Irene Asanina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Irene Asanina
Basilessa consorte dei Romei
Stemma
Stemma
In carica1341–1354
PredecessoreAnna di Savoia
SuccessoreElena Cantacuzena e Irene Paleologa
DinastiaAsen per nascita, Cantacuzena per matrimonio
PadreAndronico Asen
MadreTarchanaiotissa
ConsorteGiovanni VI Cantacuzeno
FigliMatteo
Manuele
Andronico
Maria
Teodora
Elena

Irene Asanina (in greco Εἰρήνη Ἀσανίνα?; ... – ...; fl. XIV secolo) è stata un'imperatrice bizantina, consorte di Giovanni VI Cantacuzeno. È nota per aver partecipato alle questioni militari ad un livello non comune per un'imperatrice bizantina. Comandò la guarnigione di Didymoteicho durante la guerra civile bizantina del 1341-1347, e organizzò la difesa di Costantinopoli contro i genovesi nel 1348, e le forze di Giovanni V nel 1353[1].

Asanina era figlia di Andronico Asen e di sua moglie Tarchanaiotissa. I suoi nonni paterni erano Ivan Asen III di Bulgaria e Irene Palaiologina[2]. I suoi nonni materni erano il Prōtostratōr Michele Dukas Glabas Tarchaneiotes e sua moglie Maria Dukaina Comnena Palaiologina Branaina.

I cognomi di sua nonna materna indicano la discendenza dalle famiglie Ducas, Comneni e Paleologi che hanno prodotto ciascuno diversi imperatori bizantini. Il suo cognome, tuttavia, indica di essere un membro della famiglia Branas che produsse capi militari, come Alessio Brana e Teodoro Brana, ma la cui genealogia è scarsamente registrata.

La sua nonna paterna, Irene Palaiologina, era una figlia di Michele VIII Paleologo e Teodora Ducas Vatatzina, il che fa di Asanina un membro della famiglia imperiale estesa del suo tempo.

Giovanni VI Cantacuzeno era un fidato consigliere di Andronico III Paleologo, nipote di Andronico II e pronipote di Michele VIII. Andronico III morì il 15 giugno 1341 e gli successe il figlio maggiore Giovanni V Paleologo, che aveva solo nove anni e fu posto sotto la reggenza di sua madre Anna di Savoia. Tuttavia Andronico III aveva affidato l'amministrazione dell'impero a Giovanni VI Cantacuzeno.

Approssimativamente nello stesso periodo, Stefano Uroš IV Dušan di Serbia iniziò un'invasione della Tracia settentrionale. Giovanni Cantacuzeno lasciò Costantinopoli per cercare di riportare l'ordine nella zona. Anna approfittò della sua assenza per dichiararlo nemico dello stato e spogliarlo dei titoli e della fortuna. Ma Giovanni Cantacuzeno aveva ancora il controllo di parte dell'esercito bizantino e, il 26 ottobre 1341, rispose proclamandosi imperatore a Didymoteicho. Irene lo raggiunse e fu incoronata imperatrice al suo fianco. Uno dei suoi primi atti come imperatrice fu quello di ottenere il rilascio dei suoi due fratelli, Giovanni e Manuele Asen, che erano stati imprigionati in Tracia dal 1335 con l'accusa di tradimento[2].

Questo fu l'inizio di una guerra civile che sarebbe durata fino al 1347. Ivan Alessandro di Bulgaria si alleò presto con la fazione sotto Giovanni V e Anna, mentre Stefan Uroš IV Dušan di Serbia si schierò con Giovanni VI. Entrambe le parti stavano in realtà approfittando della guerra civile per portare avanti le proprie agende politiche e territoriali e Giovanni VI si alleò addirittura con Orhan I del nascente sultanato ottomano.

Durante la guerra Irene rimase a Didymoteicho con le sue tre figlie mentre Giovanni VI era impegnato nella campagna. Irene ricevette il comando della guarnigione e difese Didymoteicho.[3] Difese la città dagli attacchi del re Ivan Alessandro meglio che poté fino a quando suo marito, con l'aiuto del sultano Umur di Aydin, fece ritorno a Didymoteicho nell'inverno del 1343. I suoi coraggiosi sforzi impressionarono molti dei suoi contemporanei, come lo stesso Umur e lo storico Niceforo Gregorio.

Il 3 febbraio 1347, le due fazioni raggiunsero un accordo. Giovanni VI fu accettato come imperatore anziano con Giovanni V come suo co-reggente junior. L'accordo fu suggellato con il matrimonio della loro figlia Elena Cantacuzena con Giovanni V. Giovanni VI entrò a Costantinopoli e prese il controllo effettivo della città con Irene al suo fianco come imperatrice anziana[2].

Nel 1348, Irene organizzò la difesa di Costantinopoli contro i Genovesi.[3]

Tuttavia, Giovanni V riprese il conflitto nel 1352 e ottenne il sostegno come imperatore "legittimo". Nel 1353, Irene organizzò la difesa di Costantinopoli contro Giovanni Paleologo.[4]

Il 4 dicembre 1354, Giovanni VI abdicò e l'ex coppia imperiale si ritirò in monasteri separati. Nel suo caso, fu il convento di Hagia Martha con il nome monastico di Eugenia[5]. Nel 1356 e l'anno successivo, Irene rifiutò l'offerta di Ziani, per ottenere il rilascio di suo figlio Matteo Cantacuzeno, allora imprigionato dall'imperatore Giovanni V, e reintegrarlo come imperatore. Nel 1359, fu raggiunta al convento da sua figlia Maria, e da sua nipote Teodora, la figlia maggiore di Matteo.

Donald MacGillivray Nicol ipotizza che abbia seguito il resto della sua famiglia in Morea, dove suo figlio minore Manuele Cantacuzeno era despota, ma potrebbe essere tornata a Costantinopoli nel 1362 o 1363, dove potrebbe essere stata una delle "imperatrici" che gli ambasciatori dell'Impero di Trebisonda incontrarono lì nell'aprile 1363.

Anche se la data della sua morte non è registrata, Nicol presume che sia avvenuta prima del 1379 quando suo marito e altri membri della sua famiglia furono portati a Galata come ostaggi da Andronico IV Paleologo[6].

Matrimonio e discendenza

[modifica | modifica wikitesto]

Irene sposò Giovanni VI Cantacuzeno, un figlio di Michele Cantacuzeno e Teodora Angelina Palaiologina. Nella sua Storia, Giovanni scrive che sua madre era una parente di Andronico II Paleologo, presumibilmente un cugino di uno dei fratelli di Michele VIII. Dal matrimonio nacquero sei figli[7]:

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Mico Asen, zar di Bulgaria  
 
 
Ivan Asen III, zar di Bulgaria  
Maria Asenina di Bulgaria Ivan Asen II, zar di Bulgaria  
 
Irene Comneno Ducas  
Andronico Asen  
Michele VIII Paleologo, basileus dei Romei Andronico Paleologo, governatore di Macedonia  
 
Teodora Angelina Paleologina  
Irene Paleologina  
Teodora Ducas Vatatzina Giovanni Ducas  
 
Eudocia Angelina  
Irene Asanina  
 
 
 
Michele Ducas Glabas Tarchaneiotes  
 
 
 
N. Tarchanaiotissa  
 
 
 
Maria Ducaina Comnena Palaiologina Branaina  
 
 
 
 
  1. ^ Garland (1999), p. 227.
  2. ^ a b c Nicol (1968), p. 104.
  3. ^ a b (EN) Guglielmo Cavallo, The Byzantines.
  4. ^ (EN) Lynda Garland, Byzantine Empresses: Women and Power in Byzantium AD 527-1204, Routledge, ISBN 978-0-415-61944-8, OCLC 751126730.
  5. ^ Nicol (1968), p. 106.
  6. ^ Nicol (1968), p. 107.
  7. ^ Nicol (1968), p. 108.

Predecessore Imperatrice reggente bizantina Successore
Anna di Savoia 1341 - 1354
con Elena Cantacuzena (1347-1354)
Irene Paleologa (1353-1354)
Elena Cantacuzena
Irene Paleologa