Edward Gordon Craig

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gordon Craig

Edward Henry Gordon Craig, meglio conosciuto come Gordon Craig (Stevenage, 16 gennaio 1872Vence, 29 luglio 1966), è stato un attore teatrale, scenografo, regista teatrale e produttore britannico.

Analizzare il lavoro di Edward Gordon Craig è come esaminare la natura del teatro stesso. Fu attore, scenografo, regista, critico teatrale e teorico. Craig fu tra i primi ad asserire che il regista era ‘il vero artista del teatro'. Craig progettò e costruì elaborate scene simboliche. La sua famosa scenografia composta da screen (schermi astratti) per l'Amleto, a Mosca, anche se si rivelò poco pratica e necessitò di aggiustamenti tecnici, provocò un grande effetto sul pubblico. Fu anche editore e caporedattore della prima rivista internazionale di teatro, il Mask magazine.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio illegittimo dell'architetto Edward Godwin e dell'attrice Ellen Terry, Craig nacque con il nome di Edward Godwin a Stevenage, nello Hertfordshire, in Railway Street. Fu battezzato a 16 anni, con il nome di Edward Henry Gordon. Prese il soprannome di "Craig" a 21 anni, con un atto pubblico.

All'inizio del Novecento, dopo aver lavorato in Gran Bretagna come attore, scenografo e regista, incontrò Isadora Duncan. L'amicizia con la danzatrice gli permise di viaggiare per tutta Europa, di conoscere, a Berlino, la grande attrice Eleonora Duse. A Firenze, nel 1906, progettò le scenografie di un dramma di Ibsen al Teatro della Pergola, in cui primeggiava la stessa Duse. Di questa messa in scena, che è rimasta nella storia, ci è rimasta la testimonianza di Guido Noccioli, attore della compagnia:

«Firenze, 4 dicembre 1906. Giornata terribile. La prova della nuova scena per il "Rosmersholm", il dramma di Ibsen. La signora adora questo lavoro. La scena nuova di cui parlo è ideata da un giovane pittore inglese: Gordon Craig, figlio naturale del grande attore Irving. È una scena strana tutta verde e illuminata da 10 riflettori. I mobili sono verdi, di tela uguale la scena: in fondo una gran porta a vetri dà su un paesaggio che ricorda stranamente quello dell'Isola dei Morti. L'altra porta grande è coperta da un velo bleu. Altri veli sono ai fianchi. Un sogno! Piacerà al pubblico? La signora è entusiasta.»

Corradini descrisse così la scena:

«Il palcoscenico appariva trasformato, veramente trasfigurato, altissimo, con un'architettura nuova, senza più quinte, di un solo colore fra il verde e il cilestrino, semplice, misterioso e affascinante, degno insomma di accogliere la vita profonda di Rosmer e di Rebecca West. La scena è la rappresentazione di uno stato d'animo.»

Nel 1907 si trasferì a Firenze, dove cominciò a elaborare la sua concezione di scenografia, che doveva essere mobile, tridimensionale e formata da screen (schermi astratti). Suggerì persino l'idea controversa di sostituire gli attori con delle marionette.

Nel 1908 pubblicò i primi numeri di "The Mask", la prima rivista interamente dedicata al teatro, che continuò a essere stampata per oltre due decenni. Conobbe Stanislavskij, con cui instaurò un legame di amicizia.

Nel 1911 pubblicò "On the Art of the Theatre", e nel 1913, "Towards a New Theatre", in cui descrisse le sue teorie e la sua poetica. Più tardi ribadì alcune sue idee in Puppets and Poets (1921) e in Books and Theatres (1925).

Nel 1913 fondò la Scuola di Arte del Teatro, a Firenze.

Durante la prima guerra mondiale soggiornò nella riviera ligure dove approfittò dell'isolamento per scrivere testi teatrali per marionette, contribuire alla redazione della sua rivista, e diversi altri scritti. Negli ultimi anni ricevette spesso la visita di personaggi come Jean-Louis Barrault, Laurence Olivier, Peter Brook.

Morì nel 1966 a Vence, in Francia.

Il teatro del divino movimento[modifica | modifica wikitesto]

Ispirato dalla danza di Isadora Duncan e dall'opera di François Delsarte, Craig teorizza il "nuovo teatro" o "teatro del divino movimento".

Per Craig il teatro deve diventare arte attraverso la rielaborazione dei suoi organismi parziali, cioè degli elementi che lo compongono: apparato scenico, attore e dramma. Questi devono diventare, rispettivamente, scena, azione e voce.

Craig scrive molto sulla traslazione da apparato scenico a scena: per lui il palcoscenico e la scenografia devono essere semplificati eliminando pitture e disegni e tutto ciò che ostacoli l'«avere scena». L'attore divenuto perfettamente azione viene teorizzato come la Supermarionetta, un essere il cui corpo è totalmente schiavo della mente. Craig identifica in Henry Irving l'uomo più vicino a tale essere. Della voce Craig scrive poco, e si limita a illustrarla come «dramma senza parole»..

"Quando ho cominciato a lavorare non esisteva una scuola di arte teatrale, nessuno mi poteva dire quello che ora io dico, e soltanto adesso dopo parecchi anni di lavoro ho colto la direzione nella quale siamo tutti avviati. Ed io ora non volgo uno sguardo retrospettivo ai Greci o ad altri nobili teatri ormai sorpassati, né vi dico di rifare quello che hanno fatto loro. Me ne infischio del passato, ma non del futuro; il respiro della bellezza passata ha la stessa pienezza della bellezza futura,ed è per raggiungere questo vecchio e nuovo ideale -forse anche per superarlo a suo tempo-che io muovo verso un nuovo teatro.

Edward Gordon Craig

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine dei Compagni d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dei Compagni d'Onore
— 31 maggio 1956

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ferruccio Marotti, La scena di Gordon Craig, Bologna, Cappelli, 1961
  • Edward Gordon Craig, Il mio teatro: l'arte del teatro; Per un nuovo teatro; Scena, introduzione e cura di Ferruccio Marotti, Milano: Feltrinelli, 1971
  • Il trionfo della marionetta: testi e materiali inediti di Edward Gordon Craig, traduzione e cura di Marina Maymone Siniscalchi, Roma: Officina, 1980
  • (EN) Christopher Innes, Edward Gordon Craig, Cambridge: Cambridge University Press, 1983
  • Giovanni Attolini, Gordon Craig, Roma-Bari: Laterza, 1996
  • (EN) Craig on theatre, a cura di J. Michael Walton, London: Methuen Drama, 1991
  • Gordon Craig in Italia: atti del Convegno internazionale di studi, Campi Bisenzio, 27-29 gennaio 1989, a cura di Gianni Isola e Gianfranco Pedullà, Roma: Bulzoni, 1993
  • Gordon Craig: la storia della sua vita, a cura di Marina Maymone Siniscalchi, trad. di M. Maymone Siniscalchi e Veronica Simcock Zipoli, Napoli: Edizioni scientifiche italiane, 1996
  • Giovanni Attolini, Teatro arte totale: pratica e teoria in Gordon Craig, Bari: Progedit, 2008
  • Edward Gordon Craig, Il cielo azzurro, Varese: Burritos Edizioni, 2016
  • Edward Gordon Craig, Introduzione e prologhi al Dramma per Folli, Varese: Burritos Edizioni, 2018
  • Edward Gordon Craig, Le storie di Basilisco (Volume I). Dal Dramma per Folli, Varese: Burritos Edizioni, 2018

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN100201551 · ISNI (EN0000 0001 2145 1570 · LCCN (ENn50019045 · GND (DE118677233 · BNF (FRcb120328582 (data) · ULAN (EN500000318 · BAV ADV10944733 · CERL cnp02033746 · NDL (ENJA00436813 · WorldCat Identities (ENn50-019045