Adriano Pantaleo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Adriano Pantaleo (Napoli, 9 settembre 1983) è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 esordisce giovanissimo nel cinema con i film Ci hai rotto papà di Castellano e Pipolo (uscito l'anno dopo) e Io speriamo che me la cavo di Lina Wertmüller.

Diventa famoso interpretando il ruolo di Spillo nelle due stagioni della miniserie tv Amico mio (1993 e 1998), con Massimo Dapporto, con cui torna a lavorare nelle due stagioni di Casa famiglia (2001 e 2003); in quest'ultimo anno interpreta anche il ruolo di Pino, un giovane barista, nella serie tv Il bello delle donne 3.

Nel 2008 recita a teatro con lo spettacolo Gomorra, tratto dall'omonimo romanzo di Roberto Saviano.

Nel 2008, nel 2010 e nel 2011 prende parte alle tre stagioni della serie TV Tutti pazzi per amore, dove interpreta Gennaro Capone (uno dei pallanuotisti allenati da Paolo, Emilio Solfrizzi).

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • 12 Baci sulla bocca, di Mario Gelardi, regia Giuseppe Miale Di Mauro (2015)[1]
  • Educazione siberiana, di Nicolai Lilin, regia Giuseppe Miale Di Mauro (2014)[2]
  • Gomorra, di Roberto Saviano, regia di Mario Gelardi (2007-2012)[2]
  • Santos, di Roberto Saviano, regia di Mario Gelardi (2010-2011)[2]
  • La città perfetta, di Angelo Petrella, regia di Giuseppe Miale Di Mauro e di Mario Gelardi. Produzione Napoli Teatro Festival (2010)[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 12 baci sulla Bocca | nuovo teatro Sanità, su www.nuovoteatrosanita.it. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  2. ^ a b c Adriano Pantaleo, su teatroteatro.it. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  3. ^ Administrator, LA CITTA' PERFETTA, su www.iteatrini.it. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  4. ^ Petrella racconta (anche a teatro) Re e regine della città perfetta | Recensioni, in Krapp's Last Post, 28 novembre 2011. URL consultato il 14 dicembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]