Locali storici d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Locali storici d'Italia
Associazione Locali Storici d’Italia
TipoAssociazione privata
Fondazione1976
FondatoreEnrico Guagnini e Angelo Pozzi
ScopoPromozione e valorizzazione dei locali storici italiani
Sede centraleItalia Milano
Area di azioneItalia
Membri236
Sito web

Locali storici d'Italia è un'associazione privata che promuove oltre 200[1] locali storici delle città italiane come caffè, alberghi e hotel, purché abbiano un legame storico con la città a cui appartengono. L'associazione gode del patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'associazione ha come scopo quello di valorizzare i più prestigiosi locali della penisola dal punto di vista storico, culturale e turistico; fu creata ufficialmente nel 1976 da Enrico Guagnini, giornalista appassionato di gastronomia[3], e da Angelo Pozzi, titolare del Ristorante Savini di Milano dal 1923.[4] All'inizio il gruppo contava una trentina di soci ma progressivamente il loro numero crebbe fino a superare nel 2021 i 230 membri. L'appartenenza a questa associazione viene considerata dagli addetti del settore come un carattere distintivo.[5][6][7]

Per diventare membri lo statuto prevede che l'esercizio commerciale:

  • abbia almeno 70 anni di vita
  • sia stato protagonista della storia d'Italia con fatti, personaggi, avvenimenti o testimonianze scritte
  • abbia mantenuto lo stile, gli spazi e gli arredi delle origini.[8]

Il 13 novembre 2021 si è svolta la prima giornata nazionale dei locali storici d'Italia.[9][10][11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Locali storici d’Italia: il 13 novembre la prima giornata nazionale, su iodonna.it. URL consultato il 22 novembre 2021.
  2. ^ Locali Storici d’Italia. La guida che premia le insegne più antiche del Paese, su gamberorosso.it.
  3. ^ Dalla Manuelina a Romanengo, addio al papà dei Locali Storici d’Italia, su genova24.it, 16 marzo 2017. URL consultato il 22 novembre 2021.
  4. ^ Chi siamo, su localistorici.it. URL consultato il 22 novembre 2021.
  5. ^ Locali storici d'Italia, guida omaggia muse caffè letterari, su ansa.it, 18 luglio 2016. URL consultato il 25 novembre 2021.
  6. ^ Locali storici d'Italia: nel volume dei record 4 sono bresciani, su bresciatoday.it. URL consultato il 25 novembre 2021.
  7. ^ Guida Locali storici d’Italia 2010 Otto new entry nella 34ª edizione, su italiaatavola.net, 14 aprile 2010. URL consultato il 25 novembre 2021.
  8. ^ L'associazione, su localistorici.it. URL consultato il 22 novembre 2021.
  9. ^ https://www.repubblica.it/il-gusto/2021/11/13/news/locali_storici_d_italia_oggi_si_festeggia_la_giornata_nazionale-326227618/
  10. ^ (EN) National Day of Historical Places of Italy, tastings and tours in Campania, su italy24news.com, 8 novembre 2021. URL consultato il 25 novembre 2021.
  11. ^ (EN) First national day of historical places in Italy, su itinerarinellarte.it, 12 novembre 2021. URL consultato il 25 novembre 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Locali storici d'Italia: guida all'élite del turismo e della [sic] ospitalità italiana: ristoranti, hotels, caffè, Associazione locali storici, 1977.
  • Enrico Guagnini e Claudio Guagnini, Guida ai locali storici italiani: alberghi, ristoranti, caffè divenuti leggendari per la loro storia e i personaggi che vi hanno sostato, Mondadori, 1992, ISBN 9788804356202.
  • Marta Casseri, Chiara Contri e Andrea Vannini, Non trasformateli in negozi qualunque, ISBN 9788895533025.
  • Giulia Amadasi, I locali storici di Milano, Touring Editore, 2004, ISBN 9788836534623.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Italia Portale Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Italia