Matteo Cantacuzeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matteo Cantacuzeno
Despota di Morea
In carica 1380 –
1383
Predecessore Manuele Cantacuzeno
Successore Demetrio I Cantacuzeno
Nascita Mistra, 1325 circa
Morte Mistra, 1383 o 1390
Dinastia Cantacuzeni
Padre Giovanni VI Cantacuzeno
Madre Irene Asanina
Consorte Irene Paleologa
Religione ortodossia

Matteo Cantacuzeno (1325 circa – Mistra, tra il 1383 e il 1390) fu despota di Morea e imperatore usurpatore dell'Impero bizantino dal 1353 al 1357. Era figlio dell'imperatore bizantino Giovanni VI Cantacuzeno (1292-1383) e di Irene Asanina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu al fianco del padre nella guerra civile contro il legittimo imperatore Giovanni V Paleologo e la madre di questi Anna di Savoia. Si sposò nel 1340 o nel 1341 con Irene Paleologa a Tessalonica.

Quando il padre salì al trono, Matteo fu nominato coimperatore ed erede (1354), e persistette nella rivendicazione della corona e nella guerra contro Giovanni V anche dopo l'abdicazione del padre, fino al 1357. Infine fu sconfitto e si ritirò presso il fratello Manuele Cantacuzeno despota di Morea, al quale succedette nel despotato nel 1380 e governò per brevissimo tempo.[1] Uno dei suoi ultimi atti ufficiali fu rinunciare al titolo di capo politico in favore di suo figlio Demetrio I.[2][3] I Paleologi, risultati vittoriosi nella battaglia che si scatenò per il possesso dei territori imperiali e la conquista dei domini bramati nella guerra civile precedente, inclusa la Morea, allontanarono Demetrio e questo fu sostituito da Teodoro I Paleologo nel 1383.[3]

Manuele Cantacuzeno morì tra il 1383 e il 1390.

Discendenti[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto è noto, dal matrimonio con Irene Paleologa nacquero almeno cinque figli:[4]

  1. Giovanni Cantacuzeno, despota
  2. Demetrio I Cantacuzeno, sebastocratore e suo successore alla guida del despotato di Morea
  3. Teodora Cantacuzena
  4. Elena Asanina Cantacuzena, andata in sposa a Luis Fadrique, conte di Salona
  5. Maria Cantacuzena, andata in sposa a Giovanni Laskaris Calofero
  6. (incerto) Teodoro Cantacuzeno, ambasciatore del Regno di Francia e della Repubblica di Venezia[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nevra Necipoğlu, Byzantium Between the Ottomans and the Latins, Cambridge University Press, 2009, ISBN 978-05-21-87738-1, p. 237.
  2. ^ (EN) John Haldon, The Palgrave Atlas of Byzantine History, Springer, 2005, ISBN 978-02-30-27395-5, p. 177.
  3. ^ a b (EN) Donald M. Nicol, The Reluctant Emperor, Cambridge University Press, 2002, ISBN 978-05-21-52201-4, p. 158.
  4. ^ (EN) Donald M. Nicol, The Byzantine Family of Kantakouzenos (Cantacuzenus) ca. 1100-1460: a Genealogical and Prosopographical Study, Washington DC:, Dumbarton Oaks, 1968, pp. 121f, 156-164.
  5. ^ (EN) Donald M. Nicol, The Byzantine Family of Kantakouzenos: Some Addenda and Corrigenda, Dumbarton Oaks Papers, Vol. 27,1973, p. 312-3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN255391827 · ISNI (EN0000 0003 7792 6138 · BAV ADV11017502 · WorldCat Identities (EN255391827