Eugen d'Albert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eugen d'Albert

Eugen Francis Charles d'Albert (Glasgow, 10 aprile 1864Riga, 3 marzo 1932) è stato un pianista e compositore tedesco di origini scozzesi.

D'Albert nacque da madre inglese e padre franco-italiano, Charles d'Albert, un compositore di balletti per il King's Theatre e a Covent Garden. D'Albert non parlò mai l'inglese nativamente, e si considerava tedesco.

Un musicista autodidatta, d'Albert vinse una borsa di studio per il Royal College of Music di Londra e si trasferì a Vienna ancora giovane. Fu allievo di Franz Liszt (è anche responsabile per una delle prime registrazioni dei suoi lavori) e fu amico ed ammiratore di Johannes Brahms, del quale eseguì più volte e con grande successo i due concerti per pianoforte. Celebre una sua esecuzione a Vienna, il 14 novembre 1886, quando aveva soltanto 22 anni, del Concerto n. 2 in si bemolle maggiore (op. 83) che suscitò l'ammirazione commossa ed entusiasta del grande musicista amburghese.

I suoi lavori comprendono una sinfonia, due quartetti d'archi, due concerti per pianoforte, un concerto per violoncello, e molti lieder e composizione per pianoforte solo. I suoi più grandi successi compositivi, tuttavia, sono le sue molte opere, tra le quali la più nota è forse Tiefland (1903), anche se queste non hanno mantenuto un posto nel repertorio.

Aiuto
Teresa Carreño (1853—1917) (info file)
Gottschalk Waltz

D'Albert si sposò sei volte; una delle mogli era la pianista, cantante, e compositrice venezuelana Teresa Carreño.

Tomba di d'Albert a Morcote

Lavori[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Der Rubin (1893)
  • Ghismonda (1895)
  • Gernot (1897)
  • Die Abreise (1898)
  • Kain, tragedia musicale in 1 atto (1900) al Staatsoper Unter den Linden di Berlino diretta da Franz Schalk
  • Der Improvisator (1902)
  • Tiefland (1903)
  • Flauto solo (1905)
  • Tragaldabas (1907)
  • Izëyl (1909)
  • Die verschenkte Frau (1912)
  • Liebesketten (1912)
  • Die toten Augen (1916) nel Semperoper di Dresda diretto da Fritz Reiner
  • Der Stier von Olivera (1918)
  • Revolutionshochzeit (1919)
  • Scirocco (1921)
  • Mareike von Nymwegen (1923)
  • Der Golem (1926)
  • Die schwarze Orchidee (1928)
  • Die Witwe von Ephesos (1930)
  • Mister Wu (1932; incompleta)

Musica orchestrale[modifica | modifica wikitesto]

  • Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in Si minore, Op. 2 (1884)
  • Sinfonia in Fa maggiore, Op. 4 (1886)
  • Esther, Op. 8 (1888)
  • Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in Mi maggiore, Op. 12 (1893)
  • Concerto per violoncello e orchestra in Do maggiore, Op. 20 (1899)
  • Aschenputtel suite, Op. 33 (1924)
  • Preludio sinfonico al Tiefland, Op. 34 (1924)

Musica da camera[modifica | modifica wikitesto]

  • Suite in Re minore for pianoforte, Op. 1 (1883)
  • Otto pezzi per pianoforte, Op. 5
  • Quartetto d'archi n. 1 in La minore, (1887)
  • Sonata per pianoforte in Fa diesis minore, Op. 10 (1893)
  • Quartetto d'archi n. 2 in Mi bemolle maggiore, E flat major Op. 11 (1893)

Musica vocale[modifica | modifica wikitesto]

  • Der Mensch und das Leben Op. 14 (1893)
  • Seejungfräulein Op. 15 (1897)
  • Wie wir die Natur erleben Op. 24 (1903)
  • Mittelalterliche Venushymne Op. 26 (1904)
  • An den Genius von Deutschland Op. 30 (1904)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raupp, Wilhelm. Eugen d'Albert. Ein Künstler- und Menschenschicksal. (Leipzig: Koehler und Amelang, 1930).
  • Pangels, Charlotte. Eugen d'Albert: Wunderpianist und Komponist: eine Biographie. (Zürich; Freiburg i Br.: Atlantis Musikbuch-Verlag, 1981). ISBN 3-7611-0595-9.
  • Molinari, Guido, "Eugen d'Albert (1864-1932): la vita e le opere", Sestri Levante, Gammarò Ed., 2009, p.624.ISBN 8-8950-1065-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN34642370 · LCCN: (ENn82044526 · ISNI: (EN0000 0001 1618 1561 · GND: (DE118501437 · BNF: (FRcb138906412 (data)