Critters, gli extraroditori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Critters, gli extraroditori
Crittеrs, gli extraroditori.png
Titolo originale Critters
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1986
Durata 82 min
Rapporto 1.85 : 1
Genere commedia, orrore, fantascienza
Regia Stephen Herek
Soggetto Domonic Muir
Sceneggiatura Stephen Herek, Domonic Muir, Don Opper
Produttore Rupert Harvey, Barry Opper
Produttore esecutivo Robert Shaye
Casa di produzione New Line Cinema, Sho Films Production, Smart Egg Pictures
Distribuzione (Italia) Eagle Pictures
Fotografia Tim Suhrstedt
Montaggio Larry Bock
Effetti speciali Casey Cavanaugh, Frank Ceglia, Fratelli Chiodo, Clark Hunter, Ray Massara, Bruce Steinheimer, Chuck E. Stewart, Ken Tarallo
Musiche David Newman
Scenografia Gregg Fonseca
Trucco Teresa M. Austin, R. Christopher Biggs, John Criswell, Kathy W. Estocin, Thomas Floutz, Bill Forsche, Nedra Hainey, Cary Howe, Greg Johnson, Julie Mauger, Richard N. McGuire, John Naulin, Steve Patino, Robert Zoller
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Critters, gli extraroditori (Critters) è un film del 1986 di Stephen Herek.

Prodotto sulla scia del successo ricavato da Gremlins (1984) di Joe Dante, Critters si pone a metà strada tra l'horror e l'umorismo più nero.

Critters viene considerato ancor oggi un cult del genere, soprattutto per la sua storia che vede una produzione a basso costo graziata dagli effetti visivi e speciali sviluppati dai fratelli Chiodo. Ha avuto tre seguiti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nelle profondità dello spazio più remoto un asteroide artificiale è adibito a carcere di massima sicurezza. Proprio da questa galera volante, un gruppo di criminali sotto forma di mostriciattoli pelosi, i Critters, a causa del loro basso livello di pericolosità vengono trasportati su un'altra stazione. Ma le piccole creature non sono così ingenue come si crede, infatti uccidono il capo stazione e prendono il controllo della navicella per sfuggire a due cacciatori subito messi al loro inseguimento.

Sulla Terra, in una località rurale del Kansas, intanto, la famiglia Brown, composta da Jay (padre), Helen (madre) e i due giovani figli April e Brad, sta litigando per il comportamento irriverente di Brad e del suo amico Charlie, un alcolizzato convinto di sentire trasmissioni aliene attraverso i molari. La vita serena della famiglia sta per essere bruscamente interrotta: dall'autostrada sita poco più avanti al loro casolare, Charlie vede un'astronave cadere nella foresta. Anche se l'uomo pensa che la sua visione sia frutto dell'alcool, in realtà la "cometa" non è altro che la stazione della quale si sono impadroniti i Critters.

La scena si sposta nuovamente in casa Brown: Jay e Brad hanno visto anch'essi la cometa, e per distrarsi dal litigio appena terminato escono di casa per andare a controllare cosa stia accadendo. Una volta giunti al luogo della caduta, Jay e Brad notano che una delle mucche di famiglia è stata divorata e scoprono la presenza di una astronave. Nel frattempo Helen sta concludendo le faccende di casa ma alla finestra della cucina nota due occhi rossi che la fissano.

Anche il vice-sceriffo della contea, distratto dalla strana scia luminosa, finisce fuori strada con l'auto di servizio e viene divorato dalle fameliche creature.

I due cacciatori atterrano poco lontano dalla fattoria della famiglia Brown e assumono sembianze umane, il primo quelle di un cantante heavy metal e il secondo quelle del vice-sceriffo straziato dai Critters.

Le terribili creature iniziano la loro ricerca di cibo assalendo Jay che a fatica riesce liberarsi e il fidanzato della figlia April che rimane ucciso. La famiglia Brown si rifugia in casa cercando di difendersi con i fucili e alcune bombe artigianali costruite dal piccolo Brad.

L'azione si sposta nella cittadina rurale, dove giungono i cacciatori a bordo dell'auto del vice-sceriffo ed entrano nella locale chiesa dove si sta celebrando la messa e chiedono delle mostruose creature. Alla risposta negativa e terrorizzata del reverendo, essi devastano tutto con potenti cannoni laser, e il secondo cacciatore assume le sembianze del reverendo. Si recano quindi alla locale sala da bowling e anche qui devastano tutto alla presenza di uno sbalordito Charlie che vede il secondo cacciatore assumere le sue sembianze.

Lo sceriffo decide di raggiungere, a seguito delle curiose segnalazioni, la casa dei Brown, cosa che faranno anche i cacciatori che incontrano sulla strada Brad che si offre di aiutarli. Giunti alla casa dei Brown, iniziano una cruenta battaglia contro i critters, che sconfitti, rapiscono April e insieme al loro leader, un critter gigante, la trascinano nella loro astronave, intenzionati a banchettare con la ragazza.

Ma Brad e Charlie li raggiungono e, una volta messa in salvo April, lanciano una bomba nella navicella esplode in volo. Purtroppo i critters poco prima dell'esplosione decidono di far saltare in aria la casa dei Brown come dispettosa ritorsione per la loro sconfitta.

I cacciatori hanno compiuto la loro missione e sono in procinto di ripartire, ma quello con le sembianze del cantante heavy-metal lascia al piccolo Brad un trasmettitore spaziale invitandolo a chiamarlo nel caso avesse bisogno d'aiuto. Ormai amici, il cacciatore e Brad si salutano.

Poco dopo la loro partenza, i cacciatori, con un potente impulso elettronico, ricostruiscono la casa dei Brown, ma nel pollaio si intravedono misteriose uova che sghignazzano.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La lavorazione si è svolta in Kansas tra il 10 novembre 1984 e il 27 gennaio 1985 con a disposizione circa 2.000.000$ di spesa.[senza fonte]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito negli Stati Uniti d'America a partire dall'11 aprile 1986 con poche aspettative, a cura della New Line Cinema, che fece proiettare la pellicola in solo 540 sale cinematografiche. Dopo una settimana di proiezione, il film aveva già incassato 1.618.800$, sbalordendo le compagnie finanziatrici. Alla fine dello sfruttamento nelle sale statunitensi, Critters aveva raggiunto quota 13.167.232$, somma che fu determinante sul futuro della serie, dando vita a tre seguiti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]