Ergotele di Himera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ergotele di Himera (in greco antico: Ἐργοτέλης, Ergotélēs; Cnosso, ... – V secolo a.C.) è stato un atleta greco antico. Nativo di Cnosso, fu un corridore ai Giochi olimpici antichi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Cnosso, figlio di Filanore,[1] Ergotele fu costretto a lasciare Creta a causa di una guerra civile. Si trasferì quindi in Sicilia, e divenne cittadino di Himera. Partecipò ai Giochi olimpici antichi, vincendo nella specialità del dolico nel 472 a.C. e nel 464 a.C.[2] Inoltre, vinse due volte sia ai giochi pitici che ai giochi istmici, che ai giochi nemei, come riportato da Pausania.[3]

Nel 1953 fu scoperta ad Olimpia una statua dedicata ad Ergotele, alla cui base era inciso un epigramma di 4 versi risalente al 450 a.C. circa, il quale commemorava i successi di Ergotele.[4] Pindaro dedicò ad Ergotele un inno epinicio, l'Olimpica XII.[5]

Più recentemente a Candia, nell'isola di Creta, la squadra di calcio dell'Ergotelis, nata nel 1929, scelse questo nome in onore di Ergotele, che della Candia era originario.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carmine Catenacci.
  2. ^ David C. Young, A brief history of the Olympic games, p. 105.
  3. ^ Pausania, VI, 4, 11.
  4. ^ SEG 11:1223a, su epigraphy.packhum.org. URL consultato il 23 settembre 2018.
  5. ^ L’Olimpica XII di Pindaro e la Hesychia, su academia.edu. URL consultato il 23 settembre 2018.
  6. ^ Ergotelis - History, su ergotelis.gr. URL consultato il 23 settembre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]