Campeonato Brasileiro Série D

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campeonato Brasileiro
Série D
Sport Football pictogram.svg Calcio
Tipo Club
Federazione CBF
Paese Brasile Brasile
Cadenza annuale
Apertura aprile
Chiusura dicembre
Partecipanti 40 squadre
Formula 4 fasi a gironi all'italiana A/R
Promozione in Série C
Sito Internet cbf.com.br
Storia
Fondazione 2009
Detentore Botafogo-PB Botafogo-PB

Il Campeonato Brasileiro Série D dal 2009 è il quarto ed ultimo livello del campionato brasiliano di calcio.[1]

Viene organizzato dalla Confederação Brasileira de Futebol e vi partecipano 40 squadre indicate dalla varie federazioni calcistiche statali del Brasile.[2]

Formula[modifica | modifica sorgente]

Le 40 squadre partecipanti si affrontano in gironi all'italiana su base regionale con gare di andata e di ritorno da aprile a dicembre.[2] Per ogni partita sono assegnati tre punti alla squadra vincitrice dell'incontro e zero a quella sconfitta. In caso di pareggio è assegnato un punto a entrambe.

Alla fine della stagione la squadra prima in classifica nel girone finale viene dichiarata vincitrice del campionato e promossa in Série C insieme alla seconda, alla terza e alla quarta classificata.

Non sono previste retrocessioni, essendo l'ultimo livello del campionato brasiliano di calcio. Le squadre non promosse, tuttavia, dovranno ottenere la qualificazione al torneo successivo mediante i rispettivi tornei statali.

Albo d'oro del campionato[modifica | modifica sorgente]

Anno Vincitore[3]
2009
Dettagli
Sao Raimundo-PA São Raimundo-PA (PA)
2010
Dettagli
Guarany-CE Guarany-CE (CE)
2011
Dettagli
Tupi Tupi (MG)
2012
Dettagli
Sampaio Correa Sampaio Corrêa (MA)
2013
Dettagli
Botafogo-PB Botafogo-PB (PB)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (PT) CBF enxuga Série C e cria a D em 2009, GloboEsporte.com, 09-04-2008. URL consultato il 19-11-2008.
  2. ^ a b (PT) Diretrizes para a Série D (TIFF), cbf.com.br, 18-07-2008. URL consultato il 19-11-2008.
  3. ^ (PT) Campeonato Brasileiro Série D - Campeões, cbf.com.br. URL consultato l'11-10-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]