Diego Aguirre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diego Aguirre
Diego Aguirre 2011.jpg
Nome Diego Vicente Aguirre Camblor
Nazionalità Uruguay Uruguay
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Carriera
Squadre di club1
1985 Liverpool M. ? (?)
1985 non conosciuta San Francisco de Sales ? (?)
1985 non conosciuta Playa Honda ? (?)
1986-1987 Peñarol ? (?)
1988 Fiorentina 4 (1)
1988-1989 Olympiakos ? (?)
1989-1990 Internacional ? (?)
1991 San Paolo 8 (3)
1991 Portuguesa ? (?)
1992 Independiente ? (?)
1993-1994 Marbella ? (?)
1994 Danubio ? (?)
1995-1996 Peñarol ? (?)
1996 Liverpool M. ? (?)
1997 Dep. Temuco ? (?)
1997-1998 River Plate ? (?)
1999 Rentistas ? (?)
???? FAS ? (?)
???? non conosciuta Bolívar y Temuco ? (?)
Carriera da allenatore
2001 non conosciuta Alianza San Agustin
2002 Plaza Colonia
2002-2003 Aucas
2003-2004 Peñarol
2006-2007 Mont. Wanderers
2007 Alianza Lima
2009-2010 Uruguay Uruguay U-20
2010-2011 Peñarol
2011-2013 Al-Rayyan
2014 Al-Gharafa
2015 Internacional
2016 Atlético Mineiro
2016- San Lorenzo
Palmarès
Transparent.png Campionato sudamericano Under-20
Bronzo Venezuela 2009
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 maggio 2016

Diego Vicente Aguirre (Montevideo, 13 settembre 1965) è un allenatore di calcio ed ex calciatore uruguaiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli esordi nei club del suo Paese, viene ingaggiato dal Peñarol – squadra in cui milita anche Josè Perdomo. Con tale squadra, oltre a vincere il campionato, si aggiudica nel 1987 la Coppa Libertadores, edizione nella quale addirittura segna il gol decisivo per la vittoria: nella finale di spareggio (terzo incontro) contro l'América de Calì[1] al 15º minuto del secondo tempo supplementare[2]. La visibilità ottenuta lo porta alla Fiorentina di Eriksson; per la squadra viola, però, non disputerà mai partite di campionato, prendendo solo parte alla Coppa Italia[3].

L'esordio avviene il 24 agosto 1988, allorché l'attaccante gioca titolare - sul campo di Pistoia - contro l'Avellino (vittoria per 1-0)[3].

Subentrerà nel derby col Pisa (perso per 4-2)[3] e nell'incontro del successivo 31 agosto con l'allora Virescit Boccaleone di Bergamo[3], giocato sempre a Pistoia; in quest'ultima occasione Diego segnerà il suo unico gol in Italia[3]. L'ultima apparizione sarà contro l'Ancona, prima della sua definitiva messa in angolo a favore di Stefano Borgonovo e Roberto Pruzzo, giudicati più affidabili dal tecnico svedese[3].

Successivamente, ha militato in altri club in Spagna, Grecia, Brasile, Uruguay e Argentina. Concluderà la sua carriera giocando in El Salvador e Cile.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000, all'atto del ritiro, inizia a tempo pieno la propria attività di allenatore, ruolo che tuttora detiene. Allenerà squadre di club uruguayane come l'Alianza San Agustin, Plaza Colonia, Penarol (quest'ultimo nei periodi 2003-2004 e 2010-2011) e Montevideo Wanderers, ecuadoregne (Aucas)[4] e peruviane (Alianza Lima). Dal 2009 al 2010 allena e prepara la Nazionale Under-20 dell'Uruguay. Nel 2011 viene assunto dall'Al-Rayyan, club del Qatar, mentre nel 2014 allena l'Al-Gharafa[5].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Peñarol: 1995-1996

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Peñarol: 1987

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Peñarol: Clausura 2003

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) dati ricavati dal sito Goal.com [1], URL consultato il 4/10/2014.
  2. ^ (EN) dati ricavati dal sito di risultati calcistici internazionali RSSSF.com [2], URL consultato il 4/10/2014.
  3. ^ a b c d e f dati ricavati dal sito Calciobidoni.it [3], URL consultato il 4/10/2014.
  4. ^ (ES) dati ricavati dal sito del quotidiano ecuadoregno La Hora [4], URL consultato il 4/10/2014.
  5. ^ (EN) dati ricavati dal sito Qatar Stars League [5], URL consultato il 4/10/2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]