Anastasio II (imperatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anastasio II
Solidus-Anastasius II-sb1463.jpg
Solido di Anastasio II di Bisanzio
Basileus dei Romei
In carica 3 giugno 713 –
715
Predecessore Filippico Bardane
Successore Teodosio III
Morte 720
Dinastia Anarchia dei vent'anni
Anarchia dei vent'anni
Imperatori
Leonzio 695–698
Tiberio III 698–705
Giustiniano II 705–711
Filippico Bardane 711–713
Anastasio II 713–715
Teodosio III 715–717
Successione
Preceduta dalla
Dinastia eracliana
Succeduta dalla
Dinastia isauriana

Anastasio II (in greco: Αναστάσιος Β) (... – 720) è stato un imperatore bizantino.

Fu Basileus dei Romei dal 713 al 715.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di Anastasio II di Bisanzio non si hanno informazioni precise su data e luogo della nascita; morì nel 720 e fu imperatore bizantino dal 3 giugno 713 fino al 715.

Aveva spodestato Filippico, per il quale aveva svolto il compito di segretario, con l'aiuto del popolo e del senato, ma non riuscì a mantenere una situazione solida. All'interno, dovette affrontare rivolte, come quella che fu guidata da un tal Giorgio a Forlì e nel resto della Romagna e che fu vittoriosamente contrastata dall'esarca di Ravenna. Per quanto riguarda le minacce esterne, tentò di riorganizzare l'esercito e di contrattaccare gli arabi che nel frattempo si erano molto espansi nelle province bizantine dell'Asia Minore, in Siria e a Rodi. La ferrea disciplina imposta incontrò però l'opposizione del popolo e del senato, che non erano contenti del suo governo; per questo nel 715 venne detronizzato da Teodosio III.

Anastasio II non oppose resistenza, e per questo gli fu risparmiata la vita, consentendogli di ritirarsi in un convento a Tessalonica.

Nel 720 tentò di organizzare una insurrezione contro Leone III, che nel frattempo era subentrato a Teodosio, ma non ebbe successo e venne ucciso.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Georg Ostrogorsky, Storia dell'Impero bizantino, Milano, Einaudi, 1968, ISBN 88-06-17362-6.
  • Gerhard Herm, I bizantini, Milano, Garzanti, 1985.
  • John Julius Norwich, Bisanzio, Milano, Mondadori, 2000, ISBN 88-04-48185-4.
  • Silvia Ronchey Lo stato bizantino, 2002, Torino, Einaudi, ISBN 88-06-16255-1.
  • Aleksandr Petrovič Každan Bisanzio e la sua civiltà, 2004, 2ª ed., Bari, Laterza, ISBN 88-420-4691-4.
  • Giorgio Ravegnani, La storia di Bisanzio, Roma, Jouvence, 2004, ISBN 88-7801-353-6.
  • Giorgio Ravegnani, I bizantini in Italia, Bologna, il Mulino, 2004.
  • Ralph-Johannes Lilie, Bisanzio la seconda Roma, Roma, Newton & Compton, 2005, ISBN 88-541-0286-5.
  • Alain Ducellier, Michel Kapla, Bisanzio (IV-XV secolo), Milano, San Paolo, 2005, ISBN 88-215-5366-3.
  • Giorgio Ravegnani, Bisanzio e Venezia, Bologna, il Mulino, 2006.
  • Giorgio Ravegnani, Introduzione alla storia bizantina, Bologna, il Mulino, 2006.
  • Giorgio Ravegnani, Imperatori di Bisanzio, Bologna, Il Mulino, 2008, ISBN 978-88-15-12174-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore bizantino Successore Double-headed eagle of the Greek Orthodox Church.svg
Filippico 713-715 Teodosio III
Controllo di autoritàVIAF (EN294945199 · GND (DE1030329826