Tiberio III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tiberio III
Solidus-Tiberius III-sb1360.4.jpg
Solido di Tiberio III
Basileus dei Romei
In carica 698 –
21 agosto 705
Predecessore Leonzio
Successore Giustiniano II

Tiberio III, prima di salire al trono noto come Apsimaro (in greco: Τιβέριος Γ; ... – Costantinopoli, 15 febbraio 706), è stato un imperatore bizantino al potere dal 698 alla sua morte.

Regno[modifica | modifica wikitesto]

Tiberio era un ammiraglio bizantino, anche se di origine germanica, della regione della Panfilia e il suo nome originale era Apsimar (Αψίμαρος, Apsímaros). Da semplice ammiraglio raggiunse il ruolo di governatore e capo della flotta del tema marittimo dei Cibirreoti.Partecipò alla fallimentare campagna per la riconquista dell'esarcato di Cartagine del 698. Nello stesso anno fu eletto Imperatore dai suoi uomini, che lo aiutarono a detronizzare Leonzio dopo un assedio della capitale dell'Impero, Costantinopoli.

Seguendo l'abitudine ormai consolidata fece imprigionare l'imperatore detronizzato facendogli tagliare il naso.

Gravemente sconfitto nel 704 nella regione africana, da parte degli Arabi, Tiberio III fu rovesciato l'anno successivo da Giustiniano II (già imperatore precedentemente fino al 695), grazie all'aiuto dei bulgari che misero in assedio Costantinopoli. L'imperatore restaurato decise immediatamente di giustiziare i suoi due predecessori Tiberio e Leonzio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore bizantino Successore Double-headed eagle of the Greek Orthodox Church.svg
Leonzio 698-705 Giustiniano II