Claudio Risé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Claudio Risé (Milano, 1939) è uno scrittore, giornalista, docente universitario e psicoterapeuta italiano di formazione e orientamento psicoanalitico junghiano (iscritto all'Ordine degli psicologi della Lombardia, già membro del Consiglio Direttivo dello stesso). È stato fino al 2008 docente di Psicologia dell'Educazione alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Milano-Bicocca, e precedentemente di Sociologia della comunicazione e dei processi culturali alla Facoltà di Scienze dell'Università dell'Insubria, e di Polemologia al Corso di Laurea in Scienze Diplomatiche della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Trieste. Ha scritto numerosi saggi sul dono, sulla psicologia del maschile e sulla figura del padre, oltre a svariati libri inerenti temi di psicologia sociale ed educativa. Giornalista professionista (in passato Inviato a L'Espresso, la Repubblica, Corriere della Sera, Vice Direttore a Espansione, condirettore a Tempo Illustrato), conduce il blog Psiche lui su IO Donna, settimanale del Corriere della Sera, e collabora a quotidiani e settimanali. Dal 2006 al 2015 è stato Presidente della Fondazione Piccolo Teatro di Milano. Dal marzo 2018 è editorialista al quotidiano La Verità con la rubrica Lo sguardo selvatico nell'edizione della domenica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Risé nasce a Milano dove vive fino al conseguimento della maturità classica nel 1958. Prima e dopo la sua formazione all'Institut Universitaire de Hautes Etudes Internationales di Ginevra fino al 1963, inizia l'attività giornalistica al settimanale L'Espresso. Negli stessi anni è secrétaire general del Centre d'études sur l'Italie contemporaine, fondato a Losanna da Jean Meynaud, ordinario di Scienza Politica alle Università di Losanna e Ginevra. Dopo l'esperienza all'Espresso ricopre successivamente le funzioni di inviato presso il gruppo Corriere della Sera, di vicedirettore a Espansione, inviato per l'economia e finanza alla Repubblica, e condirettore di Tempo Illustrato). È giornalista professionista, iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 1966. Per il settimanale del Corriere della sera, Io donna, segue e firma dalla fondazione del settimanale il blog Psiche lui.

Negli anni settanta, durante la professione giornalistica, compie una formazione psicoterapeutica a Milano e a Zurigo, all'interno della scuola junghiana. Ha come analisti e maestri, tra gli altri, Silvia Montefoschi, (già membro della Società Internazionale di Psicologia Analitica e co/fondatrice di entrambe le scuole italiane di formazione analitica junghiana AIPA e CIPA), Dora Kalff, allieva di Emma Jung e fondatrice del metodo della Sandplay Therapy e della International Society for Sandplay Therapy, e Dieter Bauman. Approfondisce poi in particolare lo studio della psicologia maschile che riteneva allora fortemente e ingiustamente trascurata. Fonda nel 1987, a Milano, il "Circolo di via Podgora per una revisione critica del lavoro analitico", e nel 1994 (con Vincenzo Loriga e Marina Valcarenghi) La Libera Scuola di Terapia Analitica, L.I.S.T.A. Entra fin dalla sua costituzione nell'Ordine degli psicologi italiano pur essendo laureato in Scienze Politiche e non in Medicina né in Psicologia, (come molti altri, a partire da Cesare Musatti, laureato il filosofia), in base all'art 32 della legge istitutiva dell'Ordine, e viene iscritto all'Albo degli psicoterapeuti. Al centro della sua attività hanno un posto particolare le psicologie di genere e in particolare del maschile; i problemi che nascono in seguito alla mancanza della figura paterna[1]; e i disturbi conseguenti alla rimozione, nella società industriale, della natura incontaminata (Wilderness) e della sua funzione educativa e formativa. Numerose sono le sue pubblicazioni riguardanti la figura del padre e la sua importanza sociale. A questo filone di ricerca sui problemi familiari ed educativi appartiene anche il suo testo sulla nascita e l'aborto e quello precedente sulla droga, oltre a Curare l'anima (con Paolo Ferliga), manuale di Psicologia dell'educazione, materia di cui è stato docente alla Facoltà di Medicina dell'Università Bicocca di Milano.

Attivo e noto a livello internazionale, già ricercatore presso la Fondazione Eranos di Ascona (CH) e membro didatta dell'American Sandplay Association e collaboratore del Journal of Sandplay Therapy di San Francisco. Diversi suoi saggi sono stati tradotti in spagnolo, francese, portoghese, tedesco e polacco[2].

La sua ricerca individua nel disturbo narcisistico di personalità il disagio più diffuso oggi nella società occidentale, generatore di molti altri e dererminante nello sviluppo delle forme depressive. Ne vede l'origine nei cambiamenti antropologici conseguenti al processo di secolarizzazione e alla svalutazione e progressiva distruzione della natura, con i problemi prodotti da queste tendenze nel campo delle identità, della famiglia, e della sessualità, della capacità di produrre veri desideri e provare piaceri, e di sviluppare relazioni autentiche e felici tra esseri umani e col mondo naturale e spirituale.

Risé vede inoltre nel mondo naturale ("selvatico") l'ambiente necessario a nutrire esperienza del dono, indispensabile per realizzare la pienezza personale e relazionale dell'essere umano. Questo aspetto è approfondito in "Maschio Selvatico 2", edizione completamente rinnovata de "Il maschio selvatico. Ritrovare l'istinto rimosso dalle buone maniere", che ebbe oltre quindici edizioni e fu cult book del movimento degli uomini in Italia negli anni 90. L'aspetto femminile del rapporto col mondo selvatico e il dono è illustrato nella ricerca di antropologia culturale "Donne selvatiche. Forza e mistero del femminile", scritto con la moglie Moidi Paregger, medico, specializzato in omeopatia e medicina antroposofica. L'impegno di Risé a favore della natura incontaminata gli ha valso la qualifica di Membro onorario dell'Associazione Italiana per la Wilderness, membro di Wilderness International, uno dei cui fondatori, il sudafricano Ian Player, è stato tra i maestri di Risé. Fra i suoi libri più conosciuti e apprezzati quelli sulla paternità: Il padre. L'assente inaccettabile, tradotto in cinque lingue diverse, e Il mestiere del padre, in due. Dibattiti e numerose edizioni suscita inoltre la ricerca di Claudio Risé sul tema del dono. Da La crisi del dono, uscito nel 2009, sulla delicata questione dell'aborto (tradotto in polacco e spagnolo), a Felicità è donarsi. Contro la cultura del narcisismo a Il Padre. Libertà. Dono (con prefazione del filosofo Pietro Barcellona) vincitore del premio Capri - San Michele per la psicologia nel 2014.

Al carattere psicopatologico manifestato con evidenza dai processi sopra descritti, in atto nella società occidentale della tarda modernità e fortemente contestati da altre culture presenti nel mondo di oggi, è dedicato il testo del 2016: Sazi da morire. Malattie dell'abbondanza e necessità della fatica.

Dal 2000 Risé vive e lavora (oltre che a Milano), sull'altopiano del Renon, sopra Bolzano, dove Sigmund Freud scrisse alcuni tra i suoi "casi clinici" più importanti, ma dove soprattutto installò la propria casa familiare l'antropologo Bronisław Malinowski, fondatore dall'etnologia funzionalistica, che come Claudio Risé considera organismi viventi le società umane.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • con Jean Meynaud, Gruppi di pressione in Italia e in Francia. Edizioni Scientifiche Italiane, 1963
  • Rapporto sul comportamento sessuale dei giovani in Italia. Sugar Editore, 1966
  • Parsifal. L'iniziazione maschile all'amore, Red Edizioni, 2002 [1988], ISBN 88-7031-622-X.
  • Il maschio selvatico, Red Edizioni, 2002 [1993], ISBN 88-7031-947-4.
  • Diventa te stesso, Como, Red Edizioni, 2003 [1995], ISBN 88-7447-096-7.
  • Maschio amante felice, Sperling & Kupfer, 2005 [1995], ISBN 88-8274-792-1.
  • Psicanalisi della guerra, Red Edizioni, 1997, ISBN 88-7031-789-7.
  • Da uomo a uomo, Sperling & Kupfer, 1998, ISBN 88-200-2674-0.
  • con Claudio Bonvecchio e G. Martignoni, La questione maschile, Società Editrice Barbarossa, 1999.
  • con Claudio Bonvecchio, L'Ombra del potere, Red Edizioni, 2002 [1999].
  • Essere uomini, Red Edizioni, 2002 [2000], ISBN 88-7031-628-9.
  • con Moidi Paregger, Donne selvatiche, Sperling & Kupfer, 2006 [2002], ISBN 88-8274-999-1.
  • Il padre. L'assente inaccettabile, 7ª edizione, San Paolo, 2009 [2003], ISBN 88-215-4843-0.
  • Felicità è donarsi, Sperling & Kupfer, 2004, ISBN 88-8274-698-4.
  • Il mestiere di padre, San Paolo, 2009 [2004], ISBN 88-215-5207-1.
  • Don Giovanni, l'ingannatore, Sperling & Kupfer, 2006, ISBN 88-6061-437-6.
  • Il selvatico, il padre, il dono, Lampi di Stampa - Libuk, 2006, ISBN 88-488-0463-2.
  • Cannabis. Come perdere la testa e a volte la vita, San Paolo, 2007, ISBN 88-215-5924-6.
  • La crisi del dono, San Paolo, 2009, ISBN 88-215-6400-2.
  • Guarda Tocca Vivi, Sperling & Kupfer, 2011, ISBN 978-88-200-5058-0.
  • Il padre: libertà dono, Edizioni Ares, 2013, ISBN 978-88-8155-579-6.
  • Felicità è donarsi. Contro la cultura del narcisismo.San Paolo, 2014
  • Guarda Tocca Vivi. Riscoprire i sensi per essere felici. San Paolo e book, 2014
  • Il maschio selvatico2. San Paolo 2015. ISBN 978-88-215-9435-9
  • con Moidi Paregger, Donne selvatiche. Forza e mistero del femminile. San Paolo e book, 2015.
  • con Paolo Ferliga, Curare l'anima. Psicologia dell'educazione. Editrice La Scuola, 2015, ISBN 978-88-350-4035-4
  • con Moidi Paregger, Donne selvatiche. Forza e mistero del femminile. San Paolo, 2015, ISBN 978-88-215-9612-4
  • Il Maschio Selvatico. L'archetipo, il mondo selvatico e l'ambiente del dono. In: La questione maschile. A cura di Saveria Chemotti (Atti del convegno: Archetipi, transizioni, Metamorfosi. Università degli Studi di Padova, 24-27 marzo 2015). Il Poligrafo Editore, Padova, 2015. ISBN 978-88-7115-910-2
  • Sazi da morire. Malattie dell'abbondanza e necessità della fatica. San Paolo, 2016, ISBN 978-88-215-9761-9
  • Parsifal. L'iniziazione maschile all'amore. Editrice La Scuola, 2016, ISBN 978-88-350-4348-5
  • con Francesco Borgonovo, Vita selvatica. Manuale di sopravvivenza alla modernità. Lindau, 2017, ISBN 978-88-6708-669-6
  • La scoperta di sé. I sentieri dell'individuazione. San Paolo, 2018, ISBN 978-88-922-1470-5
  • Lo slancio verso l'alto. Piccolo manuale per puntare al cielo. a cura di Laura Girelli. San Paolo, 2019, ISBN 978-88-922-1821-5

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Curriculum Archiviato il 27 dicembre 2008 in Internet Archive. dal sito ufficiale (consultato in data 27-11-2009)
  2. ^ Le traduzioni dei suoi libri Archiviato il 21 febbraio 2010 in Internet Archive. dal sito ufficiale (consultato in data 27-11-2009)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN102553236 · ISNI (EN0000 0001 0929 7574 · SBN IT\ICCU\MILV\054036 · LCCN (ENno2013056709 · BNF (FRcb14646717p (data) · WorldCat Identities (ENno2013-056709