Barbara Folchitto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Barbara Folchitto (Napoli, 24 febbraio 1969[1]) è un'attrice italiana.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Entra nel mondo del cinema ancora adolescente, debuttando al fianco di Vittorio Gassmann nel film Lo zio indegno diretto da Franco Brusati.

Dopo la laurea in Psicologia del Lavoro prosegue il suo percorso artistico trasferendosi a Londra e studiando presso la Royal Academy of Dramatic Art.[1]

Tornata a Roma, dove vive, lavora nel cinema, in teatro e in televisione. Ai Nastri d'Argento del 2008 viene insignita del titolo di miglior attrice per il cortometraggio Marta con la A di Emiliano Corapi.[2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Topographie, regia di Clarissa Cappellani
  • Autodistruzione per principianti, regia di Ivan Silvestrini
  • Only you, regia di Paolo Guerrieri (2001)
  • Attacco di panico, regia di Giulia Merenda
  • La neve non fa rumore, regia di Nicola Sorcinelli
  • È giusto così, regia di Francesca Olivi
  • Non vedo l'ora, regia di B. Folchitto e G. Troiano
  • Ultima spiaggia, regia di Gabriele Mainetti
  • Il buio, regia di Andrea Sorini
  • Il dente del nemico, regia di Britta Rating
  • Marta con la A, regia di Emiliano Corapi
  • Fuori preventivo, regia di Filippo D'Antoni[3]
  • L'ottavo sigillo, Mai dire

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Percorso di un'anima da Strindberg, regia Giampiero Rossi –1997
  • La memoria e l'oblio di A. Zucchi, regia Augusto Zucchi – 1998
  • La bottega del pane di B. Brecht, regia Giancarlo Sammartano – 1998
  • Edipo Re di Sofocle, regia Gabriele Lavia – Teatro Greco – Siracusa 2000
  • La cerimonia di Giuseppe Manfridi, regia Walter Manfré
  • Svamp di Simona Baldelli, regia Simona Baldelli – 2001
  • In-fedeltà di Andrea Narsi, regia Andrea Narsi - 2001
  • La locandiera di C. Goldoni, regia Marinella Anaclerio – 2002 – 2003
  • Il bugiardo di C. Goldoni, regia Marinella Anaclerio e Flavio Albanese – 2002
  • Madre e assassina di Teatrino Clandestino, regia Pietro Babina – Tournée internazionale 2003 - 2007
  • Guerra civile di Pasquale Chessa, regia Gianfranco Pannone - Festival dei due Mondi - Spoleto 2006
  • La bottega del caffè di Rainer W. Fassbinder, regia di Paolo Giorgio - Venezia Biennale Teatro 2007
  • Il gabbiano di Anton Cechov, versione di Martin Crimp, regia Sandro Mabellini – Tournée 2007 /2008
  • Il Club delle Piccole Morti di Tommaso Capolicchio, regia T. Capolicchio e C. Angeli – 2009
  • Sono innamorata di Pippa Bacca, chiedimi perché di Giulia Morello, regia Giulia Morello - 2010
  • Il figlio di Serena Guardone, regia Paolo Zuccari - 2010
  • Intrappolati nella Commedia di Claudio Greg Gregori, regia Mauro Mandolini - 2011
  • Napoletango di Giancarlo Sepe, regia Giancarlo Sepe – 2010 – 2012
  • S/Z - Roberto Zucco di Bernard Marie Koltés, regia Vincenzo Manna - Festival Armunia Inequilibrio 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]