Gianfranco Pannone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gianfranco Pannone (Napoli, 20 maggio 1963) è un regista italiano cinematografico e televisivo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista cinematografico e televisivo, dopo essersi laureato in Storia e critica del cinema all'Università La Sapienza di Roma e diplomato in Regia al Centro Sperimentale di Cinematografia, tra il 1990 e il 1998, ha diretto e prodotto i film documentari Piccola America, Lettere dall'America e L'America a Roma, che insieme compongono la Trilogia dell'America; e successivamente Latina/Littoria 2001, film documentario di produzione italo-francese, con il quale nello stesso 2001 ha avuto il riconoscimento quale miglior opera di non-fiction al Torino Film Festival e nel 2003 al Festival del Cinema del Mediterraneo – Premio Rai.

Tra i suoi corti e mediometraggi, Kelibia/Mazara 1998, in co-regia con T. Ben Abdallah, Pomodori 1999, Sirena operaia 2000, Viaggio intorno alla mia casa 2001, Venezia, la città che affonda 2001 in co-regia con M. Visalberghi), Pietre, miracoli e petrolio, Benvenue chez Casetti 2006. E poi il lungometraggio 100 anni della nostra storia 2006 co-diretto con Marco Puccioni, nella cinquina finale dei David di Donatello 2007; la docuserie Cronisti di strada 2007 e, negli ultimi anni, i corti Immota manet 2009, Linee di confine 2010, Aprilia 2011. Le pietre sacre della Basilicata 2012, Graziano e le sue donne 2013

Io che amo solo te 2004 è il suo lungometraggio di finzione.

I suoi ultimi film documentari sono Il sol dell'avvenire 2008, ideato e scritto con Giovanni Fasanella, presentato come evento speciale al Festival Internazionale del Cinema di Locarno, alla Viennale del 2008, all'International Documentary Film Festival di Londra e nella cinquina finale dei Nastri d’argento 2009; ma che Storia…, film di montaggio prodotto da Cinecittà Luce e presentato nel corso dell'edizione 2010 del Festival Internazionale del Cinema di Venezia, oltre che in molte città del mondo come opera rappresenta i 150 anni dell’Unità d’Italia; Scorie in libertà 2012, presentato nella sezione internazionale del Festival Cinemambiente di Torino 2012 e, come evento speciale, al Festival del Nuovo Cinema di Pesaro dello stesso anno. Il documentario Ebrei a Roma, è stato presentato come Evento Speciale all'edizione 2012 del Festival del Cinema di Roma. Quest'anno ha ultimato il mediometraggio Trit cme la bula e il lungometraggio Sul vulcano. I suoi lavori gli hanno valso partecipazioni e riconoscimenti in molti festival italiani e internazionali e la messa in onda sulle principali televisioni europee.

Gianfranco Pannone ha anche diretto alcuni spettacoli come regista teatrale, tra i quali, nel 2006, Guerra civile, presentato in quello stesso anno al Festival dei due Mondi di Spoleto.

Socio fondatore di Doc/It e attivo nell'associazione 100autori, insegna Cinema documentario al Dams dell'Università degli studi Roma Tre e regia al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e dell'Aquila. Saggista e autore, ha scritto con Giovanni Fasanella Il sol dell'avvenire, diario tragicomico di un film politicamente scorretto (edito da Chiarelettere), con Mario Balsamo L'officina del reale - Fare un documentario dall'ideazione al film (edito da Cdg) e Docdoc – dieci anni di cinema e altre storie (edizione Mephite Cinemasud). Scrive sulla rivista online Ildocumentario.it ed è responsabile della sezione Open eyes del Medfilm Festival di Roma.

Nel 2016 riceve il Premio speciale dei 70 anni del Sindacato e dei Nastri d'Argento[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La giostra (cm. di finzione per Csc), 1989
  • Lettera da Roma (doc. breve per Csc), 1990
  • Piccola America (film doc. lg), 1991
  • Bambini a Napoli (doc. breve), 1993
  • Lettere dall'America (doc. mm), 1995
  • Kenia (doc. cm), 1996
  • Ritorno a Littoria (doc. cm), 1997
  • Ombre del Sud (doc. antologico), 1997
  • Le leggi dimenticate (doc. breve), 1997
  • L'America a Roma (film doc. lg), 1998
  • Kelibia/Mazara (corto di fiction, in co-regia con Tarek Ben Abdallah), 1998
  • Gli ultimi giorni di Ciano (doc. breve), 1998
  • Il tempio di Venere e Roma (doc. breve, in co-regia con Antonio Pettinelli), 1999
  • Pomodori (doc.mm), 1999
  • Così vicini, così lontani (doc. breve, in co-regia con Tarek Ben Abdallah), 1999
  • Anna delle saline (doc. breve), 1999
  • Viaggio intorno alla mia casa (doc. mm), 2000
  • Ferie: gli italiani e le vacanze (doc. breve), 2000
  • Sirena operaia (doc. mm), 2000
  • Venezia, la città che affonda (doc. mm, in co-regia con Marco Visalberghi), 2001
  • Latina/Littoria (film doc. lg), 2001
  • Cerimonie: gli italiani, la Chiesa, lo Stato (doc. breve), 2002
  • Toscana: lungo il fiume (doc. breve), 2002
  • Pietre, miracoli e petrolio (doc. mm), 2004
  • Io che amo solo te (film di finzione lg), 2004
  • Dal dagherrotipo al digitale (doc. breve), 2005
  • Benvenue chez Casetti (doc. seriale per Visages d'Europe), 2006
  • 100 anni della nostra storia (film doc. lg, in co-regia con Marco Piccioni), 2006
  • Cronisti di strada (doc. in tre puntate), 2007
  • Una Questi…one poco privata (doc. breve), 2007
  • Il sol dell'avvenire (film doc. lg), 2008
  • Immota manet (doc. breve), 2009
  • Linee di confine (doc. breve), 2010
  • Agnelli, l'America a Torino (doc. mediometraggio), 2010
  • ma che Storia... (film doc. lungometraggio), 2010
  • Aprilia, 75 anni di vita 150 anni di Storia (doc. breve), 2011
  • Scorie in libertà (film doc. lg), 2012
  • Ebrei a Roma (doc mm), 2012
  • Le pietre sacre della Basilicata (cm), 2012
  • Trit ‘me la bula (doc mm), 2013
  • Sul Vulcano (film lungometraggio), 2014
  • L'esercito più piccolo del mondo (film doc. lungometraggio), 2015
  • Lascia stare i santi, 2016
  • Vittorio Occorsio (serie Tv In nome del popolo italiano), 2017
  • Mondo Za, 2017

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Simone Brioni, Transnationalism and Nostalgia: Gianfranco Pannone's Trilogy of America. Journal of Italian Cinema and Media Studies 4.3 (2016), pp. 403–419

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN262612 · ISNI (EN0000 0000 3708 7702 · SBN IT\ICCU\RAVV\103907 · LCCN (ENn2004025706 · GND (DE1028855400 · BNF (FRcb14608968s (data) · WorldCat Identities (ENn2004-025706