Episodi di Distretto di Polizia (settima stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Distretto di Polizia.

La settima stagione della serie televisiva italiana Distretto di Polizia formata da 26 episodi è andata in onda in prima serata su Canale 5 dal 6 settembre al 19 novembre 2007.

Titolo Prima TV Italia
1 L'innocente 6 settembre 2007
2 Il branco
3 Corsa contro il tempo 13 settembre 2007
4 Un gioco crudele
5 Follia 17 settembre 2007
6 L'orco
7 Un conto in sospeso 20 settembre 2007
8 Accusa infamante
9 L'albero del male 27 settembre 2007
10 L'ultimo colpo
11 Il giorno più lungo 4 ottobre 2007
12 Menzogne e verità
13 Genitori sbagliati 11 ottobre 2007
14 L'angelo della morte
15 Un grido d'aiuto 18 ottobre 2007
16 Il volo della colomba
17 Il lungo addio 22 ottobre 2007
18 Un caso di coscienza
19 L'ultima rapina 29 ottobre 2007
20 Un sogno spezzato
21 Il ritorno 5 novembre 2007
22 L'ombra del passato
23 La falena 12 novembre 2007
24 Agnelli e lupi
25 Sfida totale 19 novembre 2007
26 Nella morsa dell'ingranaggio

L'innocente[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Ardenzi (Giorgio Tirabassi) decide di lasciare il distretto e al suo posto arriva dalla Calabria il commissario Marcello Fontana (Massimo Dapporto), il quale ha sotto protezione una ragazza, Nina (Raffaella Rea), figlia di un boss della 'ndrangheta, Don Vincenzo Neri. Intanto un bambino viene rapito in un supermercato da alcuni malviventi a scopo di estorsione. Il primo caso al X Tuscolano per il Commissario Fontana avrà un tragico epilogo. Ma al momento della consegna dei soldi nessuno si presenta. Raffaele e Alessandro trovano l'auto dei rapinatori il quale trovano il corpo di Jacopo morto. Fontana dopo aver discusso con il padre per la fiducia si rilassa a casa con sua moglie e poi telefona a Nina per la sua situazione. Il giorno dopo Raffaele e Alessandro riferiscono al commissario che il bambino è morto soffocato quando è stato sequestrato, ma poi scoprono che ci sono delle impronte sull'auto ed identificano un rapinatore il quale viene portato in commissariato e confessa che il suo complice era l'autista del padre di Jacopo Alberto Viti

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.525.000[1]

Il branco[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.150.000[1]

Anna e Luca mentre stanno andando al Distretto vedono una ragazza che è stata violentata da tre ragazzi, fuori da una discoteca gay. I tre frequentano una palestra e il commissario Fontana decide di infiltrare Luca; ma quando i ragazzi scoprono che Luca è un poliziotto, vanno a casa sua e tentano di violentare Anna, fin quando la polizia non sopraggiunge.

Corsa contro il tempo[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Due tossicodipendenti rapinano un bar, in cui si trova anche l'ispettore Marchetti, al quale i malviventi rubano la pistola, benché egli li tenesse sotto tiro. "Quali giustificazioni?!" lo rimprovera il commissario . L'ispettore Marchetti dovrà agire in fretta per recuperare la sua arma d'ordinanza, anche perché quel giorno è in programma la visita di controllo degli ispettori del Ministero. A casa dei due malviventi, il figlio piccolo della coppia nota la pistola e, credendola un giocattolo, la porta al parco per giocarci con gli altri bambini. L'intervento fulmineo di Raffaele evita così la tragedia. Intanto due uomini di don Vincenzo arrivano a Roma.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.841.000[2]

Un gioco crudele[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Si indaga sul caso di una persona la cui macchina è stata colpita da un sasso lanciato da un cavalcavia da dei giovani e su un caso di maltrattamento minorile. Ugo intanto scopre e sventa un caso di truffa ai suoi danni. Intanto i due uomini del boss trovano Nina all'università e tentano di rapirla. Ma l'intervento del X Tuscolano eviterà ciò: Nina scappa e uno dei suoi aggressori viene ucciso da Anna.

Follia[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Irene si trova in un negozio di strumenti musicali, per la riparazione della chitarra del nipote. In quel momento scoppia una bomba nel negozio. Intanto l'ispettore Berti è momentaneamente fuori dalle ricerche di Nina, che è scappata in seguito all'aggressione degli uomini di Neri all'Università; nel frattempo, Vanessa, una sua amica, viene portata a Roma dal commissario Fontana per aiutarlo a rintracciarla.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.463.000[3]

L'orco[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un bambino di dieci anni segue uno sconosciuto su un furgone bianco, scomparendo così dalla famiglia. Il padre ne denuncia la scomparsa al X Tuscolano. Intanto Vanessa finisce nelle mani di Sebastiano Morace, braccio destro di don Vincenzo, che la usa per arrivare a Nina. Fortunatamente il X Tuscolano interviene.

  • Ascolti Italia: telespettatori 4.774.000[3]

Un conto in sospeso[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Al X Tuscolano viene affidata un'operazione della massima importanza: portare all'inceneritore 50 chili di droga purissima sequestrata a un narcotrafficante ricercato a livello internazionale. Intanto Nina si trova in un nuovo rifugio: ma suo padre è riuscito a parlare con lei e la ragazza decide di non dare più fiducia al suo amico Fontana, interrompendo la collaborazione con la Polizia.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.268.000[4]

Accusa infamante[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Berti e Marchetti indagano sull'assassinio di un'irreprensibile trentenne segretaria di un importante broker finanziario. Il commissario Fontana si occupa del difficile caso, impegnandosi anche a ricucire il rapporto con Nina: infatti la ragazza ha deciso che non vuole più collaborare ed è in partenza per una località segreta in Germania. Fontana, raccontandole la verità sull'omicidio del fidanzato ordinato da Don Neri, la convince a restare.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.033.000[4]

L'albero del male[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un ex eroinomane ora sorvegliante notturno di un centro di recupero per tossicodipendenti è stato ritrovato morto. Irene è preoccupata perché nel centro risiede anche la sorella Valeria, che ancora non è riuscita a disintossicarsi e teme che possa esser implicata nella vicenda. Intanto Nina comincia a testimoniare e vengono i primi nodi al pettine; il Commissario Fontana ha un confronto faccia a faccia con Don Neri, durante la perquisizione della villa di quest'ultimo.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.872.000[5]

L'ultimo colpo[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un armiere della malavita è ritrovato barbaramente ucciso nel retrobottega del proprio negozio-copertura. Gli agenti del X Tuscolano indagano sul difficile caso. Nel frattempo le dichiarazioni di Nina provocano molti arresti nel clan e la fuga di un faccendiere, pronto a collaborare, che chiede la protezione di Fontana. Verrà ucciso da Morace e durante l'azione di Polizia, Parmesan ha un malore.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.093.000[5]

Il giorno più lungo[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'attentato subito dal commissario Fontana da parte del fuggitivo Morace, l'archivista Parmesan rischia la vita per un infarto. Le agenti Valli e Gori indagano sulla morte di una prostituta nigeriana, mentre Raffaele e Luca sono alle prese col furto di un inchiostro speciale per stampare le banconote.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.507.000[6]

Menzogne e verità[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Fra i documenti del faccendiere ucciso, il commissario Fontana, grazie alla collaborazione di Nina, trova le prove dell'omicidio di Vanessa, l'amica di Nina, che permette l'arresto di Neri. Ma al momento del fermo il boss finge di sentirsi male e l’ispettrice Valli è costretta a seguirlo in ambulanza. Presto l’ambulanza si rivela falsa, Irene viene aggredita e scaricata in strada e il boss Vincenzo Neri si dà alla fuga. Verrà catturato poco prima di salire a bordo di un elicottero. Nel frattempo Raffaele indaga sul tentato suicidio di una coppia salvata dal figlio quattordicenne.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.114.000[6]

Genitori sbagliati[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una donna è violentata in casa propria da un uomo mascherato che sembra non aver lasciato tracce. Anna e Irene indagano sul caso, che presenta analogie con altri stupri rimasti irrisolti. L'agente Guerra ed Ingargiola hanno invece il compito di rintracciare un detenuto evaso.

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.240.000[7]

L'angelo della morte[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anna e Irene sono in un locale dove una donna ubriaca, sembra aver bisogno del loro aiuto. Ingargiola e Vittoria sono invece sulle tracce di un celebre ipnotizzatore. Fontana organizza il trasferimento di Nina al carcere dove suo padre è recluso: Neri ha chiesto un colloquio con la ragazza, che ha subito accettato.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.662.000[7]

Un grido d'aiuto[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il distretto indaga sul rapimento di una ragazza ucraina che è riuscita ad avvertire il commissariato grazie ad una telefonata. Intanto il commissario Fontana scopre che c'è una talpa la quale informa Don Vincenzo di tutte le operazioni.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.777.000[8]

Il volo della colomba[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Irene e Anna indagano sul caso di un barbone trovato morto. Intanto il PM Corradi decide di affidare la protezione di Nina esclusivamente al maggiore Patrizi. Successivamente il X Tuscolano scopre chi è la vera talpa, dopo essere caduto nella trappola che incastrava il Maggiore Patrizi: il PM Corradi, il quale uccide Nina gettandola dal balcone.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.308.000[8]

Il lungo addio[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nina viene operata d'urgenza ma non riesce a sopravvivere. Intanto Corradi e l'agente di turno al momento del fatto vengono interrogati dal X Tuscolano, il quale indaga parallelamente anche su un caso di avvelenamento. Al termine delle indagini, Corradi viene arrestato.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.592.000[9]

Un caso di coscienza[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gli agenti del X Tuscolano si misurano col tentato suicidio di una bambina ucraina in affido temporaneo e sul caso di un uomo che vuole obbligare la propria compagna a tenere il bambino che aspetta, arrivando a compiere un gesto eclatante. Intanto Fontana rassegna le dimissioni da commissario.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.055.000[9]

L'ultima rapina[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro Berti è il responsabile del distretto dopo l'allontanamento di Fontana. Coordina il servizio di Anna e Irene, responsabili del trasferimento di una partita di vasellame antico di immenso valore che verrà rubato da Giorgio, il ragazzo di Anna e Valentino . I due però verranno scoperti. Intanto Fontana è in Calabria, alla ricerca di qualsiasi cosa in grado di far riaprire il caso Neri, in quanto dopo la morte di Nina, senza la sua testimonianza le accuse a Don Neri cadono.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.425.000[10]

Un sogno spezzato[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anna e Raffaele indagano sul caso di una ragazza scomparsa. Intanto Fontana in Calabria incontra la madre di Don Vincenzo Neri il quale, nel frattempo, ha ottenuto gli arresti domiciliari. La donna si rivelerà in grado di fornire a Fontana degli elementi atti a riaprire il caso.

  • Ascolti Italia: telespettatori 4.965.000[10]

Il ritorno[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Berti e Valli indagano sull'omicidio di un senegalese avvenuto fuori della discoteca dove l'immigrato lavorava come cameriere. Fontana torna dal suo viaggio in Calabria e subito affronta Neri, in attesa del processo, promettendogli che Nina avrà giustizia e subito rientra in servizio al X Tuscolano. La sua prima mossa è interrogare Corradi: il commissario ha infatti scoperto il ricatto che ha ridotto al silenzio l'ex PM.

  • Ascolti Italia: telespettatori 4.856.000[11]

L'ombra del passato[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Marchetti è costretto a confrontarsi col proprio doloroso passato, visto che le indagini sull'assassinio del titolare di una sala giochi sembrano coinvolgere il figlio del malvivente ucciso da Raffaele anni prima. Nel frattempo Cristina, moglie del commissario Fontana, scopre che Matteo, a scuola, ha ricevuto da Morace e il suo complice un'esplicita minaccia alla loro sicurezza. Marcello fa mettere sotto scorta la famiglia e con Irene e Alessandro prepara una trappola per Morace.

  • Ascolti Italia: telespettatori 4.168.000[11]

La falena[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mentre tutti gli agenti del X Tuscolano sono alla ricerca del commissario Fontana, che si è nascosto nel furgone di Morace, quest'ultimo viene circondato e si suicida. Berti e Valli si occupano del caso di una ragazza gettata da un burrone e uccisa.

  • Ascolti Italia: telespettatori 4.891.000[12]

Agnelli e lupi[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Valli e Berti tentano di raccogliere più prove possibili contro Neri prima del processo finale, quasi una farsa senza la testimonianza di Nina. Anna, Luca e Raffaele indagano invece sulla morte di un prete, accoltellato nella propria sagrestia; la faccenda si rivelerà più inquietante del previsto. Un carico di droga sta per essere preso in carico da Neri, Fontana si mette sulle sue tracce ma farà un buco nell'acqua.

  • Ascolti Italia: telespettatori 4.451.000[12]

Sfida totale[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La Corte d'Assise proscioglie il boss della 'ndrangheta da ogni accusa. Neri è di nuovo libero e tutti gli agenti del X Tuscolano sono impegnati in una corsa contro il tempo per ritrovare la sua droga prima che venga raffinata e immessa sul mercato. Fontana accetta la sfida, mettendo a repentaglio la sicurezza dei suoi cari, la moglie Cristina e il figlio Matteo. Alla fine Neri viene ucciso.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.370.000[13]

Nella morsa dell'ingranaggio[modifica | modifica wikitesto]

  • Diretto da:
  • Scritto da:

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Fontana si sveglia in ospedale, nel momento più duro della sua carriera: è salvo ma non ricorda nulla dell'incidente con Vincenzo Neri e della tragedia accaduta. Gli agenti del X Tuscolano dovranno dimostrare l'innocenza del commissario e lottare coi propri dubbi, mentre Irene e Alessandro cercano di proteggere Stefano che è in compagnia del padre, sta rischiando la vita a causa sua. Finita l'indagine Fontana decide di tornare in Calabria lasciando così il distretto.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.064.000[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione