Daniele Bracciali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniele Bracciali
Bracciali WM13-003 (9475508331).jpg
Daniele Bracciali nel 2013
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 78 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 35-55
Titoli vinti 1
Miglior ranking 49º (8 maggio 2006)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2006)
Francia Roland Garros 1T (2005, 2006, 2007)
Regno Unito Wimbledon 3T (1998, 2006)
Stati Uniti US Open 1T (2005, 2006)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 123-117
Titoli vinti 5
Miglior ranking 21º (11 giugno 2012)
Ranking attuale 56° (30 settembre 2014)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2013)
Francia Roland Garros SF (2012)
Regno Unito Wimbledon QF (2012)
Stati Uniti US Open 3T (2011)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2012)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte 3-2
Titoli vinti 0
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open SF (2012)
Francia Roland Garros SF (2012)
Regno Unito Wimbledon -
Stati Uniti US Open 1T (2011)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici QF (2012)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 12 agosto 2013

Daniele Bracciali (Arezzo, 10 gennaio 1978) è un tennista italiano, specializzato nel doppio.

Diventato professionista nel 1995, l'8 maggio 2006 ha raggiunto il suo miglior piazzamento nel ranking ATP con il 49º posto. Si allenava ad Arezzo nella Blue Team Tennis Academy con Potito Starace, sotto la guida tecnica di Umberto Rianna. Attualmente si allena al Circolo Tennis Giotto di Arezzo.

Il 6 agosto 2015 è stato radiato, insieme a Potito Starace, dalla Federazione Italiana Tennis e condannato a pagare 40.000 € di multa «per aver alterato l'esito di alcuni incontri al fine di realizzare guadagni illeciti tramite scommesse»[1]. La squalifica è stata poi ridotta a un anno soltanto.

Carriera tennistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 ha vinto il challenger sull'erba di Surbiton in Inghilterra sconfiggendo due specialisti di questa superficie quali Greg Rusedski e Ivo Karlović. Al Torneo di Wimbledon trova Andy Roddick al secondo turno. Indietro di due set, riesce prima a vincere il terzo causando la sospensione per oscurità, poi il quarto, prima di cedere al quinto. Roddick avrebbe poi raggiunto la finale.

Nel 2006, ha vinto il Torneo ATP di Casablanca su terra rossa battendo in finale Nicolás Massú.

Nel 2007 gli viene inflitta una squalifica di tre mesi e un'ammenda di 20.000 dollari a seguito del suo coinvolgimento in una vicenda legata alle scommesse.[2]

Il 31 ottobre 2010 Daniele Bracciali vince il suo secondo titolo Atp in doppio della carriera, dopo il Torneo di Milano nel 2005 in coppia con Giorgio Galimberti, vincendo in coppia con Potito Starace, il torneo di doppio a San Pietroburgo sconfiggendo in finale la coppia formata da Rohan Bopanna e Aisam-ul-Haq Qureshi per 7-6(6) 7-6(5).

Nel primo torneo di doppio giocato nel 2011 raggiunge la finale in coppia con Andreas Seppi nel torneo ATP di Doha, perdendo dalla coppia formata da Rafael Nadal e Marc López per 6-3 7-6(4).

Il 6 agosto 2011 vince il torneo di doppio di Kitzbühel insieme a Santiago González.

Il 24 settembre 2011 si è aggiudicato, in coppia con Potito Starace, il torneo di doppio di Bucarest battendo in finale la coppia formata da Julian Knowle e David Marrero con il punteggio di 3-6, 6-4, [10-8].

Due le finali raggiunte nel 2012: a Casablanca in coppia con Fabio Fognini e a Mosca con Simone Bolelli. Nell'estate dello stesso anno raggiunge il suo miglior piazzamento nella classifica mondiale di doppio: grazie alla semifinale raggiunta con Starace agli Open di Francia a giugno sale infatti al 21º posto, ranking eguagliato il mese successivo. Lusinghieri anche i quarti di finale raggiunti a Wimbledon (in coppia con Julian Knowle), risultato non bissato in occasione dei giochi olimpici, ai quali partecipa in coppia con Andreas Seppi nel doppio maschile, perdendo al primo turno, e in coppia con Roberta Vinci nel doppio misto, dove si ferma al secondo turno.

Torna a giocarsi di nuovo una finale proprio sull'erba nel giugno 2013, quando, in coppia con l'israeliano Jonathan Erlich viene sconfitto al torneo di Halle dalla coppia Gonzalez/Lipsky.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È destro, e si adatta molto bene alle superfici più veloci come il sintetico, il cemento e l'erba. Come tipologia di gioco, è sostanzialmente un "attaccante da fondocampo". I suoi colpi migliori sono il servizio (molto potente, con il quale riesce a procurarsi numerosi "ace" a partita), e il dritto. Difetta invece, leggermente, nel colpo di rovescio, e nel gioco al volo, a rete (proprio un colpo al volo spedito fuori a campo aperto nel tie-break del set decisivo fu determinante per fargli perdere una partita senza break contro Andy Roddick a Cincinnati nel 2006).

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (1)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
Masters Series (0) / ATP Masters 1000 (0)
Giochi olimpici (0)
International Series Gold (0) / ATP World Tour 500 (0)
International Series (1) / ATP World Tour 250 (1)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 24 aprile 2006 Marocco Grand Prix Hassan II, Casablanca Terra battuta Cile Nicolás Massú 6-1, 6-4

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (5)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
Masters Series (0) / ATP Masters 1000 (0)
Giochi olimpici (0)
International Series Gold (0) / ATP World Tour 500 (0)
International Series (1) / ATP World Tour 250 (5)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 6 febbraio 2005 Italia Milano Indoor, Milano Sintetico indoor Italia Giorgio Galimberti Francia Jean-François Bachelot
Francia Arnaud Clément
6-710, 7-66, 6-4
2. 31 ottobre 2010 Russia St. Petersburg Open, San Pietroburgo Sintetico indoor Italia Potito Starace India Rohan Bopanna
Pakistan Aisam-ul-Haq Qureshi
7-66, 7-65
3. 18 giugno 2011 Paesi Bassi UNICEF Open, 's-Hertogenbosch Erba Rep. Ceca František Čermák Svezia Robert Lindstedt
Romania Horia Tecău
6-3, 2-6, [10-8]
4. 6 agosto 2011 Austria Interwetten Austrian Open Kitzbühel, Kitzbühel Terra battuta Messico Santiago González Brasile Franco Ferreiro
Brasile André Sá
7-6, 4-6, [11-9]
5. 24 settembre 2011 Romania BCR Open Romania, Bucarest Terra battuta Italia Potito Starace Austria Julian Knowle
Spagna David Marrero
3-6, 6-4, [10-8]

Finali perse (6)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
Masters Series (0) / ATP Masters 1000 (0)
Giochi olimpici (0)
International Series Gold (0) / ATP World Tour 500 (0)
International Series (1) / ATP World Tour 250 (6)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 15 febbraio 2004 Italia Milano Indoor, Milano Sintetico indoor Italia Giorgio Galimberti Stati Uniti Jared Palmer
Rep. Ceca Pavel Vízner
4-6, 4-6
2. 8 gennaio 2011 Qatar Qatar ExxonMobil Open, Qatar Cemento Italia Andreas Seppi Spagna Rafael Nadal
Spagna Marc López
3-6, 6-74
3. 14 aprile 2012 Marocco Grand Prix Hassan II, Casablanca Terra battuta Italia Fabio Fognini Germania Dustin Brown
Australia Paul Hanley
5-7, 3-6
4. 20 ottobre 2012 Russia Kremlin Cup, Mosca Cemento Italia Simone Bolelli Rep. Ceca František Čermák
Slovacchia Michal Mertiňák
7-5, 6-3
5. 16 giugno 2013 Germania Gerry Weber Open, Halle Erba Israele Jonathan Erlich Messico Santiago González
Stati Uniti Scott Lipsky
6-2, 7-63
6. 2 agosto 2014 Austria Bet-at-home Cup Kitzbühel, Kitzbühel Terra battuta Kazakistan Andrej Golubev Finlandia Henri Kontinen
Finlandia Jarkko Nieminen
6-1, 6-4

Tornei minori[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (7)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda tornei minori
Challenger (5)
Futures (2)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 5 ottobre 1998 Italia Olbia Challenger, Olbia Cemento Israele Eyal Ran 7–6, 6–4
2. 22 settembre 2002 Italia Internazionali Città di Oristano, Oristano Cemento Italia Massimo Dell'Acqua 5-7, 6-3, 7-66
3. 28 luglio 2003 Italia Guzzini Challenger, Recanati Cemento Italia Massimo Dell'Acqua 7–60, 6–3
4. 12 luglio 2004 Italia Carisap Tennis Cup, San Benedetto del Tronto Terra battuta Argentina Cristian Villegran 7–63, 6–1
5. 6 giugno 2005 Regno Unito Surbiton Trophy, Surbiton Erba Croazia Ivo Karlović 60–7, 7–65, 7–64
6. 18 luglio 2005 Regno Unito Manchester Trophy, Manchester Erba Slovacchia Igor Zelenay 6–4, 6–4
7. 30 agosto 2009 Italia Città di Piombino, Piombino Cemento Italia Massimo Dell'Acqua 7-65, 7-5
Finali perse (10)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda tornei minori
Challenger (6)
Futures (4)

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (27)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda tornei minori
Challenger (21)
Futures (6)
Finali perse (20)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda tornei minori
Challenger (16)
Futures (4)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]