Eraclio II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eraclio II
Solidus Heraclonas.jpg
Solido con l'effigie dell'imperatore Eraclio II
Basileus dei Romei
In carica11 febbraio 641 –
settembre 641
PredecessoreCostantino III
SuccessoreCostante II
Nome completoCostantino Eraclio, detto Eracleona
Nascita626
MorteRodi, 645 circa
DinastiaEracliana
PadreEraclio I
MadreMartina
ReligioneCristianesimo
Dinastia di Eraclio
Imperatori
Eraclio I 610–641
Costantino III 641
Eraclio II 641
Costante II 641–668
Costantino IV 668–685
Giustiniano II 685–695 e 705–711
Successione
Preceduta dalla
Dinastia giustinianea
Succeduta dalla
Anarchia dei vent'anni

Eraclio II o Eracleona (626Rodi, 645 circa) è stato un imperatore bizantino tra il febbraio e il settembre del 641.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Eraclio I e di Martina, verso la fine del regno del padre ottenne attraverso l'influenza della madre il titolo di Augusto (638) e dopo la morte del padre venne proclamato co-imperatore assieme al fratellastro Costantino III.[1]

La morte prematura di Costantino, nel maggio 641, lasciò Eracleona come unico regnante. Il falso sospetto che lui e Martina avessero assassinato Costantino portò presto ad una rivolta dell'esercito, alla mutilazione e all'esilio sull'isola di Rodi dei presunti colpevoli.[2] Questa fu la prima volta in cui un imperatore regnante venne sottoposto a mutilazione, una pratica probabilmente presa a prestito dai Persiani; in questo caso, a Martina venne tagliata la lingua, mentre a Eracleona fu tagliato il naso.[2] Null'altro si sa di Eracleona dopo la sua rimozione.

L'esercito e il Senato acclamarono imperatore Costante II, figlio di Costantino III.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ostrogorsky, p. 99.
  2. ^ a b c Ostrogorsky, p. 100.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore bizantino Successore Double-headed eagle of the Greek Orthodox Church.svg
Eraclio I 641 Costante II
con Costantino III
Controllo di autoritàVIAF (EN284317522 · BAV 495/94977