Bianca Doria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bianca Doria

Bianca Doria (San Gregorio nelle Alpi, 22 settembre 1915[1]Grand Rapids, 2 febbraio 1985) è stata un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a San Gregorio nelle Alpi, da sempre attratta dal mondo teatrale, si trasferisce a Roma, per frequentare i corsi di recitazione presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica. Dopo il diploma viene notata da Piero Ballerini, che la fa scritturare per una piccola parte nel film Piccolo Hotel, occasione nella quale «critica e pubblico la salutano come una rivelazione, qualcuno paragonandola a Katharine Hepburn[2]».

Moglie del regista Alberto Doria, di cui assume il cognome anche nella carriera cinematografica, segue, il marito nel 1943, al Nord per lavorare nel Cinevillaggio della Giudecca a Venezia, dove si trasferiscono diversi esponenti del mondo del cinema ed una parte delle attrezzature di Cinecittà nel tentativo della RSI di ricostruire una cinematografia italiana. In tale ambito apparirà in sei pellicole. Ciò le provocherà non poche critiche e contrasti a guerra finita, comportando il suo inserimento nella "Lista nera" di quelli che avevano scelto la RSI, benché secondo alcuni si sia trattato più di necessità artistiche che di adesione politica[2].

Rimasta vedova, per la morte del marito in un incidente stradale nel 1944, nel dopoguerra rientra a Roma e riprende l'attività partecipando a diversi film, ma sempre in parti secondarie. Di poco rilievo la carriera di attrice teatrale, dove si ricorda una sua partecipazione alla compagnia di Cesarina Gheraldi, ed altrettanto scarsi i suoi lavori televisivi, tra cui una apparizione nel 1984 in Ragazzi di celluloide diretto da Sergio Sollima.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La data di nascita indicata è quella riportata in alcune delle fonti citate nella bibliografia, ma in realtà all'anagrafe comunale non risulta alcuna nascita per quella giornata.
  2. ^ a b > Circostanza riferita nel Dizionario del cinema italiano. Le attrici, citato in bibliografia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ornella Levi (a cura di), Catalogo Bolaffi del Cinema Italiano. Bolaffi Editore, Torino, 1967. ISBN non esistente
  • Francesco Savio, Ma l'amore no. Realismo, formalismo, propaganda e telefoni bianchi nel cinema italiano di regime (1930-1943). Sonzogno Edit. Milano, 1975. ISBN non esistente
  • Roberto Chiti, Enrico Lancia: Dizionario del Cinema Italiano – volume I (1930-1944). Gremese Edit. Roma, 1991. ISBN 88-7605-596-7
  • Roberto Chiti, Enrico Lancia, Andrea Orbicciani, Roberto Poppi: Dizionario del cinema italiano - Le attrici. Gremese Editore, Roma, 2003. ISBN 88-8440-214-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN311710536
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema