Caffè Le Giubbe Rosse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 43°46′16.14″N 11°15′14.31″E / 43.77115°N 11.253975°E43.77115; 11.253975

Insegna de Le Giubbe Rosse

Il caffè Le Giubbe Rosse è un esercizio storico di Firenze, situato in piazza della Repubblica 13-14/r

Storia[modifica | modifica wikitesto]

II locale fu fondato nel 1897 dai fratelli Reininghaus, fabbricanti di birra tedeschi. Secondo la moda viennese del tempo, i camerieri indossavano giubbe rosse tanto che i fiorentini, trovando difficoltà nel pronunciare il nome straniero del caffè, preferivano dire: "andiamo da quelli delle giubbe rosse".

All'inizio il caffè ospitava un circolo scacchistico dove, si narra, fossero passati diversi appassionati di scacchi: Vladimir I, Lenin, ed anche poeti ed intellettuali tra i quali Gordon Craig, André Gide, Medardo Rosso.[1]

Dal 1913 divenne sede fìssa dei futuristi fiorentini, trasformandosi in luogo di incontro per letterati e artisti italiani e stranieri. Tuttora ha le pareti interamente coperte da foto, disegni e memorie dei suoi celebri frequentatori. Fu teatro per esempio della rissa tra i futuristi milanesi di Marinetti e gli artisti fiorentini raccolti intorno alla rivista La Voce, sulla quale Ardengo Soffici pubblicò un articolo che attaccava i rivali futuristi.

Dopo la seconda guerra mondiale il locale subì vari cambiamenti di gestione.

Il 21 dicembre 2018 il Tribunale di Firenze dichiara il fallimento della società che gestisce il locale con conseguente rischio di chiusura dello storico caffè.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La storia delle Giubbe Rosse, su giubberosse.it. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  2. ^ Le Giubbe Rosse sono fallite, è la fine di un'epoca, su lanazione.it, 22 dicembre 2018. URL consultato il 5 gennaio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN240090372 · LCCN (ENn2001154496 · GND (DE4583126-9 · WorldCat Identities (ENn2001-154496