Erasmo D'Angelis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Erasmo D'Angelis

Sottosegretario di Stato del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
Durata mandato 3 maggio 2013 –
28 febbraio 2014
Presidente Enrico Letta
Predecessore Guido Improta
Successore Antonio Gentile

Dati generali
Partito politico Partito Democratico

Erasmo D'Angelis (Formia, 17 febbraio 1955) è un giornalista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni Settanta è stato tra i partecipanti al Movimento di Animazione Cristiana (MAC) di Formia. Laureatosi in Psicologia, ha lavorato come giornalista presso media quali RAI ed il manifesto. Attivo in Legambiente, ha organizzato la rassegna "Ecolavoro". È stato promotore dei due Raduni internazionali degli Angeli del Fango (1996 e 2006).

Nel dicembre 2009 è stato nominato Presidente di nomina pubblica di Publiacqua, la società pubblico-privata che gestisce il servizio idrico integrato di Firenze, provincia e aree limitrofe. Durante la sua gestione sono ripartiti i lavori per la costruzione del nuovo collettore fognario di Firenze, ma non sono mancate dure polemiche dopo il referendum del 2011 sulla liberalizzazione dei servizi idrici.[1]

Il 30 giugno 2015 è stato nominato direttore della nuova edizione del quotidiano l'Unità. A causa della pesante crisi di vendite, dopo un solo anno viene rimosso - e nuovamente spostato come dirigente a Palazzo Chigi - e sostituito dal vignettista Sergio Staino in affiancamento al deputato Andrea Romano[2]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

In occasione delle elezioni regionali in Toscana del 2000 è eletto Consigliere Regionale nel listino bloccato Toscana Democratica[3], in quota I Democratici; aderisce poi a La Margherita di Rutelli ed è riconfermato alle elezioni regionali del 2005 con la lista Uniti nell'Ulivo. È stato Presidente della Commissione Ambiente, Infrastrutture e Trasporti. Ha inoltre guidato la Commissione del Consiglio Regionale della Toscana che si occupa di Alta Velocità ferroviaria.

All'interno del Partito Democratico è considerato molto vicino a Matteo Renzi.

Il 2 maggio 2013 viene nominato sottosegretario di Stato del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel governo Enrico Letta.[4]. Non è riconfermato nel Governo Renzi, che lo vuole a capo della struttura di missione sul dissesto idrogeologico.

Ha scritto numerose pubblicazioni su temi come l'ambiente, gli Angeli del Fango, l'acqua e la tutela del territorio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51836685 · ISNI (EN0000 0000 2712 1911 · LCCN (ENn82034765 · GND (DE132878321 · BNF (FRcb13330997d (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n82034765