Costantino III (imperatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Costantino III
Moneta di Eraclio I, insieme al figlio Eraclio II.JPG
Moneta di Eraclio I, insieme al figlio Costantino III.
Basileus dei Romei
In carica febbraio 641 –
25 maggio 641
Predecessore Eraclio I
Successore Eraclio II
Dinastia Dinastia eracliana
Consorte Gregoria
Dinastia di Eraclio
Imperatori
Eraclio I 610–641
Costantino III 641
Eraclio II 641
Costante II 641–668
Costantino IV 668–685
Giustiniano II 685–695 e 705–711
Successione
Preceduta dalla
Dinastia giustinianea
Succeduta dalla
Anarchia dei vent'anni

Costantino III, o Eraclio Costantino (3 maggio 612Calcedonia, 25 maggio 641), è stato un imperatore bizantino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu il figlio maggiore dell'imperatore bizantino Eraclio I e della prima moglie Fabia Eudocia.[1]

Era anche il fratellastro più grande di Eracleona[2], il figlio avuto da Eraclio con la seconda moglie Martina.[3] Per motivi politici e di stabilità del regno, Eraclio considerò Martina come la madre di entrambi. Alla morte del padre nel 641, sia Costantino che il fratellastro Eracleona furono incoronati come co-imperatori.[3] Durante il breve regno di entrambi gli arabi conquistarono l'Egitto, poi cedutto nel novembre del 641 tramite un trattato di pace avviato dalla matrigna Martina.[4]

Costantino morì di tubercolosi dopo tre mesi di regno, lasciando Eracleona come unico imperatore; la voce secondo cui Martina ed Eracleona lo fecero avvelenare scatenò malcontento e rivolte durante il regno del fratellastro.[3]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Costantino era sposato con Gregoria ed ebbe due figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ostrogorsky, p. 98.
  2. ^ G.L. Potestà, L'ultimo messia. Profezia e sovranità nel Medioevo, Bologna, Il Mulino, 2014, p. 23.
  3. ^ a b c Ostrogorsky, p. 99.
  4. ^ Ostrogorsky, p. 100.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Georg Ostrogorsky, Storia dell'Impero bizantino, traduzione di Piero Leone, Torino, Einaudi, 1993, ISBN 8806131788.
  • Gerhard Herm, I bizantini, Milano, Garzanti, 1985.
  • John Julius Norwich, Bisanzio, Milano, Mondadori, 2000, ISBN 88-04-48185-4.
  • Silvia Ronchey, Lo stato bizantino, Torino, Einaudi, 2002, ISBN 88-06-16255-1.
  • Alexander P Kazhdan, Bisanzio e la sua civiltà, 2ª ed, Bari, Laterza, 2004, ISBN 88-420-4691-4.
  • Giorgio Ravegnani, La storia di Bisanzio, Roma, Jouvence, 2004, ISBN 88-7801-353-6.
  • Giorgio Ravegnani, I bizantini in Italia, Bologna, il Mulino, 2004.
  • Ralph-Johannes Lilie, Bisanzio la seconda Roma, Roma, Newton & Compton, 2005, ISBN 88-541-0286-5.
  • Alain Ducellier, Michel Kapla, Bisanzio (IV-XV secolo), Milano, San Paolo, 2005, ISBN 88-215-5366-3.
  • Giorgio Ravegnani, Bisanzio e Venezia, Bologna, il Mulino, 2006.
  • Giorgio Ravegnani, Introduzione alla storia bizantina, Bologna, il Mulino, 2006.
  • Giorgio Ravegnani, Imperatori di Bisanzio, Bologna, Il Mulino, 2008, ISBN 978-88-15-12174-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore bizantino Successore Double-headed eagle of the Greek Orthodox Church.svg
Eraclio I febbraio-maggio 641
con Eraclio II
Eraclio II
come unico imperatore
Controllo di autoritàVIAF (EN89202928 · LCCN (ENnb2010016655 · GND (DE102426740 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2010016655