Dioscuri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Castore e Polluce)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Castore" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Castore (disambigua).
Diòscuri (Càstore e Pollùce)
Castor et Polux porcelaine de Sèvres.jpg
I Diòscuri (Càstore e Pollùce)
SagaCiclo troiano
Nome orig.Διόσκουροι (Κάστωρ e Πολυδεύκης)
SessoMaschi
Luogo di nascitaSparta
ProfessionePrincipi di Sparta

I Diòscuri (in greco antico: Διόσκουροι, Dióskouroi - in latino Dioscuri) ovvero Càstore (in greco antico: Κάστωρ, -ορος - Kástōr, in latino Castōr, -ŏris) e Pollùce o Polideuce (in greco antico: Πολυδεύκης, -ους - Polydéukēs, in latino Pollūx, -ūcis), sono due personaggi della mitologia greca, etrusca e romana. Conosciuti soprattutto come i Diòscuri[1] ossia "figli di Zeus", ma anche come Càstori, Gemini e Tindaridi[2], avevano entrambi una propria specificità: Castore era domatore di cavalli e Polluce era ottimo nel pugilato[3].

Erano anche considerati come protettori dei naviganti durante le tempeste marine e furono associati alla costellazione dei Gemelli[4] e alla comparsa della stella Sirio nel cielo in prossimità dell'equinozio di primavera, poiché propiziava la semina dei campi e l'inizio della primavera stessa. Nell'astronomia moderna Castore dà il nome ad Alpha Geminorum e Polluce a Beta Geminorum. Vengono talvolta considerati anche patroni dell'arte poetica, della danza e della musica[5].

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Figli di Tindaro[6] e di Leda[6] (quando le leggende li considerano nati da un padre mortale) o di Zeus[7][2] e Leda[7][2] (quando gli assegnano una discendenza divina[8]). Esistono inoltre versioni dove Tindaro sia il padre di Castore e Zeus quello di Polluce[9]. Castore sposò Ileria[10] e divenne padre di Anogon[10]. Polluce sposò Febe[10] e divenne padre di Mnesileo[10] (o Mnasinous[11]).

Mitologia greca[modifica | modifica wikitesto]

I Diòscuri in statuette romane del 3° secolo a.C. conservate al Metropolitan Museum of Art

Principi di Sparta, furono Argonauti[12] parteciparono alla caccia del cinghiale calidonio[13], al salvataggio della sorella Elena e al rapimento delle Leucippidi[14][15].

Argonauti[modifica | modifica wikitesto]

Come Argonauti, compirono il viaggio verso la Colchide nella ricerca del Vello d'oro e alla caccia al cinghiale calidonio. Polluce (già celebrato come grande pugile[16]) sconfisse in un incontro di pugilato il re dei Bebrici, Amico[17][18]. Poco tempo dopo fondarono la città eponima di Dioscuria (sempre collocata in Colchide secondo il mito), e nel viaggio di ritorno aiutarono Giasone e Peleo a distruggere la città di Iolco come ritorsione al tradimento del suo re Pelia.

Il salvataggio di Elena[modifica | modifica wikitesto]

Quando Teseo rapì Elena per portarla con sé ad Afidna, i Dioscuri invasero il regno dell'Attica per salvarla e per ritorsione rapirono Etra[19] che fu portata con loro a Sparta dove divenne schiava di Elena.

La mandria, Leucippidi e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Il rapimento delle Leucippidi su sarcofago romano dei Musei Vaticani. I Dioscuri hanno sul capo il Pileo.

Gli episodi della loro morte sono raccontati in due versioni diverse:

Apollodoro racconta che razziarono del bestiame con la complicità dei fratelli Idas e Linceo ma ebbero una lite sulla spartizione del bottino poiché Idas usò nei confronti dei Dioscuri uno stratagemma scorretto e in seguito si allontanarono con i capi migliori della mandria. Per ritorsione i Dioscuri marciarono contro la città di Messene e dapprima si ripresero il bestiame e molto altro ancora e in seguito tesero un'imboscata a Idas e Linceo, che però fallì poiché Castore, nascostosi per colpire Idas fu scorto da Linceo e Idas lo uccise. Polluce li inseguì e vendicò il fratello uccidendo Linceo con la sua lancia, ma fu da questo colpito alla testa con un sasso e cadde a terra. Questa versione (che considera Polluce figlio di Zeus), dice che per vendicare la morte del figlio, Zeus lanciò un fulmine che uccise Idas[10].

Igino e Teocrito invece, scrivono che Leucippo (il padre di Fere e Ileria, dette Leucippidi), dopo aver promesso le due figlie a Idas e Linceo si lasciò tentare dai doni offerti dai Dioscuri e acconsentì al matrimonio con gli ultimi due che le portarono a Sparta e le resero madri. Idas e Linceo però presero le armi e marciarono contro di loro, così Castore colpì a morte Linceo e si oppose a Idas impedendogli di seppellire la vittima e sostenendo che quel cadavere ora gli appartenesse e Idas, usando la spada, reagì trafiggendolo mortalmente alla coscia. Polluce infine, sconfisse Idas e seppelli il proprio fratello (Castore)[14][15]. Di questa versione esistono delle varianti che aggiungono che Polluce, implorando Zeus di rendere immortale il fratello Castore, ottenne che vivessero in alternanza un giorno nell'Olimpo e uno nell'Ade.

Euripide scrive invece che Zeus concesse loro di vivere per sempre nel cielo e nella forma della costellazione dei Gemelli[4] e come emblemi di immortalità e morte, altre leggende raccontano che i Dioscuri, come Eracle, siano stati iniziati ai misteri eleusini.

Mitologia e culto romano[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Sparta (la loro patria) dal mito greco, il loro culto ebbe anche la divinazione di renderli i protettori dei naviganti (poiché secondo la leggenda Poseidone affidò loro il potere di dominare il vento e il mare) e dopo essersi diffuso nella Magna Grecia, dal V secolo avanti Cristo fu assimilato presso i Latini e divenne oggetto di venerazione da parte dei Romani.

Uno dei Diòscuri, sulla Cordonata del Campidoglio, a Roma
Uno dei Diòscuri, sulla Cordonata del Campidoglio, a Roma

Probabilmente l'assimilazione del mito greco presso i Romani fu la conseguenza della trasmissione culturale avvenuta attraverso le colonie greche della Magna Grecia del sud Italia e la relativa conquista dal parte di Roma[20].

Un'iscrizione arcaica latina del sesto o quinto secolo a.C. trovata a Lavinio che recita "Castorei Podlouqueique qurois" ("Per Castore e Polluce, i Dioscuri"), suggerisce una trasmissione diretta dai Greci e la parola "qurois" è praticamente una traslitterazione della parola greca "κούροις", mentre "Podlouquei" (Poliducei) è effettivamente una traslitterazione del greco "Πολυδεύκης"[20].

A Roma (e con il nome di Càstori) venivano ricordati nel Tempio dei Dioscuri collocato all'interno del Foro Romano e nelle vicinanze del Tempio di Vesta che fu costruito per un voto (votum) offerto dal dittatore Aulo Postumio durante la battaglia del Lago Regillo avvenuta nel 495 a.C. e la stessa istituzione del tempio può anche essere una forma di "evocatio", ovvero il trasferimento di una divinità tutelare da una città sconfitta a quella dei vincitori (Roma), dove il culto sarebbe offerto in cambio di favore. Il risultato della battaglia, inizialmente sfavorevole ai guerrieri dell'Urbe, si dice sia stato deciso dall'apparizione dei Diòscuri che combatterono alla testa dell'esercito romano e successivamente riportarono la notizia della vittoria a Roma[20].

Tito Livio scrive che nel momento più drammatico della battaglia Aulo Postumio fece il voto di erigere un tempio a Castore in caso di vittoria.

I Locridi della Magna Grecia avevano attribuito il loro successo a una leggendaria battaglia sulle rive dei Sagras all'intervento dei Diòscuri e la leggenda romana potrebbe avere origine dal racconto locrese e potrebbe fornire ulteriori prove della trasmissione culturale tra Roma e la Magna Grecia[20].

Le statue bronzee di Castore (nella foto a sinistra) e Polluce presidiano l'ingresso del Palazzo Reale di Torino

Ogni anno il 15 luglio i Romani dedicavano a loro una festività poiché credevano che li aiutassero sul campo di battaglia e l'emulazione dei gemelli li rendeva particolarmente attraenti per gli equites e la cavalleria romana. Durante i festeggiamenti, 1 800 cavalieri sfilavano per le strade di Roma in uno spettacolo elaborato dove ogni cavaliere indossava un completo abbigliamento militare e qualsiasi altra decorazione avesse guadagnato durante la sua carriera[20].

Castore e Polluce sono rappresentati anche nel Circo Massimo grazie all'utilizzo di uova come contagiri[20] (questo perché secondo una leggenda greca, Castore, Polluce e due delle loro sorelle (Elena e Clitennestra) nacquero dalla loro madre Leda dopo che Zeus per possederla si trasformò in un cigno e invece di un normale parto la madre diede alla luce quattro uova).

Nell'antica Roma era presente anche un secondo tempio di età repubblicana, ubicato in prossimità del Circo Flaminio. Nella Valle dei Templi, ad Agrigento, sono presenti rovine di un tempio a loro dedicato.

Secondo Virgilio parteciparono alla fondazione della città di Amyclae nel Lazio[21].

Dionigi di Alicarnasso[modifica | modifica wikitesto]

Iscrizione etrusca che li definisce "figli di Zeus" su una Ceramica a figure rosse (ca. 515–510 a.C.)

Della battaglia del Lago Regillo, Dionigi d'Alicarnasso narra che «Nel corso del combattimento apparvero, tanto al dittatore Postumio quanto ai soldati, due cavalieri di età giovanile, assai superiori a chiunque altro per bellezza e per statura. Essi si posero alla testa della cavalleria romana e, respinto l'attacco dei Latini, li misero in fuga. È fama che quella sera stessa furono visti nel Foro romano due giovani di straordinaria bellezza, in abito militare, che sembravano reduci da un combattimento e portavano cavalli madidi di sudore. Essi abbeverarono gli animali e si lavarono alla sorgente che scaturisce presso il tempio di Vesta… e a quanti domandavano notizie, riferirono dell'andamento e dell'esito della battaglia e della piena vittoria dei Romani; quindi, allontanatisi dal Foro, non furono visti mai più». Sempre Dionigi dice che i Romani si resero conto che si trattava di un'apparizione miracolosa e rapidamente identificarono i due giovani con Castore e Polluce[22].

Questo episodio leggendario raccontato da Dionigi è successivo ad un episodio analogo, ugualmente leggendario: nel corso della battaglia del fiume Sagra combattuta intorno al 550 a.C. tra Locri e Crotone i soldati di Locri, meno armati e meno numerosi di quelli di Crotone, vinsero solo dopo il fondamentale intervento di due giovani a cavallo, di straordinaria bellezza e di grande valore, che anche in questo caso, a battaglia conclusa, apparvero a Locri per annunciare la vittoria. Anche loro furono identificati dai Locresi come i Dioscuri.

Gli etruschi Kastur e Pultuce[modifica | modifica wikitesto]

Gli Etruschi venerarono i Diòscuri con i nomi di Kastur e Pultuce che consideravano come "figli di Tinia" (la controparte etrusca di Zeus) e allo stesso modo dei Greci potevano anche raffigurarli simbolicamente come ad esempio nei dipinti della Tomba del Triclinio ritrovata a Tarquinia e dove è dipinto un lectisternio dedicato a loro. Particolare e la riproduzione dei due pilei a punta e coronati di alloro molto simili ai berretti usati dai Frigi e con cui i Diòscuri venivano raffigurati anche nel culto romano[20].

Nel culto cristiano[modifica | modifica wikitesto]

Moneta di Antioco VI (Impero seleucide) dove sulla parte posteriore sono raffigurati i Diòscuri

Nonostante l'avvento del cristianesimo e l'impoverimento delle libertà di pensiero e di culto, nei riguardi dei Diòscuri continuò comunque una forma di venerazione popolare che assorbì la loro iconografia con quella della nuova religione e tanto che sia nelle ceramiche sia nelle sculture del Nord Africa del IV secolo venivano raffigurati accanto ai Dodici Apostoli, la Resurrezione di Lazzaro o con San Pietro.

Nel V secolo papa Gelasio I attestò la presenza di un "culto di Castore" che la gente non voleva abbandonare e in seguito la chiesa assunse un atteggiamento ambivalente, rifiutando l'immortalità dei Diòscuri ma cercando di sostituirli con coppie cristiane equivalenti per arrivare a mettere Pietro e Paolo come patroni dei viaggi (Castore e Polluce lo erano dei marinai) e i santi Cosma e Damiano come santi medici[20].

Analogie indoeuropee[modifica | modifica wikitesto]

L'incontro di gemelli nella mitologia non è raro poiché, oltre alla presenza dei Diòscuri nella mitologia greca, romana ed etrusca, altre mitologie Indoeuropee hanno i loro equivalenti.

  • Nel Veda, il libro sacro degli Arii sono citati gli Ashvin che, al pari dei Diòscuri, vengono identificati con la costellazione dei Gemelli.
  • Nella mitologia baltica esistono gli Ašvieniai degli antichi Lituani e che prendono il nome di Dieva per gli antichi Lettoni.
  • Nella mitologia baltica Castore è l'equivalente di Autrympus e Polluce di Potrympus che sono considerati divinità come altri dei del loro Pantheon.
  • Nella mitologia germanica del popolo dei Naarvali esistono gli Alcis, altrettanto ritenuti divini e da Tacito direttamente associati ai Diòscuri[23].

Iconografia[modifica | modifica wikitesto]

Sono generalmente rappresentati in nudità eroica, con il pileo, un copricapo a forma di guscio, particolarmente diffuso in Frigia e in genere vengono accompagnati da un cavallo e a volte recano con sé una lancia.

Moneta romana di Massenzio con i Diòscuri sul retro
I Diòscuri nel rovescio di un quinario repubblicano romano

A Roma furono rappresentati quasi ininterrottamente sul rovescio della principale moneta romana (il denario), dalla incerta data della sua emissione (che i più ritengono avvenuta nel 211 a.C.) fino alla seconda metà del II secolo a.C.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonti per la pronuncia sdrucciola: Garzanti online; etimo.it; Devoto-Oli 2013 s.v. "dioscuri", p. 845; loZingarelli 2013 s.v. "dioscuri", p. 685.
  2. ^ a b c (EN) Inni Omerici, Ai Dioscuri, XVII, su theoi.com. URL consultato il 14 giugno 2019.
  3. ^ Dioscuri, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato l'8 luglio 2018.
  4. ^ a b Euripide, Elena verso 140
  5. ^ Teocrito, Idilli, XXII, 24.
  6. ^ a b (EN) Omero, Odissea, XI, 299, su theoi.com. URL consultato il 21 giugno 2019.
  7. ^ a b (EN) Apollodoro, Biblioteca, III, 10, 7, su theoi.com. URL consultato il 22 giugno 2019.
  8. ^ Orazio, Ars Poetica, 147.
  9. ^ Pindaro, Nemee, X, 55.
  10. ^ a b c d e (EN) Apollodoro, Biblioteca, III, 11.2, su theoi.com. URL consultato il 18 giugno 2019.
  11. ^ (EN) Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia II, 22.5, su theoi.com. URL consultato il 17 giugno 2019.
  12. ^ (EN) Apollodoro, Biblioteca, I, 9.16, su theoi.com. URL consultato il 17 giugno 2019.
  13. ^ (EN) Apollodoro, Biblioteca I, 8.2, su theoi.com. URL consultato il 17 giugno 2019.
  14. ^ a b Igino, Fabulae, 80
  15. ^ a b Teocrito, Idilli, XXII
  16. ^ Omero, Odissea, libro XI, verso 300.
  17. ^ Gaio Giulio Igino, Fabulae, 17
  18. ^ Pseudo-Apollodoro, Biblioteca, 1. 9. 20
  19. ^ (EN) Plutarco, Vita di Teseo, XXV, XXXI, su theoi.com. URL consultato il 14 giugno 2019.
  20. ^ a b c d e f g h Testo tradotto dalla voce di lingua inglese. Le fonti bibliotecarie sono allegate alla medesima voce
  21. ^ Virgilio, Eneide, X.
  22. ^ (EN) Dionigi di Alicarnwsso, Antichità romane libro I, su penelope.uchicago.edu. URL consultato il 22 giugno 2019.
  23. ^ Tacito, De origine et situ Germanorum, XVIII

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77115566 · GND (DE118973878 · CERL cnp00543824 · WorldCat Identities (EN77115566
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca