Belavia Belarusian Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Belavia - Belarusian Airlines
Logo
Belavia4.jpg
StatoBielorussia Bielorussia
Forma societariaSocietà per Azioni
Fondazione5 marzo 1996 a Minsk
Fondata daGoverno della Bielorussia
Sede principaleMinsk
GruppoGoverno della Bielorussia
Persone chiaveAnatolij Gusarov - Amministratore
SettoreTrasporto
ProdottiCompagnia aerea
Slogan«Белавиа - мы соединяем!»
Sito webbelavia.by
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAB2
Codice ICAOBRU
Indicativo di chiamataBELARUS AVIA
Primo volo5 marzo 1996
HubMinsk
Frequent flyerBelavia Leader
Flotta32 (nel 2020)
Destinazioni60 (nel 2020)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Embraer EW-400PA in livrea World of Tanks
Embraer-175LR - il più piccolo nella Belavia

La Belavia - Belarusian Airlines (in bielorusso Белавія, Belavija; in russo Белавиа, Belavia) è la principale compagnia aerea bielorussa con la sede principale a Minsk, Bielorussia.

La compagnia ha 17 rappresentanze in Paesi diversi. Participante di IATA.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • 7 novembre 1933 - l`aeroporto di Minsk (Minsk-1, adesso non esiste) ha servito i primi passeggeri.
  • Settembre-ottobre 1982 - il primo Tupolev Tu-154 è stato operato in Bielorussia.
  • 5 marzo 1996 - le strutture bielorusse nel settore di trasporto aereo civile sono riorganizzati alla compagnia aerea Belavia.
  • Giugno 2008 - apertura della rappresentanza a Milano, inizio dei voli tra Minsk e Milano.
  • 24 dicembre 2008 - 1 milione di passeggeri ha transitato all'hub principale dalla Belavia a Minsk dall'inizio dell'anno.[1]
  • 18 febbraio 2009 - la Belavia Belarusian Airlines ha completato i controlli della sicurezza IOSA (IATA Operational Safety Audit) della IATA diventando la prima compagnia aerea bielorussa che rispetta gli standard di sicurezza mondiali.[2]
  • 20 giugno 2009 - la Belavia ha effettuato l'ultimo volo di linea con un Tupolev Tu-134 della sua flotta. Dopo 30 anni di servizio gli aerei Tu-134 lasciano il posto agli aerei canadesi CRJ-200LR e agli statunitensi Boeing 737.[3]
  • 29 giugno 2009 la Belavia diventò membro ufficiale della MITA (in inglese: Multilateral Interline Traffic Agreement) dell'IATA. Attualmente la compagnia aerea bielorussa ha firmato 60 accordi bilaterali con le compagnie aeree. L'appartenenza alla MITA con circa 350 membri permette di consolidare la posizione della Belavia sul mercato internazionale dell'aviazione civile.[4]
  • 18 febbraio 2010 - l'apertura del nuovo sito internet della Belavia con la possibilità di acquistare i biglietti della compagnia aerea bielorussa online in tutto il mondo.[5]
  • 15 aprile 2010 - la Belavia ha aperto i voli di linea giornalieri sulla linea Minsk - Mosca-Vnukovo collegando Minsk con i tre principali aeroporti moscoviti: Domodedovo, Šeremet'evo e Vnukovo.[6]
  • 17 giugno 2010 - la Belavia ha effettuato con il Boeing 737-500 il primo volo di linea sulla linea Minsk - Ekaterinburg-Kol'covo dopo 11 anni ed ha aumentato da giugno 2010 la frequenza dei voli settimanali per Kaliningrad-Chrabrovo e San Pietroburgo-Pulkovo in partenza dalla capitale bielorussa.[7]
  • 1º luglio 2010 - la Belavia è diventata il membro dell'European Regions Airline Association.[8]
  • 12 agosto 2010 - la Belavia ha firmato l'accordo bilaterale interline per il titolo di viaggio elettronico con la statunitense Delta Air Lines. L'accordo ha aperto la possibilità per i passeggeri della Belavia prenotare online i biglietti per tutti i voli di linea della Delta e viceversa. Tra le altre compagnie aeree che hanno fatto questo accordo con la Belavia: Aeroflot, Austrian Airlines, British Airways, AirBaltic, Polskie Linie Lotnicze LOT, Aerosvit, Czech Airlines.[9].
  • 31 agosto 2010 - la Belavia ha effettuato con successo la certificazione secondo gli standard del sistema della gestione per la qualità ISO 9001:2009 per le compagnie aeree che operano i voli di linea passeggeri e cargo.[10]
  • 26 ottobre 2010 - l'arrivo all'aeroporto di Minsk dall'aeroporto di Sønderborg (Danimarca) del quarto Bombardier CRJ-200LR della compagnia aerea bielorussa.[11]
  • 20 ottobre 2013 - ultimo Yakovlev Yak-40 (EW-88187) dismesso dalla flotta.
  • 30 aprile 2014 - il primo Embraer-195LR manufatto in Brasile è arrivato a Minsk.
  • 23 gennaio 2015 - il primo Boeing-737-800NG è stato acquistato da Belavia. Un altro Boeing-737-800NG è atterrato a Minsk in aprile dello stesso anno.
  • 15 agosto 2016 - arrivo del primo da 3 nuovi Boeing-737-800NG acquistati direttamente da Boeing.
  • 30 dicembre 2016 - 2 ultimi Tupolev Tu-154M (EW-85741 e EW-85748) dismessi dalla flotta della compagnia.
  • 15 luglio 2019 - inizio di voli a Monaco di Baviera.
  • 25 aprile 2020 - inizio ufficiale di voli a Vienna. Infatti i voli sono stati iniziati in agosto 2020 per la pandemia di COVID-19.
  • 5 settembre 2020 - il quinto Embraer-175 è arrivato a Minsk presso Belavia. Così la fornitura di 12 nuovi aerei Embraer (5 di modello E175 e 9 di modello E195) è terminata. Nel tempo delle prossime forniture arriveranno gli aerei di nuovo generazione E-2.
  • 23 dicembre 2020 - il primo Embraer E-195-E2 è arrivato a Minsk.

L'hub principale è l'Aeroporto di Minsk, mentre l'hub secondario è l'aeroporto di Homel.

Ha un'importante attività di voli charter ed anche una rete dei voli di linea verso le principali città dell'Unione europea e dell'Europa dell'Est.

Codici[modifica | modifica wikitesto]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Flotta attuale[modifica | modifica wikitesto]

Embraer-195LR di Belavia all`aeroporto di Francoforte
Boeing-737-800NG EW-456PA di Belavia

A dicembre 2020 la flotta di Belavia è così composta:[12]

Boeing 737-BBJ2 di Belavia operato per il Governo.
EW-85741 - ultimo Tupolev Tu-154M di Belavia
Flotta di Belavia
Aereo In servizio Ordini Passeggeri Note
Business Economy Totale
Boeing 737-300 4 148 148 EW-254PA in livrea World of Tanks
Boeing 737-500 4 120 120
123 123
148 148
Boeing 737-800 9 189 189
Boeing 737-800 BBJ 1 VIP Operato per il Governo della Bielorussia[13]
Boeing 737-8 MAX 2 TBA Consegne sospese
Bombardier Challenger 850 1 VIP Operato per il Governo della Bielorussia
Embraer 175LR 5 12 64 76
Embraer 195LR 7 11 96 107 EW-400PO in livrea World of Tanks
Embraer 195-E2 1 2 9 116 125
Total 32 4

Flotta storica[modifica | modifica wikitesto]

Yakovlev Yak-40 di Belavia operato per il Governo.

In passato Squadra Aerea Unita Bielorussa (fino al 1992) e poi Belavia hanno operato anche con i seguenti aerei:

Aereo Note Dismessi
Antonov An-10 1973
Antonov An-24 Acquisiti da MinskAvia 2012
Antonov An-26 Acquisiti da MinskAvia 2011
Bombardier CRJ-100ER 2008
Bombardier CRJ-200LR 2020
Ilyushin Il-86 Utilizzato su rotte a lungo raggio 1996
Tupolev Tu-124 1979
Tupolev Tu-134 2012
Tupolev Tu-154 2016
Yakovlev Yak-40 Acquisiti da MinskAvia 2013

La rivista di bordo[modifica | modifica wikitesto]

Accordi commerciali[modifica | modifica wikitesto]

Belavia attualmente non fa parte di nessun alleanza, La compagnia aerea ha creato importanti accordi commerciali con le compagnie aeree europee e russe:

Gli aerei della produzione occidentale della compagnia bielorussa fanno periodicamente la manutenzione sulla base tecnica della Lufthansa in Germania.

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 6 gennaio 2003 uno Yakovlev Yak-40 diretto a Praga è stato scortato dagli aerei militari fino all'Aeroporto di Praga-Ruzyně a causa della rottura di un vetro in cabina di pilotaggio; nessuno tra i passeggeri e membri dell'equipaggio è rimasto ferito.[17]
  • Il 14 febbraio 2008 un Bombardier CRJ-100ER della Belavia che effettuava il volo B2 1834 da Erevan a Minsk si è schiantato a terra pochi secondi dopo il decollo, causando 7 feriti tra i 3 membri dell'equipaggio e 18 passeggeri. Le cause sono imputabili a una distribuzione asimmetrica di portanza causata da formazione di ghiaccio sull'ala sinistra dovuta a carenze di sistemi anti-icing.[18]
  • Il 25 marzo 2013 il volo della Belavia sulla rotta Mosca-Domodedovo - Minsk è stata ritardato in seguito allo scoppio di uno pneumatico dell'aereo della compagnia aerea bielorussa in fase di rullaggio sulla pista dell'aeroporto moscovita. Tutti i passeggeri del volo sono rimasti illesi e sono ripartiti per Minsk con un altro aereo arrivato dalla capitale bielorussa dopo 2 ore di attesa.[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AviaPort.Ru - 24-12-2008 - Миллионный пассажир Национального аэропорта "Минск" прилетел рейсом "Белавиа". URL consultato il 27-10-2010.
  2. ^ AviaPort.Ru - 17-02-2009 - "Белавиа" получила сертификат соответствия требованиям международных стандартов по эксплуатационной безопасности. URL consultato il 27-10-2010.
  3. ^ AviaPort.Ru - 20-06-2010 - В воздухе новые силуэты. В авиапарке очередной "новичок": "Боинги" теснят Ту-134. URL consultato il 27-10-2010.
  4. ^ Pda.Avia.Ru - 01-07-2009 - Авиакомпания "Белавиа" стала официальным участником многостороннего интерлайн-соглашения МИТА. URL consultato il 27-10-2010.
  5. ^ AviaPort.Ru - 18-02-2010 - В Республике Беларусь начал работу первый онлайн-сервис по покупке авиабилетов через интернет belavia.by. URL consultato il 27-10-2010.
  6. ^ AviaPort.Ru - 16-04-2010 - Авиакомпания "Белавиа" начала выполнение полетов в аэропорт "Внуково". URL consultato il 27-10-2010.
  7. ^ AviaPort.Ru - 17-06-2010 - Полет нормальный. "Белавиа" держит курс на Урал. URL consultato il 27-10-2010.
  8. ^ AviaPort.Ru - 25-06-2010 - "Белавиа" вступает в Европейскую ассоциацию региональных авиакомпаний (ERA). URL consultato il 27-10-2010.
  9. ^ AviaPort.Ru - 12-08-2010 - "Белавиа" - Delta: электронный интерлайн. URL consultato il 27-10-2010.
  10. ^ AviaPort.Ru - 31-08-2010 - Национальная авиакомпания "Белавиа" подтвердила соответствие системы менеджмента качества требованиям стандарта СТБ ISO 9001-2009.
  11. ^ Pda.Avia.Ru - 27-10-2010 - Парк воздушных судов "Белавиа" пополнился еще одним CRJ-200LR. URL consultato il 27-10-2010.
  12. ^ Belavia Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 5 luglio 2020.
  13. ^ Belarus Government Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 5 luglio 2020.
  14. ^ AviaPort.Ru - 17-12-2009 - Belavia ON AIR - на борту национального авиаперевозчика. URL consultato il 27-10-2010.
  15. ^ (RU) Aviapages.Ru - 29-06-2011 - Cоглашение о совместной эксплуатации воздушных судов авиакомпании КЛМ и Белавиa. URL consultato il 05-07-2011.
  16. ^ (RU) Aviapages.Ru - 06-07-2011 - Белавиа и Finnair заключили код-шер соглашение. URL consultato il 07-07-2011.
  17. ^ Canopy of Belarussian Yak-40 burst in air - Pravda.Ru, su web.archive.org, 29 settembre 2007. URL consultato il 5 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2007).
  18. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Canadair CL-600-2B19 Regional Jet CRJ-100ER EW-101PJ Yerevan-Zvartnots Airport (EVN), su aviation-safety.net. URL consultato il 5 luglio 2020.
  19. ^ (RU) AirSpot.Ru - 25-03-2013 - Рейс "Белавиа" из "Домодедово" задерживается из-за прокола колеса шасси. Archiviato il 29 marzo 2013 in Internet Archive. URL consultato il 29-03-2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN154992018 · LCCN (ENn2007022105 · WorldCat Identities (ENlccn-n2007022105