Ernst & Young

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
EY
Logo
Logo
StatoBandiera del Regno Unito Regno Unito
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione1989 a Londra
Sede principaleLondra
Persone chiaveCarmine Di Sibio, A.D.
Settorefinanziario
Fatturato40000000000 $[1] (2021)
Dipendenti312.250[2] (2021)
Slogan«Building a better working world»
Sito webwww.ey.com

EY, precedentemente noto come Ernst & Young,[3][4] è un network mondiale di servizi professionali di consulenza direzionale, revisione contabile, fiscalità, transaction e formazione. Il network, che nel 2020 contava 300000 dipendenti, è presente con più di 700 uffici in oltre 150 Paesi. La società fa parte delle cosiddette Big Four: le quattro più grandi aziende di revisione, insieme a Deloitte & Touche, Pricewaterhouse Coopers e KPMG.

Il fatturato di EY è in continua crescita, anno su anno. Dal 2009 al 2019 vi è stato un aumento del 69%, passando da 21,5 miliardi di $ a 36,4 miliardi di $. In termini consulenziali, le attività principali nelle quali l'azienda si distingue sono: gestione dei financial modeling risks, costruzione delle independent IT architectures (in termini funzionali) e massimizzazione delle Web Strategy Analysis (sotto il profilo strategico).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Arthur Young nasce a Glasgow, Scozia. Laureato in legge si interessa anche di banche e investimenti. Nel 1890, si trasferisce negli Stati Uniti per dedicarsi alla carriera di contabile. Nel 1906, apre uno studio di contabilità, la Arthur Young & Company con il fratello Stanley. Alwin C Ernst nasce a Cleveland, Stati Uniti. Dopo aver abbandonato la scuola lavora come contabile. Poi, nel 1903, insieme al fratello Theodore apre la Ernst & Ernst, un piccolo studio di contabilità.

Ernst è stato un pioniere dell'idea secondo cui l'informazione contabile poteva essere usata per prendere decisioni di business e fare la differenza nelle società dei clienti. Young invece si afferma sia come consulente finanziario sia come contabile.[5] Entrambi avevano compreso l'importanza delle proprie risorse. Nel 1920, la filosofia di Ernst & Ernst affermava: "Il successo di Ernst & Ernst dipende interamente dal carattere, dall'abilità e dall'operosità degli uomini e delle donne che compongono l'organizzazione".[6] Young sosteneva lo sviluppo dei professionisti. Nel 1920 costituisce una scuola per il personale e, nel 1930, è il primo studio a reclutare risorse dai campus universitari.[5] Entrambi gli studi sono stati anche rapidi nel penetrare il mercato mondiale. Già nel 1924 si associano con importanti studi britannici: Young con Broads Paterson & Co ed Ernst con Whinney Smith & Whinney. Queste alleanze furono le prime di tante altre per entrambi gli studi, che aprirono nuove sedi in tutto il mondo per seguire i propri clienti internazionali.[7]

AC Ernst e Arthur Young non si sono mai incontrati nella loro vita, ma sono morti a pochi giorni di distanza l'uno dall'altro nel 1948. Nonostante questo, però, nel 1989, gli studi che avevano creato si sono uniti per costituire Ernst & Young.[8] A partire dal 1º luglio 2013, il nome dell'azienda Ernst & Young è stato sostituito da EY.[3][4] In Italia EY ha diverse sedi sparse in tutta la penisola, tra cui Ancona, Bari, Bergamo, Bologna, Brescia, Cagliari, Firenze, Genova, Napoli, Torino, Trieste e Verona, ma le principali sono a Milano, in Via Meravigli, 12/14[9], e a Roma, in via Lombardia, 31[10][11].

Ogni anno, la società organizza l'EY Capri Digital Summit[12], un evento che riunisce le principali realtà lavorative prevedendo sessioni plenarie e differenti approfondimenti verticali su argomenti come il 5G, le nuove frontiere dell'AI, il cloud computing, le tecnologie emergenti per l'evoluzione degli ecosistemi pubblico e privato, la difesa e la sicurezza, il sense providing, il CSR, la experience economy e la customer centricity. Ad aprile 2020, Massimo Antonelli è alla guida della società, prendendo il posto di Donato Iacovone[13][14][15].

Premio EY L'Imprenditore dell'Anno[modifica | modifica wikitesto]

Il Premio è nato da un'idea di Ernst & Young, negli Stati Uniti, nel 1986, a Milwaukee (Wisconsin), con lo scopo di celebrare gli imprenditori di successo, condividere le loro storie ed essere fonte d'ispirazione per imprenditori eccellenti.[16]

Nel 1993 il Premio ha iniziato ad espandersi a livello internazionale in 145 città e oltre 60 paesi, assegnando oltre 900 riconoscimenti all'anno agli imprenditori più innovativi e di successo di tutto il mondo, dal 2001 ha assunto dimensione globale con l'introduzione del World Entrepreneur Of The Year Award (WEOY) che si tiene ogni anno a Montecarlo: naturale proiezione delle edizioni locali, cui concorrono i vincitori nazionali dei paesi coinvolti per l'assegnazione del riconoscimento di Miglior Imprenditore del Mondo. Tra i vincitori mondiali ricordiamo Olivia Lum di Hyflux, Michael Spencer di ICAP, Guy Laliberté di Cirque du Soleil, Narayana Murthy di Infosys Technologies e l'italiano Paolo Della Porta di Saes Getters, vincitore della prima edizione internazionale del Premio nel 2001.[8] Nel 2002 fu premiato come imprenditore dell'anno Rosario Messina, fondatore di Flou, per la Categoria "Innovazione".[17]

Dal 2008, più di 6.500 imprenditori hanno aderito al network Entrepreneur Of The Year alumni. Un "Albo d'oro" di aziende emergenti e non che include molti nomi noti dell'imprenditoria. Più della metà delle aziende top 100 NASDAQ hanno ricevuto il riconoscimento di Imprenditore dell'Anno e la maggior parte di esse lo hanno ottenuto prima di entrare in questa prestigiosa classifica.

In Italia è stato introdotto nel 1997 e nel 2015 è giunto alla sua diciannovesima edizione.

Il Premio è rivolto a imprenditori alla guida di imprese italiane, in attività da almeno 3 anni, con fatturato a partire da 25 milioni di euro.

Accettati come insindacabili e inappellabili, il giudizio e la valutazione dei candidati competono ad una giuria esterna e indipendente da EY, composta da membri di alto profilo professionale appartenenti al mondo dell'imprenditoria, del mondo accademico e della comunicazione.

Tra i vincitori delle passate edizioni italiane: Oscar Farinetti, Presidente Eataly Distribuzione; Alessandro Benetton, Vice Presidente Esecutivo di Benetton Group; Brunello Cucinelli, Presidente di Brunello Cucinelli; Andrea Illy, Amministratore delegato di Illycaffè; Nerio Alessandri, Presidente di Technogym; Mario Moretti Polegato, Presidente di GEOX International.[18][19]

Aspetti controversi[modifica | modifica wikitesto]

Controllo fiscale[modifica | modifica wikitesto]

EY è stata coinvolta in molti scandali contabili: Bank of Credit and Commerce International (1991), Informix Corporation (1996), Sybase (1997), Cendant (1998), One.Tel (2001), AOL (2002), HealthSouth Corporation (2003), Chiquita Brands International (2004), Lehman Brothers (2010), Sino-Forest Corporation (2011), Olympus Corporation (2011), Stagecoach Group (2017)[20], Wirecard (2020)[21], Luckin Coffee (2020)[22] e NMC Salute (2020)[23].

Nel 2004, Ernst & Young è stata punita per aver stipulato un lucroso accordo commerciale con uno dei suoi clienti di audit, PeopleSoft, creando così un conflitto di interessi. Di conseguenza, la SEC ha impedito all'azienda di accettare nuove società quotate in borsa come clienti per sei mesi..[24]

Nell'aprile 2004, Equitable Life, una compagnia di assicurazioni sulla vita del Regno Unito, fece causa a EY dopo essere quasi fallita, ma abbandonò il caso nel settembre 2005. EY descrisse il caso come "una scandalosa perdita di tempo, denaro e risorse per tutte le parti interessate".[25]

Nel 2009, EY, l'ex revisore dei conti di Sons of Gwalia, ha concordato un accordo di $ 125 milioni per il loro ruolo nel crollo del minatore d'oro nel 2004. Ferrier Hodgson, l'amministratore della società, aveva affermato che EY era negligente sulla contabilità dell'oro e sulla copertura dei contratti. Tuttavia, EY ha affermato che l'accordo proposto non era un'ammissione di alcuna responsabilità.[26]

A seguito delle accuse della Securities and Exchange Commission (SEC) secondo cui EY aveva commesso una frode contabile nel suo lavoro di verifica dei libri contabili di Bally Total Fitness, EY ha raggiunto due accordi nel 2008, inclusa una multa di 8,5 milioni di dollari.[27]

EY Hong Kong ha rassegnato le dimissioni dall'audit di Standard Water quando è emerso che, sebbene EY Hong Kong avesse firmato l'audit, era stata effettivamente esternalizzata all'affiliata nella Cina continentale, che aveva ricevuto il 99,98% della commissione[28]. Questo è stato importante perché gli azionisti hanno meno fiducia nei revisori del continente e perché i documenti di revisione nel continente sono soggetti alle leggi sul segreto di stato e possono essere trattenuti dalle autorità di regolamentazione[28]. Il leader della gestione della qualità e del rischio di EY (Greater China) ha persino testimoniato davanti al Tribunale di primo grado di non essere sicuro dell'esistenza di un accordo formale riguardante il rapporto tra le due entità di EY. Il caso giudiziario nel 2013 è arrivato quando le autorità di regolamentazione statunitensi si stavano interessando a casi simili di frode contabile nella Cina continentale[28].

Nel settembre 2016 la SEC, l'ente di regolamentazione dei titoli statunitensi, ha multato EY US $ 9,3 milioni per fallimenti, incluso il coinvolgimento romantico di un revisore con un cliente. Un altro partner del team che stava controllando un'altra società pubblica è stato coinvolto sentimentalmente con il suo capo contabile.[29]

Nell'ottobre 2016, EY si è accordata con la SEC perché non era in grado di rilevare frodi di bilancio commesse dal Weatherford International, che aveva dichiarato in modo errato i propri rendiconti finanziari. EY era il revisore indipendente di Weatherford quando è stata perpetrata la frode.[30][31]

Nell'ottobre 2016, Mozilla ha smesso di accettare gli audit WebTrust di Ernst & Young Hong Kong a causa del loro fallimento "nel rilevare più problemi che avrebbero dovuto rilevare" durante gli audit di WoSign.[32][33]

Nel febbraio 2017, in risposta alle domande relative ai certificati emessi in modo errato, Symantec ha dichiarato che non avrebbe più accettato gli audit WebTrust da E&Y Korea e E&Y Brazil a causa di carenze in questi audit.[34]

Secondo il Wall Street Journal, nel 2019, EY aveva verificato WeWork, la società di spazi per uffici che "è quasi fallita dopo aver armeggiato con un'offerta pubblica iniziale pianificata".[22]

Nell'aprile 2020, un ex partner e informatore ha ricevuto 10,8 milioni di dollari per cattiva condotta etica da parte di EY in un audit sull'oro di Dubai da parte dell'alta corte di Londra. EY ha presentato ricorso contro la decisione, ma poi ha ritirato l'appello nel marzo 2021.[35][36]

Nel 2020, EY non è riuscita a scoprire 2 miliardi di dollari che mancavano a Wirecard AG, una società tedesca di elaborazione dei pagamenti fintech. Ciò ha portato a una causa intentata contro EY nel giugno 2020. Un'indagine del Bundestag ha rivelato nell'aprile 2021 che gli audit di EY del defunto gruppo di pagamenti Wirecard hanno sofferto di gravi carenze per un molti anni.[37][38]

EY inoltre non è riuscita a identificare 300 milioni di dollari in "vendite fabbricate" nel loro audit del 2020 della catena di caffè Luckin Coffee e 5 miliardi di dollari in "debiti non divulgati" presso NMC Health e Finablr.[22] and $5 billion in "undisclosed debt" at NMC Health and Finablr.[22]

Nell'agosto 2021, EY US ha accettato di pagare 10 milioni di dollari come parte di un accordo con la SEC relativo alle accuse di cattiva condotta dell'indipendenza dei revisori perpetrate da molti dei suoi partner per assicurarsi Sealed Air come cliente.[39]

Nell'agosto 2021, il Financial Reporting Council (FRC) di regolamentazione contabile del Regno Unito ha inflitto a EY UK una multa di 3,5 milioni di sterline (4,8 milioni di dollari) per non aver contestato i bilanci nella sua revisione del 2017 della società di trasporti britannica Stagecoach Group. Inoltre, il partner incaricato della revisione contabile Mark Harvey è stato sanzionato e multato di £ 100.000. La multa di EY è stata successivamente ridotta a £ 2,2 milioni per aver ammesso i fallimenti, con la multa di Harvey ridotta a £ 70.000 per lo stesso motivo.[20]

Nel dicembre 2021, EY ha presentato una denuncia penale contro ignoti ai pubblici ministeri di Monaco in merito alla presunta fuga di un rapporto parlamentare tedesco riservato relativo al suo ruolo nel crollo della società di pagamenti, Wirecard, al quotidiano tedesco Handelsblatt.[40]

Nell'aprile 2022 gli amministratori di NMC Health hanno intentato una causa da 2,5 miliardi di dollari contro EY, adducendo negligenza durante il suo lavoro sui conti di NMC per un periodo di sette anni.[41]

Nell'aprile 2023 l'"Abschlussprüferaufsichtstelle" (APAS) tedesco (l'ente federale che vigila sui revisori) ha valutato che EY ha commesso violazioni degli obblighi relativi al suo mandato presso Wirecard, e ha vietato alla società per due anni di accettare nuovi incarichi di revisione per le società quotate in borsa.[42]

Revisione contabile[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2022, la SEC ha inflitto all'azienda una multa di 100 milioni di dollari perché i suoi professionisti dell'audit avevano "barato sugli esami richiesti per ottenere e mantenere le licenze di Certified Public Accountant (CPA)" e per aver nascosto le prove di questa cattiva condotta alla SEC durante le indagini[43]. EY ha ammesso "i fatti alla base delle accuse della SEC"[43]. La sanzione inflitta è la più alta mai imposta a una società di revisione degli Stati Uniti[44]. Il Canadian Public Accountability Board ha annunciato che indagherà per verificare se il braccio canadese di EY sia stato coinvolto in pratiche simili[45].

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo logo di EY è stato presentato nel luglio 2013 in concomitanza con la modifica del nome commerciale dell'azienda da Ernst & Young a EY.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ EY reports global revenues of US$40b in 2021, su ey.com, EY, 9 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  2. ^ EY reports global revenues of US$40b in 2021, su ey.com, 9 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  3. ^ a b c (EN) Ernst & Young rebranded as EY - and Mark Weinberger appointed CEO, su business-live.co.uk. URL consultato il 26 luglio 2021.
  4. ^ a b Il gruppo Ernst & Young diventa EY, su milanofinanza.it. URL consultato il 29 luglio 2021.
  5. ^ a b R. Hayes, P. Eimers e P. Wallage, Principles of International Auditing and Assurance, Amsterdam University Press, 2021, ISBN 9048554160.
  6. ^ H. Qadri, History Of Auditing Firms, University of Sindh Thatta, 2019.
  7. ^ (EN) Home | Building a better working world | EY – Global, su ey.com. URL consultato il 21 febbraio 2023.
  8. ^ a b Our history [collegamento interrotto], su ey.com. URL consultato il 1º dicembre 2015.
  9. ^ Google Maps, su Google Maps-US. URL consultato il 21 aprile 2020.
  10. ^ Google Maps, su Google Maps-US. URL consultato il 21 aprile 2020.
  11. ^ Elena Zuccollo, Antirion: riqualificata la nuova sede EY a Roma, su Requadro, 2 marzo 2020. URL consultato il 21 aprile 2020.
  12. ^ EY Capri Digital Summit, su ey.com.
  13. ^ Ey: Massimo Antonelli regional partner dell'area Med e ceo per l'Italia, su la Repubblica, 13 marzo 2020. URL consultato il 21 aprile 2020.
  14. ^ DUESSE COMMUNICATION S.r.l, Massimo Antonelli nuovo Ceo Italia di Ey, su Business People. URL consultato il 21 aprile 2020.
  15. ^ Massimo Antonelli, regional partner area mediterranea e ceo Italia di Ey, su Prima Comunicazione, 13 marzo 2020. URL consultato il 21 aprile 2020.
  16. ^ G. K. Ericksen, The Ernst & Young Entrepreneur of the Year Award Insights from the Winners' Circle, Kaplan Business, 2002, ISBN 0793148898.
  17. ^ Ernst & Young Acquires Andersen India | Emerging Markets Economy | Find Articles at BNET.com, su web.archive.org, 29 gennaio 2008. URL consultato il 21 febbraio 2023 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2009).
  18. ^ Premio EY: "L'Imprenditore dell'Anno" 2019 è Massimo Perotti di Sanlorenzo, su repubblica.it. URL consultato il 20 luglio 2021.
  19. ^ Premio EY, è Massimo Perotti l'Imprenditore dell'anno, su ansa.it. URL consultato il 20 luglio 2021.
  20. ^ a b Yadarisa Shabong, EY fined 3.5 mln stg for failings in Stagecoach audit, in Reuters, 25 agosto 2021. URL consultato il 4 giugno 2022.
  21. ^ Simon Goodley, Call for three-year ban on EY bidding on public contracts, in The Guardian, 15 novembre 2020. URL consultato il 15 novembre 2020.
  22. ^ a b c d Jing Yang, Patricia Kowsmann e Mark Maurer, String of Firms That Imploded Have Something in Common: Ernst & Young Audited Them, in Wall Street Journal, 16 ottobre 2020, ISSN 0099-9660 (WC · ACNP). URL consultato il 9 dicembre 2020.
  23. ^ Julia Kollewe, Watchdog investigates EY audit of scandal-hit NMC Health, in The Guardian, 4 maggio 2020. URL consultato il 15 novembre 2020.
  24. ^ Jonathan Weil, Ernst & Young Gets SEC Penalty For Ties to Client, in The Wall Street Journal, 19 aprile 2004. URL consultato il 18 dicembre 2016.
  25. ^ "Equitable Drops High Court Action".. BBC News. 2005. Retrieved 26 August 2006.
  26. ^ "Ernst & Young Agrees to $125m Sons of Gwalia Settlement". URL consultato il 12 aprile 2023 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2011). Copia archiviata, su au.news.yahoo.com. URL consultato il 12 aprile 2023 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2011).. The West Australian 4 September 2009.
  27. ^ Floyd Norris, Ernst to Pay the S.E.C. $8.5 Million, in The New York Times, 18 dicembre 2009. URL consultato il 21 aprile 2011.
  28. ^ a b c Shirley Yam, E&Y's outsourced auditing raises eyebrows in court, in South China Morning Post, 18 maggio 2013.
  29. ^ Harriet Agnew, EY fined $9m for improper auditor relationships, in The Financial Times, 19 settembre 2016. URL consultato il 4 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2022).
  30. ^ Big 4 accounting firms, Ernst & Young Settles with SEC over Weatherford Fraud – The Big 4 Accounting Firms, su big4accountingfirms.com, Thebig4accountingfirms.com, 23 ottobre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  31. ^ Oil Services Company Paying $140 Million Penalty for Accounting Fraud, su sec.gov, 27 settembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  32. ^ Mozilla, Distrusting New WoSign and StartCom Certificates, su blog.mozilla.org, blogs.mozilla.org, 24 ottobre 2016. URL consultato il 12 febbraio 2017.
  33. ^ Mozilla, WoSign and StartCom, su docs.google.com, Google Docs, 26 settembre 2016. URL consultato il 12 febbraio 2017.
  34. ^ Symantec, Symantec Second Response to Mis-Issuance Questions, su bug1334377.bmoattachments.org, bugzilla.mozilla.org, 12 febbraio 2017. URL consultato il 16 agosto 2018.
  35. ^ EY ordered to pay whistleblower $11m in Dubai gold audit case, in The Guardian, 17 aprile 2020. URL consultato il 18 aprile 2020.
  36. ^ Andy Verity, EY drops appeal against $10.8m whistleblower payment, in BBC News, 29 marzo 2021. URL consultato il 27 maggio 2022.
  37. ^ (EN) Ernst & Young sued over Wirecard as accounting woes add up, su Accounting Today, 8 giugno 2020. URL consultato il 22 giugno 2020.
  38. ^ Olaf Storbeck, EY's Wirecard audits suffered serious shortcomings, German probe finds, in FT.com, Financial Times Group, 17 aprile 2021. URL consultato il 5 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2022).
  39. ^ Kyle Brasseur, EY fined $10M for independence violations in Sealed Air engagement, su Compliance Week, 2 agosto 2021. URL consultato il 4 giugno 2022.
  40. ^ Olaf Storbeck, EY files criminal complaint over leaking of classified Wirecard report, in The Financial Times, 22 novembre 2021. URL consultato il 16 dicembre 2021 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2022).
  41. ^ Auditor EY hit by £2bn negligence claim over NMC Health collapse, su Sky News. URL consultato il 30 aprile 2022.
  42. ^ (DE) René Bender, Bert Fröndhoff, Martin Greive e Volker Votsmeier, Wirecard-Skandal: EY darf zwei Jahre keine neuen Prüfungsmandate bei Börsenkonzernen übernehmen [EY is not allowed to take on new audit mandates at stock exchange groups for two years], su handelsblatt.com, 3 aprile 2023. URL consultato il 3 aprile 2023.
  43. ^ a b Ernst & Young to Pay $100 Million Penalty for Employees Cheating on CPA Ethics Exams and Misleading Investigation, su sec.gov. URL consultato il 29 giugno 2022.
  44. ^ Lucas Michaels, Ernst & Young Fined $100 Million in Ethics Exam-Cheating Probe, in The Wall Street Journal, 28 giugno 2022. URL consultato il 28 giugno 2022.
  45. ^ David Milstead, Canada's accounting regulator to review EY after company fined in ethics exam cheating scandal, in The Globe and Mail, 29 giugno 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN124497590 · ISNI (EN0000 0001 2111 382X · LCCN (ENno90010723 · BNF (FRcb12177193v (data) · J9U (ENHE987007296491405171 · WorldCat Identities (ENlccn-no90010723
  Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende