Iolco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Iolco
ex frazione
Ιωλκός
Iolco – Veduta
Porto di Iolco
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Tessaglia
Unità periferica Magnesia
Comune Volos
Amministrazione
Data di soppressione gennaio 2011
Territorio
Coordinate 39°24′N 22°58′E / 39.4°N 22.966667°E39.4; 22.966667 (Iolco)Coordinate: 39°24′N 22°58′E / 39.4°N 22.966667°E39.4; 22.966667 (Iolco)
Altitudine 156 m s.l.m.
Superficie 1,981 km²
Abitanti 2 071[1] (2001)
Densità 1 045,43 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 385 00
Prefisso 24210-
Fuso orario UTC+2
Targa BO
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Iolco
Iolco
Sito istituzionale

Iolco (nota anche come Jolco, Iolkos o Iolcus, in greco: Ιωλκός) era un'antica città della Tessaglia, nella Grecia centro-orientale (vicino alla moderna città di Volos).

Affresco pompeiano di Pelia e di Giasone

La città attuale è stata comune autonomo fino al gennaio 2011, quando è stato soppresso a seguito della riforma amministrativa detta piano Callicrate[2] ed è ora compreso nel comune di Volos.

Con un'area di soli 1,981 km² era il tredicesimo più piccolo comune della Grecia e il più piccolo se non vengono considerati i sobborghi di Atene e Tessalonica. Il comune era diviso in tre distretti comunali, con una popolazione totale di 2.071 abitanti. Il distretto di Ágios Onoúfrios (506 abitanti) ha un'area di 0.200 km², ed è il più piccolo distretto comunale di tutta la Grecia. La sede comunale è il villaggio di Áno Vólos (529 abitanti). La piccola città di Anakasia (933 abitanti) è il centro del comune di Iolco. Anakasia possiede una scuola, un liceo, banche, un ufficio postale e una piazza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la mitologia greca, Iolco fu fondata da Creteo figlio di Eolo e di Enareta. Da sua moglie Tiro ebbe tre figli: Esone, Fere e Amitaone. Tiro ebbe anche una relazione con il dio Poseidone dal quale nacquero due figli, Pelia e Neleo. Esone era il legittimo erede al trono, ma fu usurpato dal fratellastro Pelia. Fu proprio Pelia che spedì il figlio di Esone, Giasone, e i suoi Argonauti, alla ricerca del vello d'oro.

Il luogo delle antiche rovine di Iolco si crede sia situato vicino al villaggio di Dimini, dove recentemente è stato portato alla luce un palazzo dell'epoca micenea.[3]

Nei pressi di Iolco si trova la città di Magnesia, teatro nel 352 a.C. di una famosa battaglia combattuta tra Filippo II di Macedonia e i Focesi di Onomarco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EL) http://www.statistics.gr/gr_tables/S1100_SAP_2_monimos2001.zip [collegamento interrotto] Servizio nazionale di statistica della Grecia. Consultato il 30-10-2007
  2. ^ piano Kallikratis (PDF), ypes.gr. URL consultato il 13 marzo 2011.
  3. ^ Scientists trace the trail of Argonauts Archiviato il 28 settembre 2011 in Internet Archive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN240012400
Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia