Emmy Destinn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emmy Destinn

Emmy Destinn, nome d'arte di Ema Destinnová (Praga, 26 febbraio 1878České Budějovice, 28 gennaio 1930), è stata un soprano ceco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Soprano drammatico, esordì nel 1898 alla Königliches Opernhaus di Berlino nel ruolo di Santuzza in Cavalleria rusticana.

Nel 1904 è Donna Anna in Don Giovanni (opera) al Royal Opera House, Covent Garden di Londra e Elsbeth Rathenow nella prima assoluta di Der Roland von Berlin a Berlino. Nel 1905 è Hedwig nella prima assoluta di Die Heirat wider Willen di Engelbert Humperdinck diretta da Richard Strauss a Berlino e Madama Butterfly diretta da Cleofonte Campanini con Enrico Caruso ed Antonio Scotti a Londra. Nel 1906 è Tatyana in Eugenio Onegin (opera) diretta da Campanini con Mattia Battistini e Marcel Journet a Londra e la protagonista in Salomè (opera) diretta da Strauss a Berlino. Nel 1907 è Salomè diretta da Strauss al Théâtre du Châtelet di Parigi.

Al Metropolitan Opera House di New York debutta come Aida diretta da Arturo Toscanini con Caruso, Louise Homer e Scotti nella serata di apertura della stagione del novembre 1908. Fu la prima interprete di Minnie nella Fanciulla del West di Giacomo Puccini, diretta nel 1910 al Met diretta da Toscanini. Al Met canta in 339 recite fino al 1920.

Si ritirò dalle scene nel 1926.

La sua immagine è sulle banconote da 2000 corone ceche.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emmy Destinn: Soprano 1878 - 1930, Global Village
  • The Symposium Opera Collection, Vol. 6 (1906-1912), Emmy Destinn - Symposium
  • Emmy Destinn Sings, Mastercorp
  • Emmy Destinn - Soprano, Mastercorp
  • Great Opera Singers/Emmy Destinn - Berliner & GT Records/1901 - 1908, Classical Moments
  • Prima Voce: Emmy Destinn, Nimbus
  • Emmy Destinn (Recorded 1907 - 1921), Nimbus

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enciclopedia Universale Rizzoli-Larousse, vol. V (1967), p. 217.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN66640668 · LCCN: (ENn82161395 · ISNI: (EN0000 0003 6850 0629 · GND: (DE119357437 · BNF: (FRcb13611966g (data)