Caffè Gilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°46′18.67″N 11°15′15.51″E / 43.771853°N 11.254308°E43.771853; 11.254308

Caffè Gilli, esterno
Tavolini del Caffè su Piazza della Repubblica prima del rimaneggiamento della terrazza (oggi non è più possibile sedere all'aperto)

Il Caffè Gilli è un esercizio storico di Firenze, situato in piazza della Repubblica 36-39r.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1733 nella Firenze di Gian Gastone de' Medici, la famiglia svizzera Gilli apre in Via dei Calzaiuoli “La Bottega Dei Pani Dolci” ed è subito un successo. La nobiltà fiorentina apprezza di buon grado le sue specialità e comincia a frequentare assiduamente la “confetteria”.

Nella seconda metà dell'Ottocento Caffè Gilli si sposta in via degli Speziali proprio di fronte al celebre Trianon accrescendo ulteriormente la sua notorietà a Firenze.

All'inizio del secolo scorso si sposta infine nell'attuale ubicazione in Piazza della Repubblica, allora Piazza Vittorio Emanuele II, che diviene in quel periodo il polo dei caffè letterari.

Durante il periodo del Futurismo Gilli è frequentato da intellettuali e letterati, nascono le riviste, il conflitto politico s'infiamma e Piazza Vittorio con i suoi caffè ne è testimone.

Successivamente diviene luogo di ritrovo di artisti, pittori e scrittori tra cui Marinetti, Soffici, Doni, Caligani, Pozzi, Polloni, Ferroni, e Pucci.

Dal dopoguerra in poi Gilli diviene luogo d'incontro esclusivo dei giovani fiorentini ma anche dei primi turisti che iniziano in questi anni a frequentare la città. Innumerevoli sono le testimonianze fotografiche di artisti internazionali immortalati all'interno delle sale del Caffè Gilli.

Qui venne scattata la famosa fotografia di Ruth Orkin intitolata American girl in Italy 1951, che ben rappresenta quell'epoca: una bella ragazza americana che passa sul marciapiede davanti al bar e attira le attenzioni di tutto un gruppo di giovanotti.

Oggi il locale mantiene ancora intatto quello stile che lo ha sempre contraddistinto nella sua lunghissima storia che fanno oggi di questo esercizio l'unico esempio di caffetteria Belle epoque rimasta in Firenze con le pareti color avorio, i lampadari di Murano, il soffitto affrescato, gli archi, il banco Bar maestoso e angolare potrebbero regalare ancora oggi un'immagine di Gilli così come si presentava all'inizio del novecento. Concessioni al turismo di massa hanno portato il cambiamento della terrazza in una "vetrina" con tetto e quasi senza vista e musica commerciale amplificata all'interno del locale e anche sulla terrazza rovinando così l'atmosfera originale del caffè storico.

Attraverso l'arco a vetrata si accede alla sala da tè. La sala conserva l'arredamento originale del locale, purtroppo si è andati perdendo l'atmosfera distinta tipica dei caffè classici a causa dell'elevatissima frequentazione turistica.

Altre immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Draghi, Il caffè Gilli nel cuore di Firenze, Giunti Editore, Firenze 2007.
  • Rodolfo Malquori, Le vecchie strade e le piazze raccontano la storia di Firenze, Edizioni Polistampa, Firenze 2005.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]