Germania (opera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Germania
Lingua originale italiano
Genere dramma lirico
Musica Alberto Franchetti
Libretto Luigi Illica
(libretto online)
Atti un prologo, due quadri e un epilogo
Prima rappr. 11 marzo 1902
Teatro Teatro alla Scala di Milano
Personaggi
  • Giovanni Filippo Palm (basso)
  • Federico Loewe, studente (tenore)
  • Carlo Worms, studente (baritono)
  • Crisogono, studente (baritono)
  • Ricke (soprano)
  • Jane, sua sorella (mezzosoprano)
  • Lene Armuth, vecchia mendicante (mezzosoprano)
  • Jebbel, suo nipote (soprano)
  • Stapps, pastore protestante (basso)
  • Luigi Adolfo Guglielmo Lützow (basso)
  • Carlo Teodoro Körner (tenore)
  • La signora Hedvige (mezzosoprano)
  • Peters, mandriano (basso)
  • Il capo della polizia (basso)
  • Una donna (contralto)
  • Un giovanetto (contralto)
  • personaggi storici, studenti, poliziotti, soldati, boscaioli, membri del Tugendbund, del Louisebund, dei Cavalieri neri

Germania è un'opera lirica di Alberto Franchetti, su libretto di Luigi Illica. L'opera fu rappresentata per la prima volta al Teatro alla Scala di Milano l'11 marzo 1902.[1]

Prima rappresentazione[modifica | modifica wikitesto]

Gli interpreti della prima rappresentazione furono:[1]

Ruolo Interprete
Giovanni Filippo Palm Oreste Gennari
Federico Loewe Enrico Caruso
Carlo Worms Mario Sammarco
Crisogono Michele Wigley
Ricke Amelia Pinto
Jane Jane Bathory
Lene Armuth Teresa Ferraris
Jebbel Bice Silvestri
Stapps Giovanni Gravina
Luigi Adolfo Guglielmo Lützow Carlo Ragni
Carlo Teodoro Körner Oreste Lombardi
La signora Hedvige Adele Ponzano
Peters Ettore Gennari
Il capo della polizia Arcangelo Rossi
Una donna Bruna Properzi
Un giovanetto E. D'Alessandro

Il direttore d'orchestra era Arturo Toscanini; la scenografia era di Adolfo Hohenstein.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Tra il pubblico della prima era presente anche Giacomo Puccini.[2]. Il successo, a cui contribuì anche il tenore Enrico Caruso, si annunciò fin dal prologo, che la recensione de La Stampa[2] definì «un sano equilibrio di strumentale, una ricchezza non mai smentita di colorito armonico». Il primo atto però piacque meno per una «pletora di scatti enfatici»; nel secondo atto, in parte appesantito da troppi richiami patriottici, le pagine corali furono accolte freddamente, ma fu applauditissima la chiusa marziale Morir per la Germania appoggiata dall'orchestra. Dopo un intermezzo sinfonico, dal quale il pubblico si sarebbe forse aspettato qualcosa in più, la chiusura dell'epilogo con l'agonia di Federico «descritta con potenza di vero artista». Il pubblico, pur con qualche parere contrastante, riconobbe in generale il «lavoro validissimo d'un grande artista». Un difetto dell'opera fu trovato nella troppa attenzione alla grandezza patriottica, «tale da assorbire in sé completamente la piccola nota amorosa», con conseguente minore fascino per il pubblico dell'epoca.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La vicenda si svolge in Germania all'inizio del XIX secolo.

[modifica | modifica wikitesto]

Napoleone ha conquistato la Germania, e un gruppo di studenti suoi oppositori si ritrova in una tipografia clandestina dove lavora sotto la direzione di Giovanni Filippo Palm, ricavata in un vecchio mulino nei pressi di Norimberga. Tra di loro vi sono Ricke e Worms. Worms è riuscito a sedurre Ricke anche se lei era fidanzata con Federico, di cui da tempo non ha più notizie.

Proprio Federico li raggiunge, per organizzare la lotta, recando la notizia che il fratello di Ricke è morto. Ricke vorrebbe svelare a Federico la relazione con Worms, ma teme le conseguenze e preferisce tacere. Il loro incontro viene interrotto dal sopraggiungere della polizia. informata dalla delezione di Jebbel. Palm viene scovato ed arrestato. Per lui sarà la morte.

Atto I[modifica | modifica wikitesto]

Una rozza casupola di boscaiolo nella Foresta Nera, dove Federico ha trovato rifugio, dopo l'insuccesso della lotta antinapoleonica. Con lui vi è anche Ricke e si sta svolgendo il loro matrimonio. Giunge Worms, che era stato arrestato ed è riuscito a fuggire. Dice che la società segreta del "Luise-Bund" si riunirà a Königsberg e Federico sarà nominato uno dei capi.Però saputo del matrimonio subito si allontana, ma anche Ricke, tormentata dal ricordo della relazione con Worms, fugge. Scoppia una tempesta. Federico apprende da Jane, la sorella di Ricke che si è nascosta con loro ed ha paura dei fulmini, dei tormenti a cui Ricke era soggetta. Decide perciò di andare a Königsberg ad uccidere Worms

Atto II[modifica | modifica wikitesto]

A Königsberg, nei sotterranei della società segreta "Louise-Bund", si svolge la riunione cui partecipano personaggi storici, Lützow e Körner.Viene introdotto Jebbel che tradì Palm per l'oro. Jebbel preso dal rimorso consegna l'oro. I presenti chiedono la sua morte ma Lützow invece lo arruola dandogli così la possibilità di riscattarsi. Entra un uomo mascherato che accusa Worms di viltà. Poi l'uomo mascherato si rivela, è Federico, che vuole uccidere Worms dicendo che non merita una morte gloriosa in battaglia. Worms non vuole difendersi, preferisce pagare le sue colpe. Ma Lützow dichiara che la libertà della patria è più importante delle beghe personali. Tutti allora inneggiano alla lotta contro Napoleone.

[modifica | modifica wikitesto]

Ha luogo la battaglia, nei pressi di Lipsia. Un intermezzo sinfonico esalta i caduti per la libertà della Germania. Ricke e Jebbel si aggirano fra i caduti e trovano Federico morente. Gli dicono che Worms è morto eroicamente difendendo la bandiera. Federico lo perdona e dice a Ricke di fare lo stesso. Poi la donna lo sorregge perché in fondo nella luce del tramonto si vede Napoleone sconfitto in ritirata con il suo esercito. Federico muore così felice della riconquistata libertà della Germania.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006 - Ante Jerkunica (Giovanni Filippo Palm), Carlo Ventre (Federico Löwe), Bruno Caproni (Carlo Worms), Markus Brück (Crisogono), Lise Lindstrom (Ricke), Sarah van der Kemp (Jane), Ceri Williams (Lene Armuth), Jacquelyn Wagner (Jebbel), Dominik Broecker (Jebbel (bambina)), Arutjun Kotchinian (Il pastore protestante Stapps), Harold Wilson (Luigi Adolfo Guglielmo Lützow), Paul Kaufmann (Carlo Teodoro Körner), Hyung-Wook Lee (Il capo della polizia tedesca), Nicole Piccolomini (Una donna), Max Uwe Stieren (Un poliziotto) - Direttore: Renato Palumbo - Orchestra e Coro Deutsche Oper di Berlino - Registrazione dal vivo - Phoenix (802); (DVD)[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b almanacco di amadeusonline (consultato il 12 aprile 2012)
  2. ^ a b La Stampa, 12 marzo 1902
  3. ^ Alberto Franchetti - Germania - Renato Palumbo (2006), Operaclass.com. URL consultato il 14 dicembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Manica, Germania, in Piero Gelli, Dizionario dell'opera, Milano, Baldini & Castoldi, 1996, ISBN 88-8089-177-4.
  • In attesa della "Germania" di Franchetti, La Stampa, 10 marzo 1902, pagina 1
  • La prima della "Germania" di Franchetti alla Scala di Milano, La Stampa, 12 marzo 1902, pagina 1

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Germania sul sito ufficiale di Alberto Franchetti
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica