Diagora di Rodi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diagora di Rodi portato in trionfo dai figli

Diagora di Rodi (in greco antico Ἀκάνθς; ... – V secolo a.C.) è stato un pugile greco antico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Diagora era famoso per la formidabile possanza fisica e per il talento atletico, che gli permisero l’eccezionale impresa di vincere in tutti i quattro giochi panellenici, oltre che in numerosi agoni locali. Egli apparteneva alla nobilissima famiglia degli Eratidai, che occupava un ruolo importante nella vita politica e sociale di Rodi. Fu un atleta che si arricchì enormemente con la partecipazione e la vittoria di un numero incredibile di competizioni. Nel suo prestigioso curriculum, oltre alle vittorie a Delfi, Corinto, Olimpia e Nemea, figurano, infatti, premi di molte altre celebrazioni, tra cui quelle di Atene, Argo, Tebe, Egina e Megara. Naturalmente, non fu il solo ad approfittare delle possibilità offerte all’epoca. Basterebbe riandare alle tante epigrafi ritrovate o alle fonti letterarie per avere un’idea della dimensione del fenomeno.

Vinse la gara di pugilato dei giochi olimpici del 464 a.C. e gli fu dedicata la VII olimpica di Pindaro.

Sua figlia fu Callipatera, celebre per aver trasgredito il divieto di partecipazione femminile ai giochi olimpici: scoperta, fu perdonata in onore del padre, dando origine al regolamento della nudità olimpica.

Note[modifica | modifica sorgente]