Kınalıada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando le omonime di Proti, vedi Proti.
Kınalıada
Πρώτη
Princes Islands.png
Geografia fisica
Localizzazione Mar di Marmara
Coordinate 40°54′47″N 29°03′00″E / 40.913056°N 29.05°E40.913056; 29.05Coordinate: 40°54′47″N 29°03′00″E / 40.913056°N 29.05°E40.913056; 29.05
Arcipelago Isole dei Principi
Superficie 1,3[1] km²
Geografia politica
Stato Turchia Turchia
Provincia Provincia di Istanbul
Città Istanbul
Demografia
Abitanti 1868 (2010)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Turchia
Kınalıada
Kınalıada

[senza fonte]

voci di isole della Turchia presenti su Wikipedia

Kınalıada (in greco, Πρώτη, Proti) è una delle Isole dei Principi del Mar di Marmara, presso Istanbul. Il nome greco gli deriva dall'essere la più vicina a questa città, l'antica capitale dell'Impero bizantino.[1] Ufficialmente è un sobborgo di Adalar, distretto di Istanbul, Turchia. L'isola è la meno ricca di foreste delle Isole dei Principi.[1] L'isola ha la particolarità di avere una popolazione cosmopolita con una predominanza armena.[2][3] La popolazione dell'isola ammontava nel 2010 a 1868 abitanti.[4]

Nel 1072 vi fu esiliato l'imperatore bizantino Romano IV Diogene, dopo aver subito l'accecamento. Vi morì poco dopo, a causa delle severe ferite a lui inflitte nell'accecamento.[1]

Collegamenti con la terraferma[modifica | modifica wikitesto]

Moschea di Kınalıada, con la sua architettura moderna, vista dal traghetto

L'isola è raggiungibile da un servizio di traghetti che parte da Kabataş. Il viaggio dura circa 25 minuti con il traghetto veloce e 40 con quello regolare.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Princes' Islands, su Istanbulvisions.com, 2007.
  2. ^ kinaliada
  3. ^ (TR) Orhan Sevki, Proti'den Kınalı'ya tanıklıklarla Kınalıada, Istanbul, Sel Yayıncılık, 2004, ISBN 9789755702193., passim
  4. ^ (TR) İlçemizin nüfusu (La popolazione della contea), su Adalar.bel.tr, 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]