Elio Piccon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elio Piccon sul set del film.documentario L'antimiracolo

Elio Piccon (Bordighera, 15 gennaio 1925Roma, 6 marzo 1988) è stato un regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Elio Piccon nasce a Bordighera nel 1925. A 18 anni, nel 1943, accede al Centro sperimentale di cinematografia di Roma, diventando in breve l'assistente di Ubaldo Arata e, a corso completato, inizia la sua attività come assistente prima e come operatore alla macchina poi.

Il suo primo documentario è Magia del trucco (1948). Di lì a tre anni è direttore della fotografia dei documentari settimanali di attualità di “Mondo Libero” prodotti dalla Astra Cortometraggi. Nello stesso anno realizza Tre tempi di cinema astratto, un cortometraggio a colori di cui cura la regia, l'organizzazione, la fotografia e la produzione fondando con suo fratello la Piccon Film.

Nel 1960 Elio Piccon dirige il documentario Italia 61, film voluto dalla FIAT per le celebrazioni del centenario dell'Unità d'Italia. L'obiettivo è quello di portare sullo schermo il cosiddetto miracolo economico.

Nel 1965 Piccon gira L'antimiracolo, prodotto dalla Vides Cinematografica di Franco Cristaldi; a partire dal 1967 gira numerosi altri documentari sempre in Gargano e contemporaneamente lavora per la San Paolo Film, casa di distribuzione per la quale aveva già diretto il film Ho ritrovato mio figlio nel 1955. In collaborazione con la Rai e con la San Paolo Film gli viene affidata la supervisione di Le avventure di Pinocchio di Luigi Comencini (1972).

Piccon muore a Roma nel 1988.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Immagini del film.documentario L'antimiracolo
Set del film-documentario L'antimiracolo
  • Magia del trucco (1948)
  • Gas di città (1949)
  • Domani, un altro giorno (1949)
  • Tre tempi di cinema astratto (1951)
  • Espressione mimica (1952)
  • Ho ritrovato mio figlio (1955)
  • C'era una volta (1955)
  • Pitture di ragazzi (1955)
  • Spirito Santo (1955)
  • Illusioni ottiche (1955)
  • Un manto azzurro (1956)
  • La valle santa (1957)
  • Pietro è qui (1960)
  • In cammino (1961)
  • Italia 61 (1961)
  • L'antimiracolo (1965)
  • Fatima speranza nel mondo (1967)
  • Il pantano (1967)
  • Il padrone (1967)
  • Cavalli ciechi (1967)
  • Il campo (1968)
  • La scoperta (1969)
  • Checchella (1969)
  • Due stelle (1969)
  • Gli uccelli del cielo (1969)
  • Statale 89 (1969)
  • Aniello e Neleta (1970)
  • Non la toccate è infettiva (1970)
  • Le magiche polveri (1970)
  • Il Rimorso (1970)
  • Dove sono (1973)
  • E voi, chi dite che io sia? (1977)


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • https://festival.ilcinemaritrovato.it/film/tre-tempi-di-cinema-astratto/
  • Ernesto De Martino 1958 Morte e pianto rituale. Dal lamento funebre antico al pianto di Maria. Bollati Boringhieri
  • Ernesto De Martino 1956 Crisi della presenza e reintegrazione religiosa. In «Aut aut», n. 31, pp. 17-38.
  • Primi Piani rivista del cinema gennaio 1966 pag16/18
  • Notiziario cinematografico 16 gennaio 1951
  • La cinematografia italiana marzo 1951

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]