianche Casacche, Bianchi, Verbanesi
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Bianco.svg Bianco
Simboli Leone
Dati societari
Città Locarno
Nazione   Svizzera
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Switzerland (Pantone).svg ASF/SFV
Campionato Terza Lega
Fondazione 1906
Scioglimento2018
Rifondazione2018
Presidente   Mauro Cavalli
Allenatore   Remy Frigomosca
Stadio Stadio del Lido
(10 000 posti)
Sito web www.fclocarno.ch
Palmarès
Titoli nazionali 2 Campionati di LNB/Challenge League
Si invita a seguire il modello di voce

Il Football Club Locarno è una società calcistica svizzera con sede nella città di Locarno. La sua fondazione risale al 1º luglio 1906. Milita in Terza Lega, settima serie del campionato svizzero di calcio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il FC Locarno nasce nel 1906, grazie all'iniziativa di un gruppo di giovani svizzero-tedeschi, tra i quali troviamo Hermann Keller (che è da considerare come il più attivo), Theophil Marthaler, Enrico Schürch, Edoardo Scheu, Emil Plattner e Ulisse Lesnini, l'unico locarnese di questi pionieri. All'inizio la compagine non disponeva di un terreno e improvvisava le sue sgambate nei vari prati della città; la prima maglia ufficiale del Locarno era a strisce bianche e blu verticali, ispirata alla casacca della squadra del Blue Stars di Zurigo.

La costituzione ufficiale arriverà però l'anno successivo; infatti all'inizio del 1907 e più precisamente il 16 febbraio su "Il Dovere" si leggeva il seguente trafiletto: "Si è costituita fra i nostri giovani tedeschi e soci ginnasti una società per giocare al football. Le gare inizieranno ai Saleggi, appena la "Signora neve" si deciderà di cedere il campo. Alla nuova società gli auguri di vita florida e lunga...".

I primi anni non furono però facili, visto che dopo l'entusiasmo iniziale si assistette ad una pausa che bloccò le attività della neonata società dal 1910 al 1911.

Gli anni della LNA[modifica | modifica wikitesto]

Verso la fine del secondo conflitto mondiale il F.C. Locarno ritornò in Serie A alla fine della stagione 1944-1945. Il FC Locarno seppe difendere il suo posto in Lega Nazionale A fino alla stagione 1952-1953, con, come apice, la qualificazione per la finale della Coppa Svizzera nel 1951, dopo uno spareggio contro il Bellinzona, finale nella quale dovette soccombere al F.C. La Chaux-de-Fonds.

Retrocesse nel 1955 in Prima Lega, la terza categoria del campionato svizzero, le bianche casacche rimangono in quel "purgatorio" per 26 stagioni consecutive alternando tentativi di risalita, a volte falliti di poco, a stagioni di basso profilo. Il riscatto è datato 1981, con la promozione in LNB.

Dagli anni ottanta al terzo millennio[modifica | modifica wikitesto]

L'ultimo scorcio di XX secolo è caratterizzato da una permanenza quasi continua in Lega Nazionale B, interrotta giusto da un'ultima promozione nell'élite (1985) e da due retrocessioni in Prima Lega. La stagione 1985-1986, conclusa con il ritorno in Lega Nazionale A, vide i bianchi terminare con 96 reti segnate in sole 30 partite.

Tra la metà degli anni ottanta e i primi anni novanta la società investì importanti capitali per assicurarsi giocatori di fama internazionale, alcuni dei quali con presenze nella nazionale del loro Paese: fra questi ultimi si citano il tedesco Kurt Niedermayer e gli argentini Gustavo Costas e Beto Barbas. All'investimento non corrispose però un miglior rendimento.

Durante il campionato 2007-2008 il Locarno è riuscito a conquistare la salvezza dopo essere stato per la gran parte del campionato in zona retrocessione. Gli allenatori sono stati Arno Rossini e Paul Schönwetter, subentrato in primavera.

Dal 2008–2009 il Locarno è sempre riuscito a conservare il proprio posto in Challenge League, anche grazie alle retrocessioni a tavolino di Gossau e La Chaux-de-Fonds. Anche al termine della stagione 2010-2011 il Locarno è riuscito a salvarsi, al termine di un girone di ritorno che ha visto i bianchi chiudere al terzultimo posto, grazie anche alle reti di Armando Sadiku.

Durante la stagione 2011-2012 il Locarno ha mantenuto il proprio posto in Challenge League posizionandosi al nono posto e salvandosi matematicamente con una giornata d'anticipo rispetto alla fine del campionato.

Anche nella stagione 2012-2013, chiusa all'ultimo posto con soli 24 punti in 36 gare disputate, il Locarno poté mantenere il suo posto nella lega cadetta grazie al contemporaneo fallimento del Bellinzona, con conseguente ripescaggio per i bianchi. Già l'anno successivo tuttavia la relegazione in Promotion League si concretizzò[1].

Nel giugno 2014 la società passò di mano a un gruppo di investitori riunito attorno all'ex-giocatore Michele Nicora[2]. La stagione 2014-2015 si rivelò egualmente difficile, con tre cambi d'allenatore: a Paul Schönwetter[3] succedette dapprima il direttore sportivo Kazik Nicolò (che gestì la squadra ad interim), quindi Winfried Kurz[4] e poi ancora il sammarinese Marco Ragini[5].

Nella stagione 2016-2017 partecipa alla Prima Lega e al termine di una stagione deludente viene retrocesso in Seconda Lega Interregionale. Nel mese di gennaio della stagione 2017-2018 il club fallisce.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Football Club Locarno










Legenda:

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Il Locarno gioca le partite casalinghe allo stadio del Lido. Costruito nel 1926, ha una capienza di 11.000 spettatori (1.000 seduti e 10.000 in piedi). Le dimensioni del terreno di gioco sono di 105 per 68 m.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del F.C. Locarno

Di seguito la cronologia degli allenatori.[6]

2002-2005 (CH) Giorgio Donati
Allenatori

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del F.C. Locarno

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1929-1930
1944-1945, 1985-1986

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Finalista: 1950-1951
Semifinalista: 1933-1934, 1942-1943, 1946-1947, 1986-1987
Terzo posto: 1931-1932 (girone ovest), 1940-1941 (girone est), 1943-1944 (girone est)

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione alle coppe[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Partecipazioni Debutto Ultima stagione
Coppa Svizzera 72 1926-1927 2017-2018

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

I bianchi sono sostenuti da due gruppi di tifoseria organizzata: il Pardo Club, da tre decenni accampato nella "Curva del Gas" (oggi nota come "Curva Ovest"), e la Cirrosi Epathica.

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2017-2018[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 21 agosto 2017.[7]

N. Ruolo Giocatore
1   P Fabian Schönwetter
2   D Stefano De Giambattista
3   D Lionel Chiandussi
3   C Velibor Simić
4   D Marco Perazzo
5   D Loris Zicardi
7   A Cristian Lamanna
8   C Mario Zupčić
11   A Josip Zivko
13   D Hemza Mihoubi
15   A Erolind Osmani
N. Ruolo Giocatore
16   D Gianluca Marra
17   A Stefan Matić
18   C Pino Facundo
20   D Luca Giaccari
21   D Davide Rodriguez
22   C Fahd El Bahja
23   C Shemsedin Idrizi
27   P Mario Lulić
  A Mattia Maruccia
  A Kevin Pollini
  D Ivan Traykovski

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Locarno retrocesso, su ticinonews.ch. URL consultato il 23 giugno 2014.
  2. ^ Il FC Locarno è stato ceduto, su cdt.ch. URL consultato il 23 giugno 2014 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2014).
  3. ^ Schönwetter mister a Locarno, ora è ufficiale, su tio.ch. URL consultato il 23 giugno 2014.
  4. ^ Locarno: tocca a Kurz!, su ticinonews.ch. URL consultato l'8 ottobre 2014.
  5. ^ È Marco Ragini il nuovo allenatore del Locarno, su cdt.ch. URL consultato il 12 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2015).
  6. ^ Allenatori, su calcio.com, https://www.calcio.com. URL consultato il 30ottobre 2021 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2021).
  7. ^ La squadra della stagione 2017-2018, fclocarno.ch.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito della ASF., su football.ch.
  • Sito della squadra., su fclocarno.ch. URL consultato il 28 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2006).
  • Dati sul campo di calcio., su swissgrounds.ch. URL consultato il 28 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
Controllo di autoritàVIAF (EN296613710 · GND (DE1032264071 · WorldCat Identities (ENviaf-296613710
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio