Eubota

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eubota (in Lingua greca antica: Εὐβώτας, Eubotas; Cirene, IV secolo a.C.IV secolo a.C.) è stato un atleta dell'antica Grecia che ottenne due vittorie a Olimpia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pausania il Periegeta riferisce della duplice vittoria di questo atleta di Cirene, ma dalla sua testimonianza non è chiaro se Eubota abbia ottenuto due vittorie nella stessa olimpiade, ossia nella CIV olimpiade (364 a.C.), oppure abbia riportato le vittorie in due differenti olimpiadi[1].

Un Eubota di Cirene è ricordato da Senofonte nelle Elleniche come vincitore nella corsa dello stadio, una gara di velocità, nella XCIII Olimpiade (408 a.C.)[2]; sembra improbabile tuttavia che le due vittorie siano state ottenute a distanza di 44 anni l'una dall'altra. Diodoro Siculo inoltre chiamava il vincitore del 408 a.C. Eubatos (Εὔβατος)[3].

Eubota ebbe una storia d'amore con la famosa etera Laide di Corinto, alla quale Eubota aveva promesso di portarla con sé a Cirene se avesse riportato la vittoria a Olimpia (364 a.C.). Una volta ottenuta la vittoria, tuttavia, il mantenimento della promessa da parte di Eubota consistette nel portare con sé a Cirene un ritratto della donna[4][5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paus. Descrizione della Grecia, Libro VI, 8, 3; Libro VI, 4, 2
  2. ^ Senofonte, Elleniche, I, 2, 1
  3. ^ Diod. XIII, 68
  4. ^ Eliano Tattico, Περί Στρατηγικών Τάξεων Ελληνικών, X, 2
  5. ^ Clemente Alessandrino, Στρωματεῖς, III, 447, segg.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]